Cerca Hotel al miglior prezzo

Londra progetta la costruzione dell'aeroporto pił grande del mondo

L'architetto Lord Norman Foster, conosciuto anche per aver ha progettato il nuovo stadio di Wembley, ha presentato un nuovo progetto incentrato su Londra: con un costo di circa 50 miliardi di sterline, cifra superiore ad un manovra economica di un paese come l'Italia, si doterebbe la capitale dell'Inghilterra dell'aeroporto più grande del mondo, riuscendo a togliere il primato al futuro aeroporto di Pechino, di cui avevamo parlato in un precedente blog.

Gestirà fino a 150 milioni di passeggeri l'anno e sarà operativo 24 ore al giorno: quello che per ora ha il nome di “Thames Hub” servirà più del doppio dei viaggiatori che attualmente transitano dall'aeroporto di Heathrow, il maggiore scalo londinese. Il nome preannuncia la peculiarità del progetto: l'aeroporto sorgerà proprio sul Tamigi, verso la zona dell'estuario del fiume, ad est di Londra.

Londra è da tempo alla ricerca di soluzioni per gestire la crescente pressione sui suoi aeroporti: i numeri parlano chiaro, se non si interviene con una nuova struttura, il sistema aeroportuale londinese arriverebbe nel 2030 al collasso per saturazione di tutte le capacità degli esistenti aeroporti. A Londra ricordiamo che gravitano oltre Heathrow, gli aeroporti di Gatwick, Stansted senza dimenticare il piccolo aeroporto della City. Inoltre l'ipotesi di una terza pista a Heathrow è già stata esclusa, mentre le quattro piste di atterraggio e decollo simultaneo, previste per il nuovo Hub sul fiume Tamigi, sembrano la migliore soluzione al problema.

Con questo progetto ci sarebbero dei vantaggi aggiuntivi: Oltre ad incrementare notevolmente la capacità di Londra per il trasporto passeggeri, l'hub potrebbe anche vantare una linea ad alta velocità ferroviaria per collegare il Regno Unito con le altre città chiave dell'Europa. Grazie a queste modularità si prevede che il nuovo scalo londinese potrà arrivare ad accogliere anche 300.000 passeggeri ogni giorno, ma con capacità complessiva fino ad oltre 400.000 viaggiatori, se necessario.

Dove verrebbe costruito? Il sito identificato è quello dell'isola di Grein, che si trova nel Kent, nella parte meridionale dell'estuario del Tamigi, sul punto più orientale della penisola di Hoo. In realtà l'Isle of Grain non è più una vera isola, dato che il fiume qui è diventato una specie di palude, collegando di fatto l'isola alla terraferma con un letto di fango. E' una zona disabitata anche se considerato un habitat importante per alcune specie avicole. Uno dei vantaggi, secondo i progettisti, è che grazie all'isola di Grain, che si trova ad est di Londra, e in un area a scarsa densità di popolazione, si porterebbe ad una netta diminuzione dell'attuale livello di rumore degli aeromobili sulle zone abitate di Londra e della sua periferia.
  •  

 Pubblicato da il 07/11/2011 - - ® Riproduzione vietata

close