Cerca Hotel al miglior prezzo

Breuil-Cervinia Valtournenche: le novitÓ della stagione sciistica 2011

Pagina 1/2

Un’esperienza unica: 350 chilometri di piste che hanno come protagonista la più fotografata al mondo delle montagne, il Cervino. Se i tracciati sono unici per ambientazione e tipologia di percorsi, in grado di accontentare tutti i livelli, dal neofita al campione, il fatto di poter sciare nel bel mezzo di un domaine skiable a cavallo tra Italia (Breuil-Cervinia Valtournenche) e Svizzera (Zermatt) aggiunge prestigio ad un comprensorio dove da sempre la neve è di casa per tutto l’anno. Le quote, dai 3.500 metri di Plateau Rosà, addirittura ai 3.899 metri del Piccolo Cervino per poi scendere, sempre sci ai piedi, ai 1.500 metri di Valtournenche, là dove si esauriscono i tracciati, garantiscono l’eccellenza in fatto di neve anche durante la primavera.

Ed è proprio la qualità della neve, le alte quote e l’ampiezza del comprensorio a richiamare sulle piste del Cervino, oltre che sciatori “da pista” (qui tutte perfettamente battute) anche appassionati di freeride che possono scegliere percorsi dove lasciarsi cullare dal soffice manto di una neve sempre powder. Che è anche l’ideale per gli amanti dello snowboard. Questo sport giovane giovane fa rima con “IndianPark”, ideale punto di ritrovo a Plan Maison per i funamboli delle tavole, con al suo interno una serie di percorsi adatti ad esaltare le diverse abilità dei tanti frequentatori che non vogliono perdere l’occasione di…saltare ai piedi del Cervino!

§ LE PISTE PIU’ LUNGHE DELLE ALPI
Sono le stesse altezze su cui si sviluppa il domaine skiable di Breuil-Cervinia Valtournenche che rendono le piste del comprensorio tracciati da guinness dei primati: come ad esempio la mitica “Ventina”, 11 chilometri da percorrere tutto d’un fiato (si fa per dire!) dai 3.500 metri di Plateau Rosà ai 2.000 metri di Breuil-Cervinia paese. Se poi si vuole allungare ancor di più il percorso è possibile sciare dal Piccolo Cervino (m. 3.899), prendere il raccordo per Plateau Rosà – pista “Ventina” ed eventualmente scegliere di deviare in direzione Valtournenche (pista “Reine Blanche”), così da sfruttare l’ampia rete di piste del comprensorio che magnificamente si intersecano tra loro.

§ GRANDE NOVITA’: DUE NUOVE PISTE, UNA NERA ED UNA…QUASI NERA
Disegnate entrambe nella parte alta dell’area-ski del Cretaz, nella zona della seggiovia a sei posti con cupole di protezione “Pancheron”, là dove il Cervino con la sua imponente Parete Sud sorveglia a vista gli sciatori, nascono due nuovi tracciati, una da brivido, chiamata “pista nera del Cervino” che sul percorso della mitica “numero 59” consente di mettere alla prova le capacità tecniche anche dello sciatore più provetto con un muro iniziale da “vertical ski”(proprio sotto le “Creste del Furggen) ed una meno adrenalinica, ma neanche più di tanto, già conosciuta come pista “numero 24” ma da questa stagione completamente ridisegnata, allungata e allargata per offrire altre belle opportunità di sciare in questo “comprensorio nel comprensorio”, comodamente raggiungibile con la seggiovia “Cretaz” dal centro paese e poi con la nuova “Pancheron”.

§ DISCESE A TEMA
La magia del Cervino e del suo domaine skiable si traduce in occasioni di sci davvero esclusive, per cogliere atmosfere uniche, da vivere e raccontare da protagonisti.
- Sciare al chiar di luna
La notte con i suoi silenzi e improvvisamente la luna che riflette sulla neve una luce incantata, le stelle come tante lanterne, il Cervino che scandisce le note degli sci che disegnano curve mai ripetitive tra loro: “chiamale se vuoi emozioni”, al chiar di luna. La più gettonata di queste esclusive discese, quella dai 3.500 metri di Plateau Rosà sino ai 2.000 metri di Cervinia paese, 11 chilometri di pista tutta illuminata dalla luna, con i riflessi del Cervino che si allungano sui continui e mai ripetitivi muri di un percorso di ben 1.500 metri di dislivello.
- Prima traccia
Ovvero lasciare la propria indelebile firma sulle piste ancora chiuse, giusto per cogliere quell’attimo prima dell’orario ufficiale di apertura dei tracciati. Il sole che spunta, l’aria frizzante del mattino presto, l’essere assolutamente soli davanti ad un maestoso tappeto bianco per una firma che da sola vale un’intera giornata sugli sci.

§ INDIANPARK
Musica a tutto volume, facce di gente contenta: la tribù dello snowboard si ritrova nell’area ski di Plan Maison dove più di 400 metri di lunghezza e 100 di larghezza delimitano questo snowpark le cui strutture ospitano rail e kicker per veri intenditori. Conosciuto come “IndianPark”, è stato pensato non solo per gli snowboarder ma anche per il freestyle skier, l’ultima frontiera, quella degli sci twin tips (a doppia punta). La qualità tecnica del park è garantita da una manutenzione giornaliera. Per salti freschi di giornata!

§ ACROBATIK VILLAGE
... Pagina 2/2 ...Sempre a Plan Maison, un percorso di quasi un chilometro dedicato al boarder cross e allo ski cross, due giovani discipline che proprio a Breuil-Cervinia hanno trovato, è proprio il caso di dire, terreno ideale per farsi conoscere. La nazionale italiana di boarder e ski cross ha infatti scelto per i propri allenamenti l’ “Acrobatik Village”. Anche se non siete praticanti, lo spettacolo è comunque assicurato dalle evoluzioni di questi atleti, veri funamboli.

§ NUOVO PARCO GIOCHI A PLAN MAISON NOVITA' 2010/2011
Nell’ampio ski domaine da cui si diramano a raggera gli impianti e le piste che confluiscono a Plan Maison, è in funzione da questa stagione un nuovo parco giochi con tapis roulant (tappeto scorrevole) che consente ai piccoli frequentatori del Breuil di avvicinarsi in modo divertente e sicuro allo sci. Luogo ideale anche per mamme e papà che possono così lasciare i propri figli in una zona protetta e sicura, concedendosi una pausa di relax dallo sci, magari approfittando delle tante terrazze solarium dei bar-ristoranti di Plan Maison.

§ IL MUSEO PIU’ ALTO D’EUROPA NOVITA' 2010/2011
Ai 3.500 metri di Plateau Roà, presso la storica stazione d’arrivo della funivia (correva l’anno 1934) la società Cervino S.p.A. ha realizzato nei locali la mostra-museo permanente titolata “Una Montagna di Lavoro”. Al suo interno utensili, manufatti, foto dell’epoca e audiovisivi che raccontano la storia degli impianti di una Cervinia d’antan. Un omaggio all’ardimentosa opera di uomini che hanno saputo realizzare impianti di risalita allora considerati impossibili per difficoltà di costruzione e collocazione. Spaziale, nel vero senso della parola, la terrazza panoramica del museo, dove è possibile ammirare da vicino l’imponente sagoma del Cervino, il massiccio del Bianco e all’orizzonte il Monviso. Una visita che vale una gita a Plateau Rosà.

§ GRANDI EVENTI: TROFEO MEZZALAMA 30 APRILE 2011
La più spettacolare gara di sci alpinismo con partenza da Breuil-Cervinia e arrivo a Gressoney La Trinité attraverso la vetta del Castore ( 4.236 mt ): appuntamento il 30 aprile con il via delle squadre partecipanti in zona Bardoney alle luci dell’alba. In occasione del Mezzalama la Cervino S.p.A. effettua corse prima dell’apertura ufficiale degli impianti per consentire agli appassionati di seguire gli atleti lungo lo splendido percorso che dal Cervino porta sulle vette del Monte Rosa.

§ PREZZI SKIPASS
- Giornaliero internazionale 51,00 euro
- Giornaliero nazionale 37,00 euro
- Gratis i bambini under 8 anni
- Gratis gli over 80 anni
- Giornaliero junior (da 8 a 14 anni) internazionale 31,00 euro
- Giornaliero junior (da 8 a 14 anni) nazionale 22,50 euro


 Pubblicato da il 15/10/2010 - - ® Riproduzione vietata

close