Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Arles

Arles: l'anfiteatro, il teatro antico, i criptoportici e le terme romane

Pagina 1/2

Città magica della Provenza Arles vale da sola un viaggio e lo testimonia il fatto che fa parte del patrimonio culturale mondiale dell'UNESCO.
Arles si appoggia ad una bassa collina, dove il fiume Rodano si dirama in due parti in direzione del mare.
Territorio esteso, il Comune è il più grande della Francia, con una superficie di oltre 750 chilometri quadrati, la città ha una storia antichissima che risale al 7 ° secolo aC, per vederla trasformare in un grande insediamento gallico e romano. I principali siti romani, come ad esempio l'Arena e il Teatro, sono davvero unici, nel senso che essi sono integrati nelle case e edifici della città, piuttosto che rimanere in posizione solitaria e distaccata come accade in altri centri della Provenza. Fu qui che il celebre pittore Van Gogh trasse ispirazioni per le sue opere geniali, e i caldi colori provenzani e della vicina Camargue, riusciranno a catturarvi ed ammaliarvi durante la vostra vacanza ad Arles

Arles è nota in tutto il mondo per la ricchezza della sua epoca romana e il suo cristallino patrimonio romanico. I monumenti della città elencati come Patrimonio Mondiale dell'UNESCO nel 1981 comprendono l’anfiteatro romano (detta anche l'arena), il bellissimo teatro romano, il Criptoportico (basi dello Foro Romano), le Terme Romane di Costantino, i resti del circo romano, il portale e chiostro di San Trophime, e il cimitero di Alyscamp.
Questo cimitero è stato il punto di partenza per il «Chemin d'Arles», noto anche come la Via Tolosana, uno dei tre percorsi di pellegrinaggio medievale in tutta la Francia che portano poi a Santiago de Compostela in Spagna.

L'arena di Arles ha una magnifica forma ellittica con una lunghezza massima di 136 m. Poteva contenere circa 24.000 spettatori accolti da un sistema a doppia arcata, per un toatale di 120 archi, con capitelli dorici e corinzi nella parte superiore. L'anfiteatro romano di Arles rivive oggi con gli spettacoli dell'arena, ora non più cruenti.
Anche il grande Teatro è utilizzato per spettacoli e manifestazioni culturali. Della grande scena rimangono due colonne corinzie, chaiamte Deux Veuves, le due vedove.
Uno dei capolavori artistici di Arles è la cheisa di St. Trophime, una delle chiese più belle di tutta la Provenza. la facciata possiede un magnifico portale riccamente scolpito e decorato. L'interno è semplice ed austero, ma il vero capolavoro è il grande chiostro, una meraviglia architettonica, contornato da una serie di esili colonne binate, con capitelli istoriati. il tutto impreziositi da bassorilievi e statue.

Per visitare a fondo Arles si possono seguire alcuni consigli:
Potrete innanzitutto utilizzare un opuscolo in vendita presso l'Ufficio del Turismo che descrive i 4 percorsi pedonali, in base al tema, che è possibile seguire al proprio ritmo.
Oppure potrete seguire l'UNESCO World Heritage Trail, un percorso a piedi di un ora e mezzo che rappresenta una sintesi dei principali monumenti inclusi nel 4 percorsi a tema (descritti in un opuscolo in vendita presso l'Ufficio del Turismo).
In alternativa potete seguire una visite guidate (circa 2 ore) aperte al pubblico durante il quale verrete accompagnati da una guida-docente (chiedere per il programma presso l'Ufficio del Turismo).
Con il vostro telefono cellulare o con un walkman MPS in affitto presso l'Associazione Turistica, è possibile scoprire la città con «Allo Visit», un originale e vivace modo di visitare con audiocurato da attori ed altro ancora. Basta chiamare il numero 3223.

Da segnalare anche il biglietto globale «pass monumenti» che consente l'accesso a 6 monumenti e 3 musei della città. Da Pasqua a ottobre si può scoprire la città e i suoi principali monumenti nel corso di un tour in autobus di 40 minuti con un commento in 6 lingue.
Un altra attività che si può compiere ad Arles è un viaggio in treno turistico, tra Arles e Fontvieille, la città resa famosa da Alphonse Daudet. Alpilles il piccolo treno vi condurrà al piede dell'Abbazia di Montmajour. Se vi piace pedalare potete tranquillamente utilizzare la bicicletta: le piste ciclabili sono segnate in centro del paese

... Pagina 2/2 ... Ad Arles si trovano importanti musei di cui bisogna segnalarne almeno 3.
Il Musée d'Arles et de la Provence Antique, e cioè il museo archeologico di Arles, è ancorato sulle rive del Rodano dal 1995, ed è stato costruito da Henri Ciriani accanto ai resti del circo romano.
Esso contiene le collezioni archeologiche della città e della regione circostante, che copre il periodo dal neolitico alla fine del periodo romano e paleocristiano.
Il Museon Arlaten, il locale Museo Etnografico, è invece ospitato nella casa ex-Laval Castellane risalente al 15 ° secolo. Il museo è stato creato nel 1896 da Frederic Mistral, un poeta regionalista, con costumi, oggetti, mobili, strumenti, oggetti connessi con le locali tradizioni religiose e superstizioni, che illustrano la vita in Provenza nel corso del 19 ° secolo. .
Il Musée Réattu, donazione Picasso, e cioè il museo di belle arti, è ospitato nell' ex Gran Priorato dei Cavalieri di Malta. Essa espone le opere di Jacques Réattu, un pittore di arles durante il periodo della Rivoluzione francese, tra il 18 ° e 19 ° secolo, ma anche autori moderni e contemporanei di grade spessore come artisti del calibro di Picasso, Zadkine e Alechinsky. Il museo possiede anche una notevole collezione di fotografie celebri tra cui alcuni scatti di Henri-Cartier Bresson, Edward Weston e molti altri ancora.

Il nome di Arles è strettamente connesso con quello di Vincent Van Gogh. E 'impossibile per evocare la luce di Arles, evitare il ricordo dei suoi dipinti. E' stata questa luminosità che ha attratto Van Gogh nel sud della Francia. Vincent arrivò ad Arles un giorno del febbraio 1888 cercando la luce del paessaggio, ma anche alla ricerca di una luce interiore.
Qui iniziò un periodo di intenso e appassionato lavoro sotto il sole luminoso cielo di Provenza. Il suo soggiorno ad Arles è stato il periodo più produttivo della sua vita: più di 300 dipinti e disegni fatti in 15 mesi in uno dei capitoli più brillanti nella storia dell'arte. Anche se non vi sono dipinti originali di Van Gogh in città, l'ombra della sua presenza è ovunque. E' possibile compiere in città un Van Gogh Waling Tour, un percorso a piedi nella città con 10 punti bene evidenziati. Tra essi ricordiamo la Place du Forum per la "Serata Café", il ponte Trinquetaille per la "Scala del ponte Trinquetaille", il Rodano banchina per la celeberrima"Notte stellata (Starry Night)", la place Lamartine per la "Casa Gialla", Rue Mireille per "Old Mill (vecchio mulino)", il giardino estivo sul Boulevard des Lices per il "Public Garden", l'Espace Van Gogh per il "Giardino dell'Ospedalel", la strada lungo il canale Arles à Bouc per il "ponte di Langlois con lavandaie". L'Arena e il Alyscamps sono stati rappresentati anche in diversi dipinti.

Per arrivare ad Arles è molto facile dall'Italia. Da il valico di Ventimiglia si prosegue lungo la A8, fino ad Aix en Provence, da qui si prosegue lungo la A7 e subito dopo svoltando per A54, che in 45 km circa conduce ad Arles.
Il clima di Arles è tipico mediterraneo, e quindi caratterizato da estati calde ed asciutte. In luglio ed agosto il caldo si fa sentire, ma la relativa vicinanza di Arles al mare e le colline mantiene una discreta ventilazione. Il periodo estivo con poche piogge consenta parecchie manidestazioni ed eventi culturali nella città.
I periodi più piovosi sono invece l'autunno e l'inverno, stagioni in cui non fa molto freddo, ma ci pensa il celebre Mistral, a rendere puttosto pungenti le temperature.

Dintorni di Arles.
A sud-ovest di Arles si trova Aigues-Mortes, un bel centro storico con città murata, da dove sono partiti i Cavalieri a loro Crociate. Probabilmente molto affollata di turisti durante l'estate. A nord-est di Arles si trova invece Les Baux-de-Provence. Molto turistica, ma interessante richiede un sacco di tempo per una visita a piedi , e trovare da parcjheggiare è difficile nel corso della stagione.
St Remy-de-Provence è una bella città da visitare com molte cose interessanti; l'abbondanza di caffè con terrazza la rendono piacevolmente attraente.
Ad est - nord - est l'area di di Cavaillon è una zona di piccoli villaggi abbastanza ravvicinati da scoprire in libertà.


loading...
01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close