Cerca Hotel al miglior prezzo

Fiesole (Toscana). Visita al borgo tra le colline fiorentine

Fiesole, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

La vicinanza della bella Firenze, capoluogo e gioiello insuperabile della Toscana, avrebbe potuto mettere in ombra le forme aggraziate e l’ospitalità di Fiesole. Ma la cittadina toscana di 14 mila abitanti, dal suo piedistallo collinare a 300 metri s.l.m., si difende benissimo con un repertorio inatteso di opere artistiche e architettoniche, iniziative culturali e tradizioni dal fascino antico. Il calore della gente toscana e i sapori decisi della cucina locale mettono a proprio agio i visitatori, mentre le linee eleganti dei palazzi e dei giardini fiesolani richiamano alla memoria le origini nobili del centro.

Non a caso Fiesole venne scelta, sin dal Settecento, come luogo privilegiato di soggiorno per gli stranieri illustri recatisi in Italia: molti acquistarono le ville della nobiltà fiorentina e le rimisero a nuovo con la creazione di sontuosi giardini, e in particolare prese forma un nutrita comunità stabile di nordeuropei e americani. Tra i più famosi si ricordano William Spence, che nella splendida villa Medici accoglieva i preraffaelliti inglesi, l’artista Arnold Böcklin che visse i suoi ultimi giorni nella Villa Bellagio, e John Temple Leader, che nel Castello di Vincigliata proiettò il sogno romantico del medioevo: tutti artisti, tra pittori, architetti e letterati, che trovarono ispirazione nell’incanto di Fiesole e la elessero, almeno per un momento, musa o destinataria delle proprie creazioni.

Il cuore pulsante della città è rappresentato dalla piazza Mino, dominata dall’imponente Cattedrale romanica, dal Palazzo Altoviti e dal palazzo comunale. In posizione laterale, ma altrettanto affascinante, si erge la chiesa di San Francesco in cima a una ripida salita. Procedendo dalla piazza verso nord ci si imbatte nel Teatro Romano, ottimamente conservato e sede di un’importante rassegna estiva teatrale e musicale, e nei resti di una necropoli, delle antiche terme romane e di altri palazzi risalenti al periodo tardo-imperiale. Nel vicino Museo Bandini è conservata una ricca collezione di ceramiche dei Della Robbia.

Vale la pena di tornare un momento presso il duomo di Fiesole, per ammirarne le forme grandiose e riscoprirne la storia. Fondato nel lontano 1028, quando il vescovo Jacopo il Bavaro decise di spostare la Cattedrale, fino ad allora presso la Badia, all’interno delle mura cittadine, l’edificio è dedicato all’evangelizzatore di Fiesole San Romolo. Oggi si presenta esternamente come una basilica romanica, col tipico schema a tre navate suddivise da schiere di colonne in pietra, dai capitelli decorati e intagliati, con un presbiterio rialzato sulla cripta e il caratteristico tetto a capriate. Le trasformazioni del Duecento e del Trecento ne avevano alterato l’aspetto originario, ma un restauro ottocentesco ha riportato la chiesa a una vesta più simile all’originale: l’interno è oggi austero, semplice ma elegante, con una navata centrale arricchita soltanto dall’altare marmoreo e dai due affreschi raffiguranti San Benedetto e San Sebastiano. Le storie di Romolo sono invece dipinte nel catino absidale, e sul lato destro del presbiterio si aprono le due cappelle Salutati e dei Canonici.

Tra gli edifici fiesolani a carattere civile spicca invece il Palazzo Pretorio, anch’esso affacciato sulla centrale piazza Mino, di origine trecentesca ma abile a nascondere la sua vera età: ammirando la facciata si ha infatti l’impressione di essere al cospetto di una creazione rinascimentale, vista la loggia con le colonne in pietra serena, riprese nella terrazza superiore. In realtà questo volto è frutto dei restauri quattrocenteschi, ma all’interno si riconoscono alcuni indizi interessanti del periodo precedente, e gli stemmi della facciata ricordano i vari podestà che si sono succeduti alla guida della città.

Non mancano, per completare l’esplorazione di Fiesole, le architetture di tipo militare o difensivo, come le imponenti mura in buona parte conservate, il Castel di Poggio e il vicino Castello di Vincigliata.

A valorizzare i monumenti locali, oltre alla indiscutibile bellezza delle architetture che già sanno attirare molti sguardi ammirati, ci sono tante iniziative culturali, portate avanti dal Comune e da diverse istituzioni. In zona Badia opera l’Istituto Europeo, nella villa La Torraccia ha sede la scuola di musica, l’Università di Harvard ha sede a villa I Tatti e quella di Stanford al Salviatino. Durante l’anno sono frequenti gli allestimenti di mostre d’arte, e non mancano mai le scuse per fare festa nel centro della città: in giugno, in occasione della ‘Notte splendente di Fiesole’, si svolge una vera e propria maratona di eventi enogastronomici, incontri e concerti, e inoltre parte la rassegna ‘Estate fiesolana’, che fino alla fine della bella stagione mette in scena tanti spettacoli musicali e teatrali. Anche l’autunno riserva qualche sorpresa piacevole e golosa, infatti in settembre c’è la Festa della Rificolona in località Ellera, abbinata alla Sagra delle Specialità Fiorentine, e nello stesso periodo c’è la Sagra del Tartufo nella frazione Girone.

Al clima di festa corrisponde un clima mite e sempre piacevole, con inverni dolci e estati calde e soleggiate: i valori medi di gennaio, il mese più freddo, vanno infatti da un minimo di 1°C a un massimo di 10°C, mentre in luglio e agosto si passa dai 17°C ai 31°C. Le precipitazioni sono scarse in estate e raggiungono il picco massimo in novembre, quando cadono mediamente 111 mm di pioggia.

Vicina a città importanti come Firenze, toccata da vie di comunicazione importanti, Fiesole è agevolmente raggiungibile da ogni parte d’Italia. In auto si percorre l’autostrada A1 e si esce a Firenze Sud, per poi seguire le indicazioni per Stadio/Fiesole. La stazione ferroviaria più vicina è quella di Firenze Santa Maria Novella, da cui si può proseguire in autobus, ma è anche possibile viaggiare sulla Ferrovia Faentina e scendere alla stazione di Fiesole-Caldine, che si trova a 5 km dal centro ma purtroppo non è efficacemente collegata ad esso dai mezzi pubblici. Lo stesso vale per le stazioni di Campiobbi/Ellera/Girone, frazioni comunali a 9 km dal centro di Fiesole. L’aeroporto più vicino è l’Amerigo Vespucci di Firenze, da cui si può prendere il bus navetta e raggiungere la Stazione di Santa Maria Novella in circa mezz’ora.
  •  

News più lette

14 Dicembre 2017 Il Calendario dell'Avvento Vivente a Noale ...

Dal 1° al 24 dicembre la vivacissima Noale, cittadina di oltre 15.000 ...

NOVITA' close