Cerca Hotel al miglior prezzo

Minerbio (Emilia-Romagna): la rocca, il castello e la visita alla cittą

Minerbio, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Minerbio sorge ove probabilmente si trovava anticamente un tempio costruito in onore di Minerva, sicché anche il nome del paese avrebbe risentito di tale influenza. Il borgo si colloca a 21 km da Bologna nell’Emilia-Romagna, in un territorio nel quale ha pienamente fatto il suo corso una massiccia centuriazione romana e una strutturazione urbana rispettata anche nel Medioevo sottoforma di castrum a impianto ortogonale dalle strade incrociate ad angolo retto, come nella migliore tradizione viaria latina.

Per Minerbio fu molto importante l’arrivo in città degli Isolani, mercanti di sete che tessero un solido rapporto con la popolazione locale e nel Trecento diedero avvio a un’implementazione architettonica rilevabile ancora oggi. L’ascesa definitiva della famiglia fu dovuta all’alleanza con i Visconti, stretta per spodestare i Bentivoglio da Bologna a inizio ‘400. Anche quando il controllo della casata cessò, ovvero nel ‘700, il borgo continuò a espandersi e dopo l’occupazione napoleonica divenne Comune. Affrontò entrambe le guerre mondiali e celebrò i caduti ospitando nel centro storico il Parco della Memoria “Casone del Partigiano".

Rocca Isolani

L’odierna Minerbio è una vivibilissima località che ha conservato limpide tracce del suo passato, tracce divenute ammirevoli monumenti testimonianti in sintesi la storia dell’abitato. Nel vecchio borgo medievale s’erge magnifica la Rocca Isolani, emblema della concezione architettonica bolognese datata XVI secolo, risultato finale di una serie complicata di riedificazioni reiterate dal ‘300 per via delle numerose distruzioni operate, fra gli altri, dai Lanzichenecchi.

L’abbellimento con relativa consacrazione risale a metà Cinquecento, il secolo dei sontuosi affreschi del pittore Amico Asperini, disposti lungo i vari ambienti, la Sala di Marte, la Sala dell’Astronomia e la Sala di Ercole. La Rocca è tecnicamente un complesso che annovera non soltanto il corpo principale ma anche la significativa Colombaia di forma ottagonale corredata di una scenografica scala in legno elicoidale congegnata da Jacopo Barozzi alias Il Vignola, e la Villa del Triachini, oggi conosciuto come Palazzo Nuovo, la cui loggia caratterizza la facciata.

Castello Manzoli

C’è un altro castello ed è quello dei Manzoli in località Soverzano, risalente al 1411. Rispetta gli usuali canoni del maniero di stampo militare, possiede mura, merli e fossato distribuiti su pianta rettangolare ai cui angoli spuntano le torri difensive in aggiunta alla torre maggiore. Ex residenza signorile nel ‘500, il castello è inserito all’interno di un parco secolare e si configura perciò quale avamposto fiabesco che trasuda antichità e fascino.

Cosa vedere a Manerbio

L’arredo ecclesiale vanta la presenza della settecentesca Chiesa di San Giovanni Battista, i cui elementi decorativi rimangono ben impressi nella mente del visitatore. Tre cappelle ornano un interno scandito da molteplici opere d’arte e dipinti di matrice sacra quali il Sacro Cuore del Salgazzi e la Beata Vergine Addolorata della Scuola del Reni, sebbene l’apice sia costituito dal gruppo scultoreo della Gloria di Giuseppe Mazza.

Da segnalare anche il Complesso termale Acquabios, attivato di recente, che sfrutta una sorgente ipotermale ricca di sali.

Eventi e Manifestazioni

A Minerbio ci si diverte e si mantiene il sacro fuoco della tradizione attraverso eventi che coinvolgono l’intera popolazione e molti turisti. Tra di essi si segnalano in ordine di tempo la Festa di Carnevale in fattoria a febbraio, la rassegna musicale Antichi Organi ad aprile, la Dolce Fiera a giugno, la Sagra della Tagliatella a inizio luglio e, infine, la Sagra Settembrina.

Come arrivare

In auto bisogna percorrere l’Autostrada A13 e uscire a Bologna Interporto; la stazione ferroviaria è a Bologna, collegata a Minerbio dalle linee extraurbane 93, 237, 301, 356, 357 e 431 gestite dalla TPER; l’aeroporto di riferimento è quello di Bologna.

  •  

 Pubblicato da - 13 Settembre 2017 - © Riproduzione vietata

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close