Cerca Hotel al miglior prezzo

Varna (Alto Adige): il lago, l'Abbazia e cosa vedere

Varna, guida alla visita: cosa fare e cosa vedere tra le sue attrazioni. Varna dove si trova? Cosa visitare nei dintorni, come arrivare e il meteo.

All’imbocco della Valle d’Isarco c’è un borgo che fa praticamente da appendice geografica a Bressanone rivestendone il ruolo di comune-sobborgo. Si tratta ogni modo per Varna di una funzione positiva soprattutto nell’ottica di un turismo che adora i luoghi ameni ma vicini se non promiscui alle località più blasonate, sicché neppure Bolzano dista così tanto da un paese che vanta peraltro la prossimità a uno specchio d’acqua suggestivo, il lago di Varna.

Il Lago di Varna

Il fatto di essere balneare dà la misura del proprio valore, dato dall’identità di luogo idilliaco che rigenera e incanta a 712 metri s.l.m., quota di cui non risente il fitto canneto che ricopre metà della superficie, in totale un ettaro di specialissimo biotopo ricco di iodio, profondo appena 3,5 metri e sottoposto a salvaguardia naturale comprendendo tutto il comprensorio boschivo circostante. Sono presenti in loco una piccola spiaggia frequentata soprattutto in estate e un campeggio raggiungibile a piedi o in bicicletta percorrendo una pista ciclabile.

In determinati periodi, il lago viene interdetto ai turisti per lavori di bonifica finalizzati al ritrovamento di numerosi ordigni bellici risalenti alla Prima Guerra Mondiale. All’epoca le mine anticarro e gli esplosivi venivano stipate nell’ex Polveriera Militare ubicata nell’area Forch di Riga di Sotto.

I paesaggi di Varna

Tornando al borgo di Varna, vi risiedono ca. 4.200 abitanti (nel Medioevo erano in maggioranza albergatori e artigiani, che approfittavano dei frequenti flussi di viandanti ma anche nobili e aristocratici in villeggiatura) pienamente soddisfatti della posizione fra il fondovalle e l’alta montagna, limiti di un paesaggio disegnato da un tripudio di vigne e frutteti, tipici di un’area vitivinicola a notevole resa.

La fertilità della terra deve molto alla capacità del comune di ricorrere quasi totalmente alle energie rinnovabili tratte da oltre 60 impianti fotovoltaici, idroelettricità, biogas, biomasse e teleriscaldamento a diffusione locale. Nel 2012 il suo carattere ecosostenibile ha fruttato al paese il titolo di “re delle rinnovabili”, motivo di sommo orgoglio per l’intera comunità.

L'Abbazia di Novacella

In assoluto il punto di riferimento religioso maggiore della valle, l’abbazia di Novacella è fra le più belle d’Italia, un complesso sacro la cui chiesa ha avuto il pregio di essere stata elevata a basilica minore da papa Pio XII nel 1956.

Fondato nel 1142, il convento ha subito nei secoli numerosi interventi strutturali e ampliamenti per poi fare da sede a un collegio gestito da un millennio dai Canonici Regolari di Sant’Agostino. È tuttavia anche un Centro convegni e un Centro ecologico.

Il complesso si costituisce di una chiesa, una biblioteca, il Castello dell’Angelo ch’è in verità una cappella e, infine, una zona adibita alla viticoltura per la produzione di vini DOC. Il piazzale dell’abbazia si rende estremamente adatto all’organizzazione di manifestazioni, concerti e spettacoli data la disponibilità di attrezzature quali una stazione mobile di ristoro, una lavastoviglie e tensostrutture a garantire una copertura in caso di maltempo o solleone.

Cosa vedere a Varna

Sopraelevata rispetto all’abitato, la Parrocchiale di San Giorgio si fregia di un campanile neogotico innalzato con l’ausilio di blocchi di granito utilizzati per emulare dettagliatamente la Torre Bianca di Bressanone.

Successivamente si rende opportuna una visita a Castel Salern, che sopravvive nel mastio ormai ridotto a rudere: per arrivarci si può utilizzare l’automobile imboccando la strada per Scaleres che conta ben tre tornanti, oppure darsi a una lunga ma appagante passeggiata attraversando il sentiero Carl-Toldt-Weg.

Vi trovate a compiere delle intense camminate? Bene, allora non perdete l’occasione di usufruire gratuitamente dell’Impianto Kneipp, le cui acque gelate promettono effetti idroterapici a livello di circolazione sanguigna. In un’atmosfera di pace e tranquillità sono a disposizione anche degli appositi attrezzi ginnici per dare vigore al corpo.

Il verdeggiante prato serve per rilassarsi e il parco giochi per intrattenere i più piccoli componenti della famiglia. Vi si colloca persino una pista di pattinaggio su ghiaccio, convertita in primavera ed estate in campetto da calcio.

Come arrivare a Varna

Dall’Autostrada bisogna uscire a Bressanone/Varna; dalla stazione di Bressanone partono numerose navette bus dirette ai paesi limitrofi; l’aeroporto di Bolzano dista 40 km dalla località, un po’ più lontano il Verona Villafranca, distante 190 km.
  •  

News più lette