Cerca Hotel al miglior prezzo

Bernstein (Austria): il Castello e i dintorni nel Burgenland

Bernstein, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Nell’escatologia territoriale di una nazione come l’Austria la natura ha intessuto una sua personalissima tela fatta di un colore dominante – il verde – macchie azzurre (i laghi) e bianche sfumature dal carattere deciso (cime innevate dei rilievi e i ghiacciai), sinuosa sinergia di connubi che hanno e continuano a reggere la prova del tempo.

Va da sé che, eccezion fatta per Vienna, i contesti abitati risultano scevri di un’articolata urbanità a favore di un più accomodante minimalismo permeante piccole realtà rurali, villaggi, fattorie allargate e paesini con un midollo vivo e risonante.

Tra le vallate e le distese boschive del Burgenland sorge Bernstein, caratteristico agglomerato che, in accordo ai suoi ca. 2.000 abitanti, ha acquisito dal Medioevo la fisionomia di Marktgemeinde, ovvero di comune mercato legittimato fin dalla sua nascita in epoca feudale a far da snodo dei traffici commerciali (diffuso allora quello dell’ambra, sostituito dal XIX secolo con la compravendita di serpentina, una preziosa pietra nera molto ricercata dalle gioiellerie) in un distretto, l’Oberwart, fervente in termini di collegamenti. Non pago, nel 1970, quindi di recente, Bernstein ha colto la possibilità di un’espansione amministrativa riuscendo a inglobare i limitrofi Dreihutten, Rettenbach, Stuben e Redlschlag.

Come dicevamo, la località è derivazione pressoché diretta del Medioevo, acciocché si spiega chiaramente la sua struttura condizionata piacevolmente da brevi stradine, poche case di riconoscibile architettura montana e acciottolamenti nel complesso molto ordinati e sorridenti. Il villaggio sfrutta una posizione che lo inscrive in un comprensorio dove a prevalere è la roccia dei crostoni montani: ragion per cui a Bernstein esiste il Felsenmuseum, ovverosia il Museo della Roccia, focalizzato sulle molteplici sfaccettature afferenti la geologia locale.

Castello Burg Bernstein

Il paesino austriaco è una tappa della cosiddetta Strada dell’Ambra, oggi un itinerario lungo il quale si dispongono numerosi manieri, tra cui spicca il Castello di Bernstein (Burg Bernstein in lingua autoctona), costruzione del 1199 (ma si dice sia più antica, antecedente all’anno Mille) posta a 600 metri di altezza su una collina, locazione che le ha permesso di resistere ai tanti assedi riservatile beffardamente da una storia insistentemente bellicosa. Il fortilizio è divenuto da alcuni anni un hotel fascinoso gestito da Alexander Almásy, appartenente alla nobile famiglia degli Almásy, casata ungherese fatta conoscere dal conte Láslo Almásy, al centro della vicenda narrata dal famosissimo film hollywoodiano “Il paziente inglese”, vincitore nel 1997 di ben 9 Oscar.

Un soggiorno in questa suggestiva dimora è quello che ci vuole per imprimere nella memoria un autentico pezzo d’Austria, e non sia mai che non riusciate a intravedere il fantasma della dama bianca Giovanna de’Frescobaldi, sparita dopo essere stata sorpresa dal consorte Lorentz von Ujlak in compagnia del suo amante, pugnalato a morte e gettato in fondo a un pozzo.

I dintorni di Bernstein

Bernstein, come detto, è molto piccolo e per quanto grazioso lo si riesce a esplorare in una giornata, mentre più impegnativo risulta l’hinterland, calcabile in molti modi, praticando sport per esempio, o escursioni seguendo itinerari avviluppati dal calore di una natura coriacea ma assai affabile. Se risiedere al Castello non vi basta, cercate comprensibilmente relax a 15 km da Bernstein, dove si trova la cittadina termale di Bad Tatzmannsdorf, nella quale sorge lo stabilimento Burgenland Therme, ideale anche per i bambini. Vicinissimo è inoltre il Sudburgenlandisches Freilichtmuseum, museo en plein air le cui case ottocentesche con tetto in paglia – meticolosamente riprodotte – risultano il piatto forte dell’esposizione.

Come arrivare a Bernstein

Per gli spostamenti nel raggio territoriale di Bernstein conviene utilizzare un’auto o una motocicletta in quanto i collegamenti con mezzi pubblici sono piuttosto sporadici; la stazione ferroviaria si trova a Oberwart e da qui partono autobus ogni ora diretti a Bernstein e Lockenhaus; gli aeroporti di riferimento sono quelli di Graz e Vienna.

  •  

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close