Cerca Hotel al miglior prezzo

Salon-de-Provence (Francia): la cittą e la casa di Nostradamus

Salon-de-Provence, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Forse non tutti sanno, almeno qui in Italia, quale sia la sua origine e dove abbia vissuto Nostradamus.
Il grande astrologo, medico e scrittore francese nacque in Provenza, nel dipartimento di Bouches-du-Rhône. Dalla natìa Saint-Rémy-de-Provence si trasferì poi nella vicina Salon-de-Provence, dove visse per buona parte della sua vita e dove poi morì nel 1566.

Oggi, arrivando in questa cittadina di circa 45.000 abitanti, ciò che colpisce il turista sono gli uliveti che ricoprono le colline circostanti e che sono da oltre sei secoli il cuore pulsante dell'economia locale, tanto per la produzione di olio d'oliva per uso alimentare quanto per il suo uso nella produzione del sapone di Marsiglia.
Salon-de-Provence fu colpita, nel 1909, da un terremoto di magnitudo 6 che danneggiò edifici e monumenti, in buona parte successivamente riparati.

I turisti in visita alla città possono entrare nel centro storico – piccolo, curato e ordinato – a piedi attraverso la porte du Bourg-Neuf, uno dei punti d'accesso delle antiche mura che un tempo difendevano la città. La splendida Tour de l'Horloge, restaurata nel 2003, segna il passaggio dalla città vecchia alla città moderna: costruita nel XVII secolo, accoglie una campana, un orologio e, sul lato nord, una sfera che descrive i movimenti della Luna, mentre sul lato sud un semainier rappresenta i giorni della settimana con le immagini dei pianeti.

Una delle principali attrazioni di Salon-de-Provence è lo Château de l'Empéri, un castello risalente al X secolo, ma che fu poi ricostruito, con l'aspetto attuale, nel XIII secolo, e che fu la residenza degli arcivescovi di Arles. La sua sagoma è inconfondibile, con le mura e le torri merlate che svettano tra gli altri edifici. Una ripida scalinata conduce all'ingresso del castello, che oggi ospita il Musée de l'Empéri, un museo militare che custodisce divise e reperti militari francesi dei secoli scorsi, coprendo un periodo di tempo che va dall'epoca di Luigi XIV alla Prima Guerra Mondiale.

Tra i personaggi famosi che vi hanno soggiornato o vissuto nel corso dei secoli si ricordano Re René, Francesco I, Caterina de' Medici, Enrico IV, e Luigi XIV. In seguito alla Rivoluzione francese il castello divenne di proprietà della città di Salon, che lo trasformò nel XIX secolo in una caserma. Oggi, come detto, ospita invece un museo e nei suoi cortili interni si tengono a volte eventi e spettacoli come concerti di musica classica e opere teatrali.

Dopo lo Château de l'Empéri, l'altro principale punto d'interesse turistico è sicuramente la casa di Nostradamus, una casa-museo che permette di scoprire il luogo dove Michel de Nostredame visse dal 1547 al 1566 e dove scrisse le sue opere più celebri, tra cui le “Profezie”. Il museo (ingresso 5,10 euro) occupa solamente una parte della casa di Nostradamus e raccoglie documenti e oggetti originali del XVI secolo. C'è poi lo spazio della libreria-boutique e, a pochi passi dal museo, anche il Centre de Documentation et de Recherche, un polo scientifico dedicato ai ricercatori e agli studenti che desiderino approfondire la conoscenza dell'opera e degli studi di Nostradamus.

A Salon-de-Provence è possibile anche visitare la splendida Collégiale Saint-Laurent, una chiesa costruita tra il XIV e il XV secolo che fonde elementi tipici dell'architettura romanica e gotica e che ospita al suo interno il sepolcro di Nostradamus.

La piccola Place Crousillat, a pochi passi dalla casa-museo di Nostadamus, è ideale per una sosta nei tavolini esterni dei caffè e guardare il viavai di persone; qui si trova anche una fontana, la fontaine moussue (o Grande Fontaine) caratterizzata dall'imponente presenza di muschio e calcare che con il passare degli anni hanno assunto le sembianze di un albero (o di un enorme fungo verde) e che è ormai un simbolo della città.

Tra gli eventi di Salon-de-Provence ricordiamo le Feste Rinascimentali (Fêtes Renaissance), che si svolgono ogni anno l'ultimo fine settimana di giugno. L'appuntamento rievoca il passaggio di Caterina de' Medici a Salon per consultare Nostradamus, e la cittadina allestisce oggi per l'evento sfilate e ambientazione a tema con figuranti in maschera, cartomanti, artigiani, taverne e saltimbanchi che animano il centro storico.

Nel 2016 ricorre il 450° anniversario della morte di Nostradamus (2 luglio 1566) e l'occasione è ideale per recarsi in città a visitare non solo la casa e la tomba del più celebre astrologo di tutti i tempi, ma per compiere l'intero itinerario a tema del cosiddetto “Circuit Nostradamus” tra i luoghi simbolo della sua presenza a Salon.

Come arrivare
Salon-de-Provence si trova praticamente a metà strada tra Arles (40 km) e Aix-en-Provence (35 km) ed è facilmente raggiungibile in auto, in treno o in autobus. Dall'Italia, attraversando in auto il confine a Ventimiglia, si raggiunge Salon rimanendo sull'autostrada A8 fino all'uscita corrispondente.
Avignone e Marsiglia distano entrambe circa 50 km, mentre il Mare Mediterraneo si trova 35 km più a sud di Salon.
  •  

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close