Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Montreux

Montreux (Svizzera), sul Lago di Ginevra tra Jazz Festival e mercatini di Natale

Pagina 1/2

Un intreccio suggestivo di atmosfere nordiche e profumi mediterranei. Un carattere mite, un sole gentile e una familiarità che farebbero dimenticare di essere nel cuore della Svizzera, se non fosse per le vette innevate sullo sfondo e per l’aspetto caratteristico delle architetture. Montreux, nel cantone svizzero di Vaud, deve alle carezze del Lago di Ginevra i suoi tratti più dolci e ospitali, e non è un caso che venga soprannominata capitale della Riviera Vodese.

Incastonata lungo una baia riparata del lago Lemano, la città è incorniciata da un paesaggio variegato, che racchiude contrasti sublimi: i vigneti, i pini, i cipressi e le palme, tipici di regioni più meridionali, sono come miraggi o visioni miracolose se confrontati alle Alpi poco lontane. Ma la vivacità dei colori, dei sapori e dei profumi si riflette anche nella vita cittadina, che è ricca di appuntamenti interessanti e vanta tradizioni ben radicate; ha da sempre rapporti proficui col mondo dello spettacolo, ha offerto casa a innumerevoli artisti nel corso degli anni e propone periodicamente grandi festival di fama internazionale.

Per assaporare in tranquillità la quiete di Montreux, respirando aria pura e ammirando qualche palazzo elegante, non c’è soluzione migliore di una passeggiata sul lungolago, che da Villeneuve raggiunge Vevey. La camminata permette ai visitatori di conoscere altre perle affacciate allo specchio d’acqua, come le vicine località di La Tour de Peilz, Clarens, Territet e Villeneuve. Tra aiuole fiorite e alberi frondosi, che eleganti ondeggiano nella brezza, si susseguono piccoli monumenti, sculture e opere d’arte di vario genere legate alla città e ai suoi personaggi, come un busto dedicato alla memoria di Miles Davis.

Tra le bellezze che si specchiano sulla superficie del lago c’è il Castello di Chillon, l’edificio storico più famoso di tutta la Svizzera. Residenza e stazione doganale dei Savoia per lungo tempo, il castello acquatico (Wasserburg) se ne sta impettito su un’isola rocciosa affiorante dalle acque. Per secoli questa postazione è stata utile agli abitanti di Montreux per controllare i commerci navali e i traffici lungo la strada che arriva al Passo del San Bernardo. Oggi sono più di 300 mila i turisti che ogni anno visitano il castello, attratti dalle belle pitture murali del XIV secolo, dalle cantine sotterranee, dalle sale di rappresentanza lussuose e dalle camere ancora arredate come un tempo. La struttura, complessivamente, comprende ben 25 edifici e tre cortili, circondati da due anelli di cinta muraria.

Fulcro della vivacità di Montreux è da sempre la Place su Marché, la piazza del mercato, che occupa proprio il centro della città e ospita il mercato coperto in un suggestivo edificio. La piazza, in diversi momenti dell’anno, fa da sfondo anche ad appuntamenti culturali di vario genere, spettacoli, mostre e bancarelle di prodotti tipici. Inoltre, presso il mercato e in direzione del lago, è affissa la scritta “Smoke on the water”, che rende omaggio ai Deep Purple: il gruppo rese famosa la città con l’omonima canzone, che racconta un aneddoto del 1971, quando un fan di Frank Zappa appiccò un incendio nel Casinò (a fire in the sky), riaperto solo nel 1975.

A confermare la vocazione musicale e artistica della cittadina c’è la statua di Freddy Mercury, celebre leader dei Queen, situata proprio nella piazza, in posizione centrale sulle rive del lago. Realizzata in bronzo, di dimensioni notevoli, la scultura vuole ricordare il cantante che aveva deciso di trascorrere a Montreux gli ultimi anni della sua vita, dopo aver scoperto di essere affetto dall’AIDS. Proprio di Montreux parla la canzone “A winter’s tale”, dall’album “Made in Heaven” del 1995, e la copertina del disco e il videoclip del brano mostrano varie immagini della città.

... Pagina 2/2 ... Ogni anno in settembre, dal 2003, nella cittadina svizzera ha luogo il Freddie Mercury Memorial Day, dove centinaia di fans possono prendere diretto contatto con gli ambienti che furono di Mercury durante il lungo soggiorno svizzero, come ad esempio la Duck House, quella che fu la sua abitazione.

Lasciando il cuore di Montreux ed esplorando il paesaggio circostante si scoprono le risorse di una natura selvaggia e grandiosa, che in inverno e in estate offre innumerevoli possibilità di relax e divertimento. Gli sportivi e gli amanti della neve apprezzeranno Rochers-de-Naye e i comprensori sciistici di Les Avants e Les Pléiades, dove le piste di scii sono affiancate dalle discese per lo slittino e dagli anelli per il fondo.
In estate il lago è il protagonista delle vacanze: per rinfrescarsi non c’è niente di meglio di un bagno, una gita in battello o la pratica del vostro sport acquatico preferito, e il ristoro è garantito dai locali accoglienti che se ne stanno allineati lungo la riva.
Chi ancora non fosse sazio di avventura potrà prendere il treno a cremagliera che collega Montreux ai Rochers-de-Naye, a quota 2042 metri, dove si gode di un panorama splendido sulla città e il paesaggio nei dintorni, spaziando dal Lago Lemano alle Alpi Savoiarde, Vodesi, Vallesi e Bernesi.

Con il suo clima mite, il suo patrimonio storico-artistico e i Mountain Studios – famosi studi di registrazione utilizzati da tanti artisti di fama internazionale, in passato acquistati dai Queen e tuttora proprietà di David Richards, il loro produttore – Montreux è un concentrato di creatività e fermento culturale. Sono tanti gli appuntamenti che nell’arco dell’anno animano la cittadina, come il celebre Montreux Jazz Festival di luglio, il Montreux Sundance di maggio e il suggestivo mercatino natalizio che in dicembre agghinda di luci il lungolago e la piazza del mercato. Il Montreux Noël da fine novembre fino al 24 dicembre, vigilia di Natale, offre ogni anno 146 case decorate e illuminate lungo le rive del lago di Ginevra. Il posto ideale per fare shopping e vivere la città di Montreux con il fascino delle luminarie natalizie, che si riflettono sulle acque del lago. Nella più pura tradizione del Natale, artigianato, degustazioni di specialità locali, vino caldo e migliaia di idee regalo vi aspettano in questo mercato ogni anno di superlativi.

Le temperature dolci della zona, dovute soprattutto all’influsso mitigatore del lago, fanno sì che le giornate all’aria aperta siano sempre piacevoli. I valori medi di gennaio, il mese più rigido, vanno da un minimo di -2°C a un massimo di 4°C, mentre in luglio e agosto si passa dai 15°C ai 25°C. Le precipitazioni sono distribuite in maniera piuttosto uniforme nell’arco dell’anno: giugno, con una media di 10 giorni di maltempo, è il mese più piovoso, ma anche nel resto dell’anno piove circa una settimana al mese.

Gli aeroporti più vicini a Montreux sono quelli di Ginevra, a 93 km, e di Zurigo, a 208 km. Una volta atterrati non è difficile raggiungere la destinazione: in auto da Ginevra si utilizzano le autostrade A1 e A9 e occorrono circa 50 minuti, mentre da Zurigo si prendono le autostrade A1, A12 e A9 e in un paio d’ore si arriva a Montreux. In treno ci sono collegamenti da Ginevra a Montreux ogni ora, mentre il viaggio da Zurigo richiede circa tre ore.

 Pubblicato da - 15 Febbraio 2011 - Riproduzione vietata

loading...
close