Cerca Hotel al miglior prezzo

Kanal Istanbul: il progetto per un nuovo Bosforo

Il primo ministro turco Erdoğan ha annunciato oggi l'intenzione del governo turco di costruire un nuovo importante canale d'acqua che collegherà il Mar Nero e il Mar di Marmara, con lo scopo di ridurre il traffico sul Bosforo, attualmente fortemente congestionato. Si chiamerà Canale Istanbul (Kanal Istanbul) e verrebbe a tagliare la parte europea della città, con una lunghezza tra i 40 e i 50 chilometri, una larghezza massima di 150 m e una profondità di circa 25 metri. Erdogan ha presentato il progetto davanti ad una folla urlante riunitasi al Centro Congressi di Istanbul.

Nel suo discorso, Erdoğan ha parlato dei suo "sogni" riguardo ad Istanbul, che ricordiamo essere la terza città al mondo per popolazione, facendo un confronto con i sogni di persone importanti del passato come Fatih Sultan Mehmet, il conquistatore della ex città di Costantinopoli nel 1453, e l'architetto ottomano Sinan del 16 ° secolo, figure che hanno fatto la storia della città, prima di svelare il suo nuovo piano per un secondo stretto.

"Ci sono stati sempre grandi sogni dietro i grandi passi e le grandi vittorie nella storia. E ora abbiamo un sogno per la nostra nazione e Istanbul. Siamo pronti a rimboccarci le maniche per 'il nuovo canale di Istanbul uno dei più grandi progetti del secolo che offuscherà i canali di Panama e di Suez ", ha così ribadito Erdogan al pubblico.

Il progetto, ha detto, trasformerà la geografia di Istanbul in "due penisole e un isola". Erdogan ha aggiunto che gli studi preliminari e la redazione del progetto sono attesi fra due anni, a partire dopo le elezioni generali di giugno, mentre la data di ultimazione prevista per la costruzione sarà il 2023. Il primo ministro ha rifiutato di rivelare l'esatta ubicazione sia per il nuovo canale o il suo costo stimato. "Questo è un segreto, non voglio dare questa informazione in modo da evitare speculazioni", ha detto, aggiungendo che "il finanziamento non sarà un problema".

Uno dei principali obiettivi è quello di ridurre il traffico attraverso il Bosforo e minimizzare la minaccia ambientale: secondo Erdogan le navi trasportano attraverso il Bosforo, annualmente, 140 milioni di tonnellate di petrolio, 4 milioni di tonnellate di gas e petrolio liquefatto e 3 milioni di tonnellate di sostanze chimiche, minacciando i quasi 2 milioni di persone che vivono e lavorano sulle sponde del corso d'acqua. Il Bosforo, che divide in due parti Istanbul, è la quarta rotta navale più frequentata al mondo, e insieme con lo Stretto dei Dardanelli, collega il Mar Nero al Mediterraneo. E 'difficile da navigare a causa della sua geografia sinuosa e le correnti insidiose.
  •  
10 Dicembre 2017 I mercatini di Natale al castello di Limatola ...

Dal 10 novembre al 10 dicembre 2017, Limatola (in Campania) ...

NOVITA' close