Cerca Hotel al miglior prezzo

St Augustine (Saint Augustine), visita alla cittą pił vecchia d'America

Pagina 1/2

Fondata dagli spagnoli nel 1565, St. Augustine è il più antico insediamento europeo abitato in modo continuativo di tutto il paese. Oggi, folle di turisti si riversano qui per passeggiare lungo le strade lastricate di ciottoli, attardarsi negli accoglienti caffè, fare il giro dei negozi accattivanti, scoprire la lunga storia della città nei suoi numerosissimi musei e coronare il tutto con un’intima cenetta a lume di candela in un ristorante o con qualche birra in un pub caratteristico. Intanto gli zoccoli dei cavalli che trainano le carrozze risuonano sull’acciottolato mentre gli abitanti del posto, abbigliati in costumi d’epoca, passeggiano lungo le strade di questo National Historic Landmark District che si estende per ben 144 isolati.

Gli indiani Timucuan furono i primi a insediarsi nell’attuale St. Augustine intorno al 1000 a.C. Nel 1513, l’esploratore spagnolo Juan Ponce de Leòn fu invece il primo europeo a sbarcare in questo territorio, ceduto poi, nel 1821, dalla Spagna agli Stati Uniti. Oggi gli edifici di coquina, materiale da costruzione fatto di roccia sedimentaria mista a frammenti di conchiglie, conferiscono un fascino incantevole alle strade sinuose, e la lunga e intensa storia della città si percepisce nell’aria. Purtroppo, la tutela degli edifici storici e la conservazione degli innumerevoli manufatti non ancora portati alla luce richiede costi esorbitanti, decisamente superiori alle disponibilità dell’insediamento, costretto a vivere del solo turismo.

Saint Augustine si trova 64 chilometri a sud-est di Jacksonville, ed è servita sia dalla US Hwy 1, che attraversa la città, sia dalla I-95, che passa circa 16 chilometri a ovest. Il compatto quartiere storico è downtown ed è delimitato approssimativamente dall’Old City Gate, affacciato su Orange St, da Bridge St a sud, da Avenida Menendez, da Cordoba St a ovest e dal Matanzas River a est. St George St è zona pedonale da Cathedral Pl a sud fino a Orange St a nord. A nord di downtown, Avenida Menendez prende il nome di San Marco Ave e ad un certo punto incrocia Ponce de Leon Blvd. King St collega la US Hwy 1 e la Hwy A1A (Beach Blvd) tramite il Bridge of Lions, e diventa Anastasia Blvd su Anastasia Island, sulla sponda orientale del Matanzas River.

Le cose da vedere e da fare sono molte e molto diverse tra loro. Tanto per cominciare ci si può dedicare alla visita del bel centro cittadino, dove si trovano importanti testimonianze storico-artistiche. Tra queste ricordiamo il Castillo de San Marcos National Monument, un imponente forte molto suggestivo posto su un promontorio proprio sopra downtown. Nel 1672, dopo l’ennesimo incendio della città da parte degli inglesi, gli spagnoli iniziarono la costruzione di questa cittadella di coquina; completata 23 anni più tardi, rappresenta il forte in muratura più antico degli USA continentali. Altri edifici storici di una certa rilevanza sono: l’Old St. Augustine Village, il complesso che raccoglie le nove abitazioni più antiche della Florida, costruite tra il 1790 e il 1920; l’Oldest Wooden School House, una scuola risalente a 200 anni fa interamente realizzata con cedro rosso e cipresso; la Gonzalez-Alvarez House, che prende il nome dai suoi primi due proprietari, Tomas Gonzales e Geronimo Alvarez; l’Old Jail, l’antica prigione eretta nel 1891; l’Old Drugstore, che custodisce uno straordinario assortimento di antiche boccette e tonici in bottiglie color seppia; l’Hotel Ponce de Leon, l’albergo più prestigioso di Henry Flagler, costruito guardando al Cinquecento spagnolo; e l’Old City Gate, una porta realizzata nel 1739 per difendere il confine settentrionale di St. Augustine dagli attacchi degli inglesi.

Come se non bastasse, il centro di St. Augustine è costellato di interessanti musei, la maggior parte dei quali riguarda la storia, gli usi e i costumi tipici di questa zona della Florida. Su tutti ricordiamo lo Spanish Quarter Living History Museum, un museo storico vivente che si estende su un’area di 8.000 metri quadrati ricalcando la St. Augustine del 1740. All’interno di questa zona recintata i visitatori possono girare liberamente tra gli edifici della guarnigione restaurati e fermarsi a parlare con gli “artigiani” che utilizzano le tecniche tipiche del XVIII secolo per ricreare le botteghe del fabbro, dell’artigiano del cuoio e del falegname. Molto bello è anche il Lightner Museum, ospitato all’interno dell’Alcazar Hotel, l’altro albergo di Henry Flagler in città. Non sembra esserci nessun collegamento tra i vari oggetti in esposizione, ma proprio questo conferisce ulteriore fascino al museo, che annovera antichi strumenti musicali, quadri, sculture, collezioni di bottoni e scatole di fiammiferi. Se vi rimane un po’ di tempo recatevi anche al Potter’s Wax Museum, un salone dedicato alla pungente satira politica.

... Pagina 2/2 ... Per terminare la visita al centro si possono passare in rassegna le chiese. La Cathedral Basilica of St. Augustine, costruita nello stile delle missioni spagnole, svetta su Plaza de la Constitution con l’imponente campanile ed è molto probabilmente la prima chiesa cattolica del paese. Henry Flagler, sua figlia e il suo bambino nato morto riposano invece nel mausoleo della Flagler Memorial Presbyterian Church, un magnifico edificio in stile rinascimentale veneziano di proprietà della famiglia.

Dopo tutto questo movimento non c’è niente di meglio che rilassarsi presso la St. Augustine Beach, la distesa di circa 11 chilometri di sabbia che si estende per tutta la città. Nei pressi del litorale, oltre alla maggior parte degli alberghi, si incontrano anche negozi di attrezzatura da vela e da wind-surf, negozi di souvenir e tantissimi ristoranti. Se non gradite il caos e la folla apprezzerete sicuramente di più l’Anastasia State Recreation Area, che sfoggia una spiaggia stupenda, dune dal colore intenso, piste ciclabili, una laguna orlata da paludi saline e un campeggio. Sempre in ambito naturalistico non si può non visitare l’Alligator Farm Zoological Park, l’unica struttura al mondo che ospita esemplari di tutte le specie di coccodrillo e dove risiede un alligatore australiano d’acqua salata di 566 chili e oltre 5 metri di lunghezza. Se il golf è la vostra passione, il World Golf Village sarà per voi il paradiso, con tantissime mostre dedicate ai grandi del passato, ma anche numerose buche per golfisti esperti e non.

Il clima è mite in inverno e caldo d’estate. Nell’arco dei dodici mesi le temperature oscillano mediamente tra 10 e 32 gradi, con picchi ben superiori ai 30 gradi in luglio e agosto e minime invernali che possono anche avvicinarsi allo zero. I mesi più piovosi sono quelli estivi, tra giugno e settembre, quando si possono anche verificare uragani e cicloni in risalita dal Golfo del Messico.

Arrivando in automobile da nord lungo la I-95 prendete l’uscita 318 e dirigendovi a est superate la US Hwy 1 fino a San Marcos Ave; girate a destra e vi ritroverete nei pressi dell’Old City Gate, subito dopo il forte. In alternativa potete prendere la Hwy A1A lungo la spiaggia, che incrocia San Marco Ave, oppure la US Hwy 1 in direzione sud da Jacksonville. Venendo da sud prendete l’uscita 298, arrivate alla US 1 e seguitela fino in centro. Se arrivate in aereo al Jacksonville International Airport, avrete modo di salire a bordo di minibus privati che fanno la spola con St. Augustine. La stazione degli autobus Greyhound si trova circa 3 chilometri a sud-ovest della città.

loading...
22 Maggio 2017 Il Festival degli Aquiloni a San Vito Lo ...

Il Festival internazionale degli Aquiloni è un appuntamento ormai ...

NOVITA' close