Cerca Hotel al miglior prezzo

Los Roques, la piccola Polinesia del Venezuela

Los Roques, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Situato appena undici gradi sopra l'Equatore e circa 80 miglia nautiche a nord di Caracas, Los Roques è composto da 50 isole coralline e circa 200 banchi di sabbia circondati da una splendida barriera corallina che rende l'acqua calma e cristallina.
Poiché questo arcipelago ospita un'ampia varietà di uccelli marini e una ricca fauna acquatica, il governo venezuelano ha dichiarato Los Roques parco nazionale nel 1972 (El Parque Nacional Archipielago Los Roques), limitando lo sviluppo commerciale e affichè si preservi la bellezza naturale della zona.

La denominazione Los Roques, tradotto "le roccie", fa un po' sorridere perchè di rocce su queste isole, non ce ne sono poi molte, salvo El Gran Roque; la sabbia e il sole invece dominano questo arcipelago, e data la mancanza di montagne, in grado di trattenere, le nubi, il clima è sempre molto asciutto.

Il periodo migliore per venire a Los Roques è dettato dal soffio costante degli alisei che da fine dicembre a giugno regalano giornate asciutte e ventilate ricche di sole e con temperature comprese tra i 25-27 gradi. D'estate aumenta il tasso d'umidità e il cielo pullula di nuvole, con più elevate possibilità di rovesci sparsi, ma comunque sempre rari e di breve durata. Mediamente Los Roques riceve una piogga annuale di poco più di 240 mm l'anno, una quantità che si avvicina a quella tipica di un deserto! In questo periodo estivo le temperature raggiungono i 27-29 gradi di media (massime) ma a detta di molti i tramonti raggiungono le punte più alte di spettacolarità.

In questo parco protetto vedrete iguane, tartarughe (delle 6 specie caraibiche ben 4 sono endemiche di Los Roques), ben 92 specie di uccelli tra cui pellicani, gabbiani, sula marrone e fregate, addirittura nell'isola di Los Canquises è presente una grande colonia di fenicotteri rosa.

Dati i numerosi cays protetti, la grande varietà di corallo e di fauna marina, Los Roques è un paradiso per gli appassionati di immersioni (scuba diving), ed infatti sono numerossimi le strutture che forniscono attrezzatura, barche ed instrutturi per i sub meno esperti. Ma non è il solo sport che si può praticare, con un vento sempre costante, e le acque relativamente poche pronde, queste isole sono tappa obbligata per gil amanti del windsurf.

Cosa vedere a Los Roques?
L'arcipelago forma un gran atollo ricco di isole sabbiose, rocce e radi spruzzi di vegetazione. E' il paradiso degli appassionati di smorkeling, immersioni subacquee ma anche di birdwatching con numerose specie avicole che nidificano in questi lidi.
Tra le miriade di isole ed isolotti segnaliamo le mete preferite dalle escursioni: El Gran Roque, l'isola maggiore, poi Francia, Ratas, Carenero, La Tiñosa, Sargo, Pepino de Mar, Envenenado, Mosquito, Carbón e Carbonero, Felipe, Guarura, Boca Grande, Nordeste, Pelona, Zancudo, Sal, Garrapatero e Chipí-Chipí.

Dove alloggiare a Los Roques?
Tutta la popolazione vive sull'isola del El Gran Roque, che è anche l'isola con le maggiori strutture ricettive (da resort di lusso agli hotel o bungalow più economici) e dove atterrano i voli carichi di turisti. Molto richieste sono le Posade (Posadas) cioè le casette ristrutturate dei pescatori, di solito in posizioni magnifiche di fronte al mare.

La popolazione locale di circa 1.500 persone vive in abitazioni sgargianti. Sono presenti inoltre 240 strutture ricettive ospitano circa 60.000 turisti all'anno, molti di loro anche solo per un giorno per le escursioni che partono da Caracas e dal continente. Plaza Bolívar è il centro di incontro tra abitanti e turisti, che si mescolano per ballare a piedi nudi un potpourri di salsa, rock and roll, tango ed arie popolari, su di una piattaforma girevole che viene allestita sulla piazza quasi ogni fine settimana e ad ogni festività.

Los Roques offre un'esperienza caraibica unica, sia che stiate cercando un posto dove rilassarvi, una tappa alternativa per una crociera attorno al mondo o un luogo dove praticare sport a contatto con una natura immacolata.
  •  
27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close