Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Sacramento

Sacramento (California): cosa vedere e cosa sapere

Pagina 1/2

Sacramento è una città di 407.000 abitanti situata nella parte centro-settentrionale della California, al centro dell’omonima Contea di Sacramento di cui è capoluogo. Dal 1854 il centro ospita anche il California State Capitol, in quanto capitale statale. Geograficamente sorge alla confluenza tra i fiumi Sacramento e American, caratteristica che gli ha permesso di dotarsi di un porto fluviale grande e molto efficiente, collegato da un canale alla Baia di Suisun. Dal punto di vista economico Sacramento è lo snodo ferroviario, manifatturiero e commerciale della Valle di Sacramento, il centro dove vengono prodotti e smistati frutta, riso, farina e latticini, per un’industria alimentare tra le più produttive dello stato.

Per migliaia di anni questa zona fu abitata dalle tribù indiane dei Miwok, dei Maidu e degli Shonommey, anche se ad oggi non sono rimasti molti reperti della loro esistenza. Il primo colone ad addentrarsi in questi territori fu lo spagnolo Gabriel Moraga, che tra il 1806 ed il 1808 scoprì e battezzò la Valle di Sacramento ed il fiume. Nel 1839 vi si insediò il pioniere John Sutter, che con decine di altri conterranei fondò la colonia di Forte Sutter, chiamata anche New Helvetia. A partire dal 1848, anno della scoperta del primo filone d’oro nella zona, quello che era nient’altro che un piccolo villaggio registrò un vero e proprio boom demografico, oltre al cambiamento del nome in Sacramento, preso dal fiume che l’attraversava. Il compito di assecondare un così sensibile incremento della popolazione fu affidato all’ingegnere topografico William H. Warner, che redasse un piano urbanistico di espansione dell’abitato. Nel 1850, nonostante le inondazioni, le epidemie di colera e gli incendi che la flagellarono Sacramento contava già 10.000 abitanti, tanto che solo 15 anni dopo la nascita, nel 1854, divenne capitale della California. Il fiume, che per molti anni non fu altro che portatore di morte e distruzione, lanciò definitivamente la città nell’elite commerciale americana, dando inizio ad uno sviluppo sociale, economico e culturale mai arrestatosi negli anni e vivo ancor oggi.

La zona più caratteristica da visitare è indubbiamente l’Old Sacramento, la “Vecchia Sacramento”, un’area di sei isolati compresa tra il fiume e la città moderna. L’antico rione presenta parecchi fabbricati storici, in un distretto costellato da botteghe, ristoranti e musei. Le mete da non perdere sono: l’Old Schoolhouse, una costruzione ad una sola stanza, tipico esempio di scuola californiana di fine ‘800; il Delta King Riverboat, un albergo ospitato all’interno di uno degli ultimi battelli a pale del Sacramento Delta, ormai fermo da anni ed ancorato a riva; il Discovery Museum, un allestimento di reliquie ottocentesche situato negli ex uffici comunali della città; il California State Railroad Museum, che vanta una vasta raccolta di locomotive e vagoni restaurati in maniera impeccabile; l’Eagle Theatre, una fedele ricostruzione del teatro eretto nel 1849 e travolta da un alluvione un anno dopo; il Pony Express Monument, un monumento che celebra il percorso postale di 3163 chilometri da Sacramento a St. Joseph, nel Missouri; il BF Hastings Building, che nasconde le sale restaurate della Supreme Court, dove farsi un’idea generale del sistema legale della Vecchia California; ed il Theodore Judah Monument, una scultura che commemora Theodore Judah, l’ingegnere che progettò la ferrovia transcontinentale.

Passati in rassegna i siti più interessanti del centro storico di Sacramento, resta assolutamente da vedere il California State Capitol. Quest’ultimo, che si erge al centro di un parco immenso, è una pietra miliare di questo genere di architettura, uno dei palazzi più belli dello stato. Il progetto risale al 1860 ad opera dell’architetto Miner F. Butler, che progettò un edifici in stile Renaissance Revival, con porticati corinzi ed una cupola centrale slanciata. La costruzione fu ultimata nel 1874, dopo quasi 15 anni di lavori e spese globali per 2 milioni e mezzo di dollari.

... Pagina 2/2 ... Meno conosciuti ma di grande appeal sono anche: il Crocker Art Museum, istituito nel 1873 e per questo il più antico museo d’arte ad ovest del Mississippi, che conserva dipinti vittoriani e sculture europee e statunitensi, ma soprattutto che ospita spettacolari mostre itineranti di pittura e fotografia; il Sutter’s Fort, un sito abbastanza ignorato poiché posizionato in periferia ma molto interessante sotto il profilo storico, in quanto rappresentò uno dei luoghi più significativi e popolati della storia della California; ed il California State Indian Museum, un piccolo ma accattivante museo situato all’interno di un parco attiguo a Sutter’s Fort, dedicato ai diversi culti indigeno-americani esistenti nella regione prima dell’arrivo degli europei nel XVII secolo.

Il clima è mediterraneo, con inverni miti e poco piovosi ed estati calde e secche. La temperatura media annuale è di 16 gradi, frutto degli 8 gradi medi che si registrano tra dicembre e metà febbraio, ed i 24 di luglio ed agosto. Gli estremi minimi e massimi mai raggiunti nella zona sono stati rispettivamente di -9 gradi, nel 1932, e di 45 gradi nel 1925, valori che non devono spaventare in quanto praticamente irripetibili, anche se non è così raro scendere sotto zero in gennaio e superare i 32/33 gradi in luglio. Una caratteristica che rende particolarmente piacevole il clima di Sacramento e di tutta la vallata è il basso tasso di umidità relativa, che rende sopportabili anche i pomeriggi più torridi. Le precipitazioni sono decisamente scarse, con un picco in gennaio, quando cadono circa 100 mm di pioggia che occasionalmente può tramutarsi in neve, ed un minimo nei mesi estivi, quando i fenomeni sono praticamente inesistenti, per un totale medio annuo di circa 500 mm di pioggia.

L’aeroporto cittadino è il Sacramento International Airport, uno scalo molto trafficato ed ottimamente collegato dalle principali compagnie aeree americane anche al Canada ed al Messico. Gli spostamenti ferroviari regionali si snodano attorno alla stazione centrale di Sacramento, la Sacramento Valley Rail Station, situata all’angolo tra la 5th e la 1st strada nei pressi del centro storico e gestita dall’Amtrak. Questa è anche una delle fermate dell'RT light train, il servizio offerto dai treni leggeri che si muovono in città. Le autostrade interstatali che convergono in città sono le I-5 e I-80, anche se spostarsi in automobile risulta comodo e pratico soprattutto grazie alla presenza di molte arterie a carattere nazionale e provinciale.
Foto, cortesia: sito ufficiale
loading...
01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close