Cerca Hotel al miglior prezzo

Raffadali (Sicilia): visita alla cittą del Pistacchio

Raffadali, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Ubicato su un declivio affacciato sul mare, Raffadali non è più da un pezzo il discreto paese che si conosceva in passato dalle parti dell’entroterra agrigentino; il presente la vuole cittadina che sfiora i 14.000 abitanti, distante appena 14 km dalla vecchia Girgenti (ora Agrigento). Ha la fortuna di presiedere un territorio unico in Sicilia, una zona che gode di un clima costantemente mite, eccezion fatta per il periodo estivo, quando al soffiare dello scirocco si raggiungono picchi superiori ai 40°C.

Il comprensorio collinare che protegge l’abitato si contraddistingue per l’alta concentrazione di siti archeologici che rimandano addirittura alla preistoria risultando di grande interesse per gli studiosi dell’antichità.

Storia ed origine del nome

Il suo nome deriva dal termine arabo rahl-afdal, che significa “villaggio eccellentissimo” in riferimento alla capacità dell’allora casale di espandersi velocemente acquisendo un improvviso prestigio e una certa caratura economica e commerciale. Ciò avvenne a partire dal IX secolo, poi sopraggiunsero i Normanni e così Raffadali divenne feudo della casata capeggiata da Girolamo Montaperto.

La nascita del borgo articolato si fa risalire al 1523 poiché a quella data si collega l’erezione del castello oggi collocato nel centro storico. Dapprima si trattava di una fortezza ma l’odierno aspetto è quello di una dimora signorile dalle linee architettoniche rinascimentali. I Montaperto regnarono per diversi secoli e la loro memoria vive ancora, scolpita nell’anima e nello spirito del paese.

Cosa vedere a Raffadali

In aderenza a tutte le altre realtà comunali della Sicilia, anche Raffadali presenta un numero quasi interminabile di luoghi di culto, chiese, oratori e santuari. A questo novero vanno aggiunte cinque cappelle e due edicole sacre, dedicate entrambe alla Madonna con Gesù Bambino. La Chiesa madre di Santa Oliva rappresenta il massimo riferimento di matrice cristiana, un edificio assai significativo che sorge lungo via Nazionale dal XV secolo, dopo che la vecchia chiesa (misteriosa l’ubicazione) andò in rovina. Il suo aspetto è riassumibile in una pianta a croce latina, tre navate con transetto, cupola e volta centrale affrescate per far da degna cornice alla custodia di un sarcofago romano del II secolo d.C. su cui è raffigurato il Ratto di Proserpina, diverse tombe che accolgono le spoglie dei Montaperto e una statua lignea che ritrae Maria Santissima degli Infermi con il Bambino, opera cinquecentesca eseguita da Nicola Buttafuoco. Proprio in questa chiesa si celebra la Festa della Madonna degli Infermi, patrona omaggiata nella seconda metà di luglio.

Molto più moderna è la Chiesa di San Giuseppe, ottocentesco progetto dell’architetto Saverio Bentivegna che si fregia di una facciata in grado da sola di esprimere il grande potere visivo dell’arte barocca siciliana.

Eventi, sagre e manifestazioni

I tre maggiori eventi che si festeggiano a Raffadali coincidono con il Carnevale - quattro serate di sfilate di carri allegorici, divertimento e scorpacciate di spingi e pignulata - la Pasqua (per l’occasione di prepara u panareddu cu l’ovu) e il Natale (tradizione vuole che si mangino i purciddati e il pane coi fichi). Il piatto principe è però il macco di fave, composto di fave secche molto cotte, verdure e olio extravergine d’oliva. L’economia si basa sulla coltivazione di grano, mandorle, uva e olive, senza dimenticare il pregiato pistacchio di Raffadali, prodotto apprezzato in tutta la provincia. Per celebrarlo, a fine settembre, va in scena la Sagra del Pistacchio di Raffadi.

Come arrivare a Raffadali

Da occidente prendere l’Autostrada A29 Palermo – Mazara del Vallo, uscire a Castelvetrano e proseguire sulla SS 115 fino allo svincolo di Agrigento Bassa, direzione Raffadali; da oriente imboccare l’Autostrada A19 Catania – Palermo, uscire a Caltanissetta, procedere lungo la SS 640 in direzione del paese; pullman di linea collegano Palermo, Catania e Agrigento al borgo; la stazione ferroviaria è quella di Agrigento Centrale; l’aeroporto più vicino è il “Falcone Borsellino” di Palermo.

  •