Cerca Hotel al miglior prezzo

Documenti di viaggio per entrare a Cipro, Greca e Turca

Cipro è un Paese dell’UE e per entrarvi è necessario avere almeno uno tra il passaporto e la carta d’identità in corso di validità. E’ di norma accettata la carta d’identità valida per l’espatrio rinnovata (cartacea con timbro o elettronica con certificato), ma può essere utile rivolgersi al proprio Comune al fine di sostituirla con una nuova carta d’identità per scongiurare qualsiasi tipo di problema all’ingresso nel Paese. Per maggiore sicurezza si consiglia eventualmente di portare con sé il passaporto.

A causa della particolare situazione politica del Paese, è obbligatorio entrare nell’isola attraverso un porto od aeroporto della Repubblica di Cipro e solo successivamente ci si può spostare a nord nella cosiddetta Repubblica Turca di Cipro del Nord. Facendo invece il percorso contrario, entrando cioè dalla Repubblica Turca di Cipro del Nord, si rischia l’arresto per ingresso clandestino nel Paese al momento di passare nella zona a sud (Repubblica di Cipro).

Il visto non è richiesto per l’ingresso nella Repubblica di Cipro. Per entrare nell’altra zona dell’isola, quella d’influenza turca, venendo da sud, è obbligatorio il passaporto (ma a discrezione dei funzionari potrebbe essere accattata anche la carta d’identità). Alla frontiera turco-cipriota è rilasciato un visto da riconsegnare all’uscita.

Dogana

Vige il divieto d’importazione di cibi freschi (di origine animale o vegetale indifferentemente) e quello d’esportazione di opere d’arte e resti archeologici, a meno che non si sia in possesso di regolare autorizzazione.

Chi viaggia con animali deve possedere il passaporto elettronico dell’animale, che deve aver effettuato le vaccinazioni previste dalla normativa comunitaria. All’arrivo nell’isola si paga una tassa per l’animale ed un veterinario ufficiale lo visita per autorizzarlo all’ingresso.

Sicurezza

A causa dell’intervento militare turco del 1974, l’isola è divisa in due zone; quella a sud, greco-cipriota, è chiamata Repubblica di Cipro, mentre quella a nord, turco-cipriota, è chiamata Repubblica Turca di Cipro del Nord. Esiste una zona cuscinetto tra le due aree, opportunamente segnalata, in prossimità della quale è vietato sostare su veicoli così come scattare fotografie. E’ consentito attraversare questa “Buffer Zone” esibendo il passaporto o la carta d’identità ai check point predisposti. L’attraversamento al di fuori di questi passaggi comporta il rischio di fermo da parte di pattuglie militari armate, ed in ogni caso si segnala la presenza di campi minati al di fuori di tali passaggi.

Si evitino le manifestazioni politiche lungo la linea di confine tra le due aree del Paese. Si raccomanda di fare attenzione a non sconfinare nelle zone militari e si segnala che seppur contenuto, è in aumento il tasso di microcriminalità.

Solo la Repubblica di Cipro è riconosciuta internazionalmente come entità statale, pertanto eventuali problemi di cittadini italiani nella zona turco-cipriota non possono essere risolti dalle Autorità diplomatiche italiane, in quanto non esistono contatti ufficiali con le Autorità della Repubblica Turca di Cipro del Nord.

L’uso e la detenzione di sostanze stupefacenti sono puniti severamente con pene dagli 8 anni di carcere per le droghe leggere all’ergastolo per quelle pesanti. Gli abusi sessuali e le violenze ai danni di minori sono puniti severamente e si ricorda che i reati che coinvolgono minori sono perseguiti anche in Italia al momento del rientro in Patria.

Nel caso in cui si verificassero problemi con le Autorità di Polizia locali, si consiglia di contattare l’Ambasciata italiana nel Paese.

Sebbene il nostro sforzo sia quello di mantenere le informazioni aggiornate prima di partire vi consigliamo di consultare anche il sito Viaggiaresicuri.it
 
  •  

 Pubblicato da - 17 Febbraio 2011 - © Riproduzione vietata

01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close