Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Zwolle

Zwolle (Olanda), antica cittą della Lega Anseatica

Pagina 1/2

Un tappeto verde e la sagoma snella della torre, diventata ormai il simbolo della città, che si staglia contro il cielo mutevole d’Olanda: è lo scorcio che si apprezza avvicinandosi a Zwolle, città dei Paesi Bassi di circa 120 mila abitanti, capoluogo della provincia dell’Overijssel. Lo scintillio dell’acqua domina il paesaggio tutt’intorno e lo stesso centro storico, infatti un bel ricamo di canali, collegati al fiume Zwarte e Ijssel, che si sviluppa tra le strade cittadine e unisce Zwolle al golfo dello Zuiderzee e al polo industriale di Twente.

A seconda della stagione e dei propri gusti, Zwolle si rivela una gradevole meta per una gita di un giorno, oppure la destinazione irresistibile per una vacanza più lunga, in cui immergersi con calma nell’autentica atmosfera locale e scoprire sapori, profumi e divertimenti di una città moderna. Menzionata per la prima volta in documenti dell’anno Mille, fu un fiorente centro culturale del medioevo e fece parte, insieme ad altre città olandesi, della Lega Anseatica. Questa storica alleanza economica, stabilita insieme ad Hasselt, Kampen, Hattem, Deventer, Zutphen, Doesburg e altre città tedesche, nel XIII secolo consentì a Zwolle di arricchirsi velocemente grazie ai commerci di minerali, cereali, tessuti, legname e miele.
Divenuta un possedimento dell’imperatore Carlo V nel 1527, culla del luteranesimo verso la fine del secolo, raggiunse il massimo splendore nel Seicento: a quell’epoca risalgono proprio le chiese e i palazzi più sontuosi della città.

Innanzitutto, per arrivare al cuore di Zwolle, se ne devono superare le antiche mura perimetrali, interrotte da alcune porte d’accesso ben conservate: da vedere la quattrocentesca Sassenpoort, all’incrocio tra la Sassentraat e Wilhelminasingel. Molto spettacolare anche la Mosterdtoren, situata a fianco dello Stadsgracht, il canale che circonda il centro storico. Se la giornata è serena è sempre un piacere sedersi a bere un caffè all'ombra delll'imponente bastione.

Il primo palazzo del centro a catturare l’attenzione degli ospiti è l’Onze Lieve Vrowetoren, che con la sua torre imponente si è guadagnato il soprannome di Peperbus, “macina pepe”. In origine si trattava di una chiesa, e oggi è l’architettura simbolo per eccellenza, visibile da lontano e amata dai residenti come una grande, fedele guardiana. La scalata della torre costa appena 1 o 2 euro ed è consentita per tutto l’anno, con orari variabili in base alla stagione.

... Pagina 2/2 ... Un’altra chiesa interessante domina l’Oude Vismarkt, la piazza del vecchio mercato del pesce. È l’austera Grote Kerk, che ancora oggi, dopo secoli di disavventure, mantiene un’aura solenne ed elegante, nonostante sia stata colpita più volte da fulmini e abbia registrato qualche acciacco. Soltanto il campanile e pochi altri elementi architettonici sono andati irrimediabilmente perduti, e gran parte della struttura superstite risale al XV secolo. Accanto a lei se ne sta l’edificio municipale, lo Stadhuis, che comprende una porzione più antica in tipico stile olandese, creata nel Quattrocento, e una parte nuova aggiunta nel 1976, dall’aspetto leggero e moderno.

Chi vuole comprendere a fondo i capitoli più appassionanti della storia di Zwolle, o semplicemente dare uno sguardo agli usi e alle tradizioni della città antica, troverà istruttiva una visita allo Stedelijk Museum Zwolle, aperto tutti i giorni tranne il lunedì, custode di vari oggetti che risalgono al medioevo. Aldilà della collezione permanente, che unisce utensili quotidiani agli strumenti di guerra, il museo ospita volentieri esposizioni temporanee di vario genere, dai capolavori pittorici del passato alle fotografie più attuali, passando per le arti multimediali e osando istallazioni moderne di grande impatto.
Il “museo” più amato dai bambini è invece l’Ecodrome, un centro educativo che stimola i visitatori attraverso esperimenti scientifici e giochi interattivi.

Se si ha intenzione di visitare Zwolle senza fretta, magari dedicandole una manciata di giorni, si può scegliere il vivace periodo estivo, quando il mercato del fine settimana assicura un piacevole viavai e non mancano mai le occasioni mondane. In questa stagione, inoltre, il clima è particolarmente gradevole, ad eccezione di qualche pioggia che in Olanda non manca mai. Le temperature sono generalmente miti: in luglio ed agosto, i mesi più caldi, si va da una minima media di 14°C a una massima di 20°C, con punte di 25°C nelle giornate serene. Quest'ultime non sono molto frequenti, dato che l'estate è il periodo più piovoso, con picco delle piogge a luglio, quando cadono mediamente 104 mm di pioggia. Anche in inverno sono rari i picchi di freddo, e le medie di gennaio variano tra 0°C e 3°C, mentre le minime sotto zero si riscontrano nel mese di febbraio.

Per avvicinarsi a Zwolle in aereo si può atterrare all’aeroporto di Amsterdam Schiphol, da cui partono numerosi treni che vi condurranno in città in circa un’ora e mezza. Chi viaggia in auto può servirsi dell’autostrada A1 e della A28: in genere, salvo traffico particolarmente intenso, dall’aeroporto alla meta occorre un’ora di macchina.
loading...
close