Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Kastellorizo

Kastellorizo (Castellorizo) vacanze nell'isola del Mar Mediterraneo

Pagina 1/2

La quiete profonda, il silenzio musicale della natura, i ritmi squisitamente lenti di un’isola in cui ci si sposta soltanto a piedi: questi tratti gentili di Kastellorizo (Castellorizo o Castellorosso), l’isola greca più orientale del Dodecaneso, fanno pensare a un paradiso tranquillo e pacifico, dall’indole mite e le giornate sempre simili tra loro. In realtà Kastellorizo, a 72 miglia nautiche da Rodi e a 2 miglia nautiche dalla città turca di Kas, vanta un passato glorioso e ricco, tutt’altro che monotono, di cui rimangono alcune testimonianze preziose.

Famosa per aver fatto da sfondo alle scene del film “Mediterraneo”, di Gabriele Salvatores, l’isola deve alla pellicola gran parte della sua popolarità, e molti spettatori sono subito diventati turisti: una volta giunti sul “set” si sono resi conto della bellezza di questi luoghi, che profumano di sale e di libertà, e brillano di colori splendenti. Ma l’importanza dell’isola affonda in un tempo molto più lontano, quando era una delle maggiori potenze dell’Egeo: un tempo il suo nome era Megisti, infatti la leggenda narra che il primo colono fu il principe cretese Megisthus. Conquistata da Rodi nell’VIII secolo e immediatamente diventata un fiorente centro commerciale di 15 mila abitanti, l’isola si è sviluppata soprattutto nel periodo della dominazione turca, a partire dal 1537.

Oggi Megisti è il nome del paese principale di Kastellorizo, un centro pittoresco di casette dai colori accesi: a tinteggiare le abitazioni con sfumature sgargianti furono, per primi, i bizantini e i turchi, che consideravano la brillantezza delle pareti un simbolo di benessere e ricchezza. Tra le attrattive principali della cittadella c’è un piccolo museo del folklore, che riunisce testimonianze colorite delle tradizioni locali, ma anche alcuni reperti archeologici di grande importanza storica.

Non mancano le chiese di grande interesse, in particolare quella di Agios Constantinos in località Eleni, edificata nella prima metà dell’Ottocento utilizzando materiali provenienti dall’antico tempio di Apollo, o la piccola chiesa di Agios Nikolaos. Tra gli edifici civili spicca invece il castello dei cavalieri, risalente al XIV secolo, che ha ispirato il nome attuale dell’isola: trovandosi su un terreno di rocce rosse, è stato soprannominato “castello rosso”, da cui il toponimo Kastellorizo. A breve distanza si possono ammirare le rovine di un bagno turco e la splendida caverna di Parastras, irta di stalattiti e stalagmiti.

Ma le testimonianze storiche costituiscono una piccola parte delle bellezze locali: il tesoro più prezioso dell’isola, infatti, sono le spiagge e le calette disseminate lungo la costa, raggiungibili mediante sentieri segreti e stradine panoramiche sulla scogliera. Una volta scelta la propria baia preferita, ci si può dedicare ad alcune attività divertenti come la pesca, le immersioni o il windsurf, oppure ci si può abbandonare al totale relax, adagiandosi sulla sabbia tiepida e lasciandosi accarezzare dal sole e dalla brezza.
... Pagina 2/2 ...
Se invece siete alla ricerca di divertimento serale, non troverete discoteche o locali rumorosi sull’isola, ma potrete optare per le caratteristiche taverne, in cui assaporare le migliori specialità greche, o per i bar accoglienti in cui sorseggiare una bevanda fresca in riva al mare. E se vi trovate a Kastellorizo il 20 di luglio avrete la fortuna di assistere ai festeggiamenti in onore del profeta Elia, con l’immancabile tuffo in mare tutti insieme.

A rendere ancora più piacevoli le serate estive e le giornate in spiaggia c’è il clima mediterraneo, caratterizzato da estati calde, secche e soleggiate, alleggerite da una brezza costante, e inverni mai troppo freddi ma un poco piovosi. Le temperature minime invernali non scendono mai al di sotto dei 2-3°C, e le massime oscillano quasi sempre intorno ai +15°C, mentre nei mesi più caldi si toccano i 32-33 °C ,a si possono sfiorare valori molto elevati, sino ai 38°C. La zona nord-orientale di Kastellorizo subisce l’influenza del clima continentale, e nei mesi invernali sono frequenti i temporali, quasi assenti invece nella bella stagione.

Per raggiungere Kastellorizo ci si può affidare all’aereo o alla nave. In alta stagione ci sono diversi voli quotidiani da Rodi o da Atene: il viaggio aereo da Rodi a Kastellorizo, con la compagnia di bandiera Olympic, dura circa 40 minuti, e si atterra a 1 km dal centro di Megisti. Chi preferisce viaggiare via mare può partire da Rodi in aliscafo o in traghetto.

close