Cerca Hotel al miglior prezzo

Campbell River (Vancouver Island): la cittą della British Columbia

Pagina 1/2

Campbell River è una città costiera di discrete dimensioni situata sulla sponda centro-orientale della Vancouver Island, una grande isola prospiciente la metropoli di Vancouver e compresa all’interno della provincia canadese della British Columbia. L’ultimo censimento della popolazione, effettuato nel 2006, ha conteggiato 32.000 abitanti, la maggior parte dei quali abita all’interno del nucleo centrale, sorto all’incirca un secolo fa al termine del cosiddetto Discovery Passage, uno stretto lembo di mare compreso tra il continente e l’isola, famoso in quanto parte della nota rotta costiera della Inside Passage. L’economia locale conobbe un vero e proprio boom a partire dal 1948, anno in cui la BC Power Corporation's portò a termine la realizzazione dell’imponente diga idroelettrica Elk Falls, fondamentale per permettere la costruzione, nel 1952, dell’Elk Falls Pulp and Paper Mill, il mulino attualmente di proprietà della Catalyst Paper che rappresenta ancora la principale risorsa lavorativa della zona. Un’altra fonte di approvvigionamento importante è la pesca del salmone, così ricca ed abbondante da far guadagnare alla città la fama di “Capitale Mondiale del Salmone”.

Abitata fin verso la fine del XVIII secolo da tribù di popolazioni native, la zona di Campbell River conobbe per la prima volta l’uomo bianco nel 1792, anno in cui il capitano George Vancouver solcò il Discovery Passage avviando la colonizzazione dell’isola, in seguito battezzata in suo onore. La fondazione vera e propria del centro avvenne però nel 1859, anno del compimento della spedizione guidata dal dottor Samuel Campbell, che si stabilì proprio in questo strategico tratto di costa. L’ufficializzazione della nascita della città fu sancita nel 1907, al momento della realizzazione dell’ufficio postale. Con il trascorrere degli anni la fama dell’abitato crebbe di pari passo con quella del suo porto, sempre più importante all’interno dello scacchiere commerciale generatosi intorno all’immensa area portuale di Vancouver.

Oggi Campbell River è una comunità giovane e vitale, ideale per trascorrere una vacanza diversa dal solito a stretto contatto con il mare e la natura. Il centro cittadino, il cui impianto urbanistico ricalca ancora l’impronta assegnatagli negli anni ’50, si è progressivamente dotato di servizi, negozi e moderni centri commerciali, rinnegando parzialmente la sua anima in favore di un più redditizio consumismo all’”americana”. Uno degli aspetti del passato ancora intatti è il rituale della pesca al salmone, una vera e propria istituzione da queste parti.

Tra le mete più visitate del centro spiccano: la Haig Brown House, una casa colonica restaurata situata a pochi passi dal Campbell River; il Museum at Campbell River, dove sono esposte molte delle ricchezze storiche che hanno caratterizzato il passato della zona; la Campbell River & District Public Art Gallery, un’esposizione variegata e coinvolgente, molto frequentata dalle scolaresche in gita; il Campbell River Maritime Heritage Center, ospitato da un edificio storico recentemente restaurato; e la Pier House, la più antica casa di Campbell River, costruita nel 1924 e situata ai margini dell’attuale centro cittadino.

... Pagina 2/2 ... Grazie agli scenari ed agli scorci naturalistici particolarmente suggestivi, Campbell River è stata scelta da numerosi registi e produttori come location per le riprese di alcuni notissimi film di Hollywood. Tra questi non si possono non ricordare: Il Tredicesimo Guerriero, Sette Anni in Tibet, La lettera scarlatta e Final Destination 2.

Nel mese di settembre la città si anima in occasione della festa del salmone, una ricorrenza molto sentita dalla popolazione, durante la quale si tengono battute di pesca riservate ai professionisti ed altre aperte ai numerosi visitatori arrivati a Campbell River anche da molto lontano. Un altro sport acquatico molto diffuso nella zona sono le immersioni subacquee, durante le quali è possibile apprezzare i meravigliosi fondali del Discovery Passage.

Il clima, come d’altronde quello della maggior parte della Vancouver Island, è mitigato dalla presenza del mare ed è per questo caratterizzato da inverni generalmente non troppo freddi e da estati gradevoli. Nel mese di gennaio le minime si attestano intorno agli zero gradi, mentre in luglio, nei pomeriggi più caldi, si possono arrivare a sfiorare i 30 gradi. Le precipitazioni sono abbondanti, occasionalmente nevose in inverno, e tendono ad intensificarsi nell’ultima parte dell’anno, tra novembre e dicembre, quando in appena 60 giorni cadono più di 500 mm di pioggia. Uno degli aspetti più negativi del clima della zona di Campbell River è l’elevato tasso di umidità, al limite della sopportabilità soprattutto durante la stagione estiva.

Per quanto riguarda i trasporti, Campbell River è servita dal Campbell River Airport (YBL), uno scalo abbastanza importante situato poco meno di 10 chilometri a sud del centro. Oltre all’aeroporto vero e proprio, a breve distanza dal centro si trova anche un’area destinata all’atterraggio degli idrovolanti, molto pratici in una regione nella quale l’acqua ricopre un ruolo di primaria importanza. Una volta giunti a terra, ci si potrà muovere con mezzi noleggiati o sugli autobus pubblici lungo le ottime strade che collegano il centro ai principali paesi vicini.
01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close