Cerca Hotel al miglior prezzo

Steyr e il Santuario Christkindl: la Cittą di Gesł Bambino e dei 119 ponti

Steyr, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

I suoi 119 ponti, che si allungano sui fiumi invitando gli innamorati a passare e ammirare il centro, le hanno fatto guadagnare il titolo di “Città romantica”. Una miracolosa statuetta di Gesù, custodita in una delle sue chiese, ha dato vita al soprannome “Città di Gesù Bambino”. Certo è che Steyr, elegante città austriaca di quasi 40 mila abitanti nel Land dell’Alta Austria, ha tutte le carte in regola per attirare visitatori da ogni parte d’Europa.

Abbracciata da un paesaggio lussureggiante, alla confluenza dei fiumi Enns e Steyr, la città è una delle più antiche dell’Austria: come una signora matura, al culmine della sua bellezza, Steyr fa parte di un itinerario che va da Vienna a Salisburgo e tocca le località più romantiche, ma oltre agli scorci suggestivi ha tante meraviglie storiche, artistiche e architettoniche da mostrare.

Le linee architettoniche sono tipicamente medievali, e risale al medioevo anche la tradizionale lavorazione del ferro: in particolare nella seconda metà dell’Ottocento Steyr è stata la fabbrica di armi dell’Europa, e un importante centro di produzione di fucili a retrocarica. Oggi l’industria si è modernizzata e ha cambiato prospettiva, convertendosi alla produzione di veicoli automobilistici noti in tutto il mondo. Benché questo costituisca un aspetto importante dell’economia locale, la prerogativa più affascinante di Steyr è l’offerta turistica: vivace da un punto di vista culturale, serena a pacata per quanto riguarda i ritmi e la qualità della vita, la città è il compromesso ideale tra l’impianto antico e una località moderna. Festival musicali e tradizionali, bellezze architettoniche sofisticate e un paesaggio naturale mozzafiato nella zona circostante sono gli ingredienti che la rendono una meta irresistibile.

A raccontare il passato di Steyr ci pensano i monumenti e i palazzi più antichi, tra cui spiccano il massiccio Castello Lamberg, con una biblioteca privata tra le più nutrite dell’Austria, il museo Heimathaus con le collezioni d’arte e quelle dedicate al mondo operaio, e il sontuoso Steyrer Kripperl, l’ultimo teatro rimasto in Europa in cui si svolgono spettacoli di marionette azionate coi bastoni. Completano l’offerta tanti altri musei, dedicati alle raccolte più disparate: dalla mostra delle stufe in maiolica alla raccolta di orologi in ferro, passando per la collezione delle falci utilizzate dai contadini, qui sono inesauribili le occasioni per entrare in contatto con gli usi locali.

Da non perdere il Santuario Christkindl, un antico edificio simbolo della città, oggi occupato dall’ufficio postale natalizio: è qui che i cittadini si recano, imitati dai turisti, per inviare i bigliettini d’auguri. Nelle sue sale viene anche allestito un grande presepe. A dire la verità Steyr è un’unica opera d’arte: basterebbe passeggiare nelle vie del centro per apprezzare le casette caratteristiche, le dimore più raffinate, i negozi tipici e i palazzi intrisi di storia. Nella piazza centrale, ad esempio, gli stili gotico, barocco e roccocò si incontrano e danno vita a uno scenario armonioso, dove tutto fa profumo d’antico e, allo stesso tempo, incornicia un presente vivace.

Chi non si accontenta dell’arte e della cultura e ha voglia di un’immersione nel paesaggio, troverà nei pressi di Steyr una natura lussureggiante, ricca di sorprese tutte da scoprire: gli animi più romantici in cerca del relax possono navigare sulle acque dell’Enns, un lago artificiale, oppure camminare senza pensieri nello splendido parco nazionale Kalkalpen, il più esteso di tutta l’Austria. In estate, quando il clima lo consente, ci si può avventurare lungo la tratta Steyr-Grunburg a bordo di un treno a vapore come quelli di un tempo.

I più sportivi potranno scegliere tra numerose escursioni, da fare a piedi o in bicicletta, come la camminata di 10 chilometri verso la vetta del Damberg. Gli amanti della bicicletta, in particolare, troveranno pane per i loro denti: la città è infatti inclusa tra gli itinerari della Valle dell’Enns e Linz-Wels-Steyr ed è collegata alla pista ciclabile del Danubio, una delle più lunghe d’Europa.

Dopo le passeggiate e lo sport ci si può ristorare presso una locanda tradizionale, per assaporare i piatti tipici della cucina locale, oppure si può assistere a uno dei tanti eventi culturali proposti. Come molte altre città d’Austria, anche Steyr ha il suo festival di musica classica: ogni anno vi si svolge il rinomato Schubert Festival, dedicato al famoso compositore che soggiornava volentieri in città alla ricerca di ispirazione. Pare che sia stato composto qui il celebre Forellenquintett.

Ma le manifestazioni più suggestive sono quelle del periodo natalizio: da metà novembre all’Epifania il paese si trasforma in un mondo di fiabe, si agghinda di mille luci e viene invaso dai profumi delle leccornie vendute nelle bancarelle. Gli eventi più attesi sono tre: lo Steyrer Christkindlmarkt auf der Promenade è un mercato composto da circa 50 stand di prodotti gastronomici, distribuiti lungo un ampio viale alberato; il Weihnachtsmarkt "Altstadt" am Stadtplatz è un mercatino natalizio più classico, che ha luogo nel vero e proprio cuore cittadino; infine il Kunst und Kunsthandwerk im Schloß Lamberg è un’interessante esposizione dedicata alle arti e ai mestieri di una volta, allestita nel castello di Lamberg. Qui trovate maggiori informazioni sui mercatini natalizi di Steyr.

Ad amplificare la magia del Natale c’è il clima montano di Steyr, che in inverno regala volentieri delle suggestive nevicate: le temperature medie del mese più rigido, gennaio, vanno da una minima di -6°C a una massima di 0°C, mentre in luglio si passa dai 12°C ai 24°C. Le precipitazioni ricorrono specialmente in inverno ma sono abbastanza frequenti per tutto l’arco dell’anno, da un minimo di 12 a un massimo di 17 giorni mensili.

Raggiungere questo paradiso di cultura e natura non è difficile. Basterà spiccare il volo sino all’Aeroporto di Linz, a soli 47 km. Una volta atterrati ci si può affidare ai trasporti pubblici oppure noleggiare un’auto: si prende la A7, ci si immette in A1/E60 e si esce a Enns-Steyr per poi seguire le indicazioni fino alla meta.
  •  

 Pubblicato da - 09 Novembre 2013 - © Riproduzione vietata

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close