Cerca Hotel al miglior prezzo

Ponte a Egola (Toscana): visita alla frazione di San Miniato

Ponte a Egola, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Situata nel territorio comunale di San Miniato in Toscana, Ponte a Egola ne costituisce la principale frazione, famosa tanto per i bei paesaggi quanto soprattutto per la tradizione legata alla produzione del cuoio e alla meticolosa lavorazione della pelle.

Eventi, sagre e manifestazioni

L’attività delle concerie è come in passato preminente nel contesto economico del territorio, tanto importante da divenire la protagonista del Palio del Cuoio, una manifestazione folcloristica che a fine giugno vede sfidarsi i rioni del borgo, Tognarino, Giuncheto, Il Ponte, Le Fornaci e Leporaia, disputando una competizione estremamente particolare: i componenti delle varie squadre devono a testa spingere lungo un percorso rettilineo di 117 metri pesanti botti di legno chiamate caratelli, completando tutti i giri nel minor tempo possibile al fine di aggiudicarsi la vittoria finale.

La località si colloca geograficamente sulle rive del torrente Egola in prossimità della confluenza con il fiume Arno.

Storia

Ponte a Egola non era che un pugno di capanne contadine intorno al ‘700, secolo di nascita dell’abitato, ma i Lorena seppero assicurare uno sviluppo urbano tale da accrescere la popolazione e il raggio d’azione economico, incrementato nell’Ottocento dalla fondazione delle concerie, le quali esplosero con decisione a metà Novecento facendo da spartiacque al comparto industriale. Storica la Conceria dell’Orologio, ora convertita in Biblioteca Comunale.

Cosa vedere a Ponte a Egola

Da vedere la Casa del Popolo, massiccio edificio inaugurato nel 1977 ed esponente dello stile neorazionalista.

Al 1993 risale invece la creazione del Monumento al granatiere eroe cittadino Stellato Spalletti, cui è dedicata anche una delle piazze location del Palio del Cuoio. Il principale luogo di culto rimane in paese la Parrocchiale del Sacro Cuore, datata 1875, che serba all’interno statue scolpite dal sanminiatese Antonio Luigi Gajoni.

Più raccolta ma caratteristica, la Chiesetta di San Luigi Gonzaga appartiene allo stesso periodo.

Come arrivare a Ponte Egola

Dal casello autostradale Pisa Centro prendere la Superstrada FI-PI-LI verso Firenze, uscire a Santa Croce sull’Arno e seguire le indicazioni per Ponte a Egola percorrendo la SS 67 Tosco Romagnola; i treni fermano alla stazione di Santa Maria Novella, da qui bisogna procedere sul treno locale per San Miniato; due gli aeroporti di riferimento, l’Amerigo Vespucci di Firenze e il Galileo Galilei di Pisa.

  •