Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Fraueninsel im Chiemsee

Fraueninsel im Chiemsee (Fraueninsel): l'isola bavarese e i suoi mercatini di natale

Pagina 1/2

Chi approda sull’isola di Fraueninsel im Chiemsee (o Frauenchiemsee), nel bel mezzo del Lago Chiemsee, deve concederle un po’ di tempo per farsi scoprire. Timida e silenziosa, immersa tra il verde e l’azzurro della Baviera, a prima vista potrebbe apparire noiosa, priva di grandi attrattive: il cielo, il prato, il bosco e l’acqua, che incornicia un mondo a sé stante, sembrano dominare l’isola e non lasciare spazio a molto altro. Ma Fraueninsel –che letteralmente significa Isola delle Donne- merita uno sguardo più attento: guardandosi intorno e ascoltando con curiosità, infatti, si capisce immediatamente la bellezza gentile dell’isola, e non è difficile innamorarsi di un piccolo paradiso terrestre.

Questa, per estensione, è la seconda delle tre isole del Chiemsee, e come le sue sorelle rappresenta una delle mete turistiche più ambite della Germania. Sulla superficie di 15,5 ettari, dove le automobili sono bandite, vivono circa 300 residenti fissi, da sommare alle monache benedettine dell’antico convento, tuttora attivo. Famosa per il liquore prodotto nel monastero, l’isola è un patchwork di vedute idilliche, dove un sogno di spensieratezza e quiete diventa realtà.

L’edificio più interessante dal punto di vista storico è lo stesso monastero, fondato nel 782 dal Duca di Baviera Tassilo III, che con l’invasione degli ungheresi dovette subire un momento difficile, ma si risollevò presto raggiungendo l’apice dello splendore tra l’XI e il XV secolo. Ristrutturato nella prima metà del Settecento, il complesso fu secolarizzato nel secolo successivo, ma il re di Baviera Ludwig I lo ripristinò nel 1836, e ancora adesso, dal 2007, esiste una comunità di circa trenta Sorelle. Le accoglie una struttura incantevole, di un candore abbagliante, con un campanile slanciato che pare volersi immergere nel cielo. Le mura imponenti hanno resistito con dignità al logorio dei secoli, così come il colossale porticato di età carolingia.

Ma ad affascinare i visitatori basterebbero le semplici case, dall’aria nordica che contrasta con l’ambiente di lago: tra balconi di legno, davanzali addobbati di gerani e tetti spioventi, sembra di visitare una città delle bambole. E il Chiemsee, riproducendo a testa ingiù le punte dei tetti, duplica la bellezza di Fraueninsel, oltre ad offrire diverse possibilità di svago: non si può infatti abbandonare l’isola senza praticare qualche sport acquatico, o anche solo semplicemente assaporare una lunga passeggiata sulle rive.
... Pagina 2/2 ...
Il clima è la ciliegina sulla torta, con le sue estati frizzanti e perfette per la vita all’aria aperta. Grazie alle temperature mitigate dal lago, sull’isola prosperano giardini lussureggianti, fitti di fiori, arbusti ed erbe officinali, che da sempre incantano pittori e poeti. In luglio e agosto le giornate non sono afose, e le temperature medie vanno da 15°C di minima a 25°C di massima. In inverno i valori si abbassano, raggiungendo in gennaio una minima media di -2°C, ma il gelo in questo caso non fa che accrescere il fascino di un’isola già magica, ancora più suggestiva durante le feste natalizie.

I festeggiamenti del Natale cominciano i primi due fine settimana dell’Avvento , quando numerose bancarelle si riversano per le stradine locali, cariche di oggetti artigianali, addobbi a tema e dolciumi squisiti, con il sottofondo musicale tipico delle feste, letture e spettacoli di vario tipo. Ma non bisogna aspettare dicembre per assaporare la bellezza di Fraueninsel: per tutto l’anno sono organizzate delle belle gite sul lago fino al delta del Tirol Ache, ma anche concerti dal vivo e serate danzanti a bordo dei battelli.

Raggiungere l’isola è possibile per tutto l’anno, solitamente salpando da Gstadt, Prien e Seebruck, ma esistono anche numerose barche che collegano Fraueninsel alla vicina Herreninsel. Per avvicinarsi al lago, che si trova a 90 km circa da Monaco di Baviera, ci si può servire dell’autostrada A8 München-Salzburg, uscendo a Bernau, o prendere il treno per Prien. A Monaco sorge anche l’aeroporto internazionale più vicino.
loading...
close