Cerca Hotel al miglior prezzo

Brielle (Paesi Bassi), la cittą sull'isola di Voorne

Brielle, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

In passato si è chiamata Den Briel, poi La Brille. Oggi si chiama Brielle, ma proprio come un tempo è una bella cittadina olandese, ricca dal punto di vista culturale, storico e architettonico. Popolata da circa 16 mila abitanti, situata nella provincia dell’Olanda Meridionale, la località se ne sta incastonata sull’isola di Voorne, a breve distanza dalle sponde del Brielse Meer (ovvero Lago di Brielle), con i suoi tetti a punta, i suoi canali pittoreschi e le sue piazzette vivaci.

Alle spalle ha una storia lunga e avvincente, cominciata almeno all’inizio del Trecento, quando venne redatta una prima carta costitutiva della città: per un periodo vi risedettero i conti di Voorne, ma nel 1371 il loro feudo fu annesso all’Olanda. A quel tempo Brielle faceva parte della lega anseatica, vantava un grande e fiorente porto mercantile e possedeva una base commerciale in terra svedese. Ma l’episodio storico più saliente si ebbe nell’aprile del 1572, durante la cosiddetta Guerra degli Ottant’anni, quando il barone di Lumley Guglielmo II de la Marche guidò i ribelli protestanti – i Gheusi - alla presa di Brielle. Fu un vero massacro di cattolici, ancora oggi ricordati in vari periodi dell’anno con pellegrinaggi in città, e soprannominati i ‘Martiri di Gorcum’. Nel 1585 le Province Unite firmarono il Trattato di Sans Pareil con la Regina Elisabetta, cedendo Brielle e altre città della zona all’Inghilterra, ma nel 1616 vennero restituite ai legittimi proprietari.

La città che si può ammirare oggi è un concentrato di scorci pittoreschi, racchiuso in una cornice di mura antiche. Ogni monumento racchiude una memoria, in attesa di essere raccontata: cartelli, iscrizioni e didascalie, abilmente disseminate per la città, accompagnano i turisti nella scoperta di Brielle, a meno che non preferiscano una interessante visita guidata per il centro. Qualunque tipo di tour si intraprenda, non si può rinunciare alla salita in cima alla torre Catharijne, recentemente restaurata, da cui si gode una splendida vista sulla città e la campagna circostante.

Il vero gioiello architettonico di Brielle sono le sue mura: la fortificazione ha assunto l’aspetto attuale nei primi anni del Settecento, con bastioni massicci, rivellini ancora intatti e camminamenti di ronda, ma è stato l’ultimo restauro degli anni Settanta a riportarla davvero all’antico splendore.
Da vedere anche la grande chiesa di Santa Caterina, che come tanti edifici di culto della zona è rimasta incompleta: soltanto alcune parti, come la massiccia torre campanaria, vennero terminate tra il 1462 e il 1482. All’interno del campanile si nasconde un carillon con ben 47 campane, molte delle quali realizzate dal famoso artigiano François Harmony.

Ogni momento dell’anno è buono per visitare Brielle, che mostra un volto diverso a seconda della stagione. Soleggiata o velata di una nebbia leggera, fredda o accarezzata dal sole, la città è spesso animata da manifestazioni culturali e appuntamenti di festa. Da non perdere la rievocazione del primo di aprile, quando si ricorda la liberazione della città da parte degli spagnoli, o la rassegna culturale del mese di ottobre.

Il clima è generalmente fresco ma non troppo rigido, gradevole soprattutto nel periodo estivo. Le temperature medie di gennaio, il mese più freddo, vanno da una minima di 0°C a una massima di 5°C, mentre in luglio e agosto passano dai 12°C ai 20°C. Le precipitazioni, scarse tra maggio e settembre, toccano il picco massimo nel mese di gennaio, quando piove mediamente un giorno ogni due.

Per raggiungere Brielle ci si può servire dell’aeroporto internazionale di Rotterdam, situato a una ventina di chilometri dalla meta, oppure dell’aeroporto di Amsterdam, a 60 km circa. Entrambi i terminal garantiscono voli di collegamento con numerose città olandesi ed europee. La città è servita dall’autostrada A15: da Rotterdam ci si immette sulla A20, si prende l’uscita 10 e ci si immette così in A4. A questo punto si entra in A15 e procedendo in direzione Hellevoetsluis/Europoort/N57 e si prende l’uscita 12 per Brielle.
  •  

 Pubblicato da - 27 Luglio 2011 - © Riproduzione vietata

News più lette

close