Cerca Hotel al miglior prezzo

Portland (Oregon), viaggio nella la cittą verde d'America

Portland, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Portland è una città di 550.000 abitanti situata all’estremità nord dell’Oregon, alla confluenza tra i fiumi Willamette e Columbia, al centro di un’area metropolitana di grandi dimensioni che conta ben 2.100.000 residenti. La città e la regione si sono distinte negli ultimi anni per l’efficienza della pianificazione territoriale, che ha prodotto ingenti investimenti nel campo del trasporto pubblico, ammodernato grazie all’introduzione della metropolitana, vero e proprio vanto per l’amministrazione locale.

Il centro fu fondato l’8 febbraio 1851, giorno in cui venne deciso anche il nome tramite un metodo particolarmente originale: a decidere fu infatti Francis W. Pettygrove, originario di Portland nel Maine, uno dei gentiluomini che decisero di investire sul territorio e quindi di fondare l’insediamento, che si giocò la possibilità di scegliere contro un suo parigrado lanciando per tre volte una monetina. Al momento della nascita Portland contava non più di 800 abitanti, una segheria a vapore, una locanda, ed un giornale, il Weekly Oregonian, tuttora stampato quotidianamente nella contea di Multnomah. Già nel 1879 la popolazione raggiunse le 17.500 unità, destinate a crescere sensibilmente con l’avvento del nuovo secolo quando l’area cominciò a dotarsi di un efficiente sistema industriale. Senza contare che, essendo sorta a pochissimi chilometri dal mare in una posizione strategica per le rotte navali del Nord-Pacifico, il porto cittadino conobbe uno sviluppo rapidissimo, anche grazie alla possibilità di distribuire le merci una volta sbarcate a terra attraverso i corsi navigabili dei due fiumi che attraversavano la città: il Willamette ed il Columbia.

Il cuore pulsante di Portland è sicuramente downtown, un quartiere di forma ellittica perfettamente suddiviso in base ad una maglia ortogonale regolare, compreso tra il corso del Willamette e la I-405, una breve biforcazione della I-5, in cui tutto ruota attorno alla Pioneer Courthouse Square, una splendida piazza semicircolare arricchita da diversi servizi. Sullo sfondo compare la Fox Tower, un moderno edificio a torre adibito ad uffici inaugurato nel 2000, realizzato su un progetto della Thompson Vaivoda and Associates, mentre a breve distanza si trovano: l’Oregon Historical Society Museum, l’Arlene Schnitzer Concert Hall, il Portland Art Museum e la Multnomah County Library, alcuni dei più importanti siti culturali della città.

Al di là del centro, in direzione sud-ovest si trovano: l’Oregon Health & Science University, uno dei più importanti poli universitari dello stato, oltre al Lewis & Clark College ed al Portland Community College; South Portland, South Burlingame, Hillsdale e Multnomah, i più importanti quartieri residenziali, caratterizzati dalla successione di semplici abitazioni mono, o al più bi-familiari, distribuite secondo un ben preciso ordine urbanistico; il Washington Park, l’Oregon Zoo, l’Hoyt Arboretum e l’International Rose Test Garden, alcune delle più belle mete dedicate agli amanti della natura e degli animali. Più a nord, nel distretto di Pearl, si estende la variopinta Chinatown di Portland, viva ed animata da persone, colori, odori caratteristici, mentre a nord-est si erge l’Oregon Convention Center di Portland, un importantissimo centro per congressi, decisamente superiore per dimensioni e per capacità di ospitare spettatori rispetto al Bagdad Theater, il pub storico della città dove assaggiare alcune delle più pregiate birre della zona, tra le quali spicca la Widmer Brothers' Hefeweizen.

La tradizione birraia di Portland è ricordata anche da uno dei più importanti festival che si tengono in città, l’Oregon Brewers Festival, in programma ogni estate nell’ultimo finesettimana di luglio. All’evento, il più importante per quanto riguarda degustazione o presentazione di nuove tipologie di birre del Nord-America, partecipano in media 100.000 persone ad edizione, mentre molte altre migliaia di visitatori preferiscono manifestazioni minori come lo Spring Beer and Wine Festival in aprile, il North American Organic Brewers Festival in giugno, il Portland International Beerfest in luglio, e l’Holiday Ale Festival in dicembre.

Il clima è temperato, anche se decisamente influenzato dalla vicinanza con l’Oceano, che se da un lato svolge una funzione mitigatrice sulle temperature, specialmente in inverno, dall’altro aumenta la circolazione dei venti e la discesa delle perturbazioni dal nord. Le estati sono calde ed umide, con temperature medie pari a 27 e 15 gradi, rispettivamente nei valori massimi e minimi, anche se non sono rare le giornate in cui vengono abbondantemente superati i 30 gradi. Gli inverni invece sono abbastanza freddi e molto umidi, con valori medi massimi e minimi che si attestano a 8 e 3 gradi, e precipitazioni che tendono ad intensificarsi, quasi sempre sotto forma di pioggia tranne fenomeni rari fenomeni nevosi possibili soprattutto tra gennaio e febbraio, per un totale medio annuo di 1100 mm di pioggia.

Per quanto riguarda i trasporti, a Portland c’è solo l’imbarazzo della scelta su come muoversi. Il Portland International Airport, pochi chilometri a nord-est del centro, è il più trafficato aeroporto dell’Oregon, servito da tutte le maggiori compagnie aeree nazionali ed internazionali, e perfettamente collegato alla città da diverse tipologie di mezzi pubblici, gestiti da una delle aziende leader nel settore, la TriMet. Quest’ultima regola i tram, gli autobus, ma soprattutto la MAX Light Rail, la metropolitana, che consente di raggiungere comodamente ed a prezzi economici ogni angolo della città. Gli spostamenti ferroviari sono invece coordinati dall’Amtrak, mentre entrambe le autostrade interstatali dell’Oregon, I-84 e I-5, che si sdoppia in un breve tratto generando la I-405, attraversano Portland.
  •  

News più lette

close