Cerca Hotel al miglior prezzo

La Festa e il Fuoco di Sant'Antonio Abate a Ottana

Evento concluso!
Attenzione, evento concluso!
Se verrà riproposto aggiorneremo le date!
A Ottana, paesino della Barbagia, in Sardegna, tutti i calendari delle famiglie autoctone hanno un segno sul 16 gennaio, giorno in cui ci si riversa per le strade a festeggiare Sant’Antonio Abate.
Si tratta della giornata più emozionante dell’intero anno, che la popolazione vive respirando eccitazione e febbrile attesa fra preparativi e chiacchiere immaginifiche.

È tradizione approntare e accumulare sin dalla mattina (in concomitanza con la consueta apertura del MAT – Museo Arti e Tradizioni curato dall’Associazione Sa Ilonzana) la legna destinata ad alimentare S’Ogulone de Sant’Antoni, il maestoso fuoco intorno al quale i paesani si riuniscono una volta acceso nel tardo pomeriggio.
L’enorme “pira” (un immenso cumulo di legname in cui bruciano anche lentischio, corbezzolo, alloro e rosmarino, che profumano la suggestiva notte) scalda l’inverno qui a Ottana illuminando quella spiritualità che aleggia tra i vicoli e le piazzette, convogliata nella Santa Messa officiata fra le sacre mura della Chiesa di Sant’Antonio preludendo la processione e la distribuzione del pane votivo.

Il rito anticipa Sa Prima Essia, una coinvolgente esibizione pre-carnevalesca durante la quale a sfilare sono le maschere tipiche del luogo, Boes, Merdules e Sa Filonzana.
Il corteo termina in Piazza San Nicola e qui si cena tutti insieme fra balli sardi e canzoni intonate, non prima però di aver osservato i personaggi di Sa Prima Essia compiere tre giri intorno a S’Ogulone.

Il fuoco è mutuato dal fatto che Sant’Antonio viene chiamato appunto il "Santo del Fuoco" (Sant’Antoni de su Fogu), protettore degli animali tenuto in somma considerazione da pastori e contadini. La leggenda vuole che fu proprio Sant’Antonio a sottrarre agli inferi una scintilla facendone dono agli uomini per potersi riscaldare.

Tutto ciò, in docile equilibrio fra sacro e profano, corrisponde alla popolare inaugurazione dei filoni celebrativi che imperversano per molti giorni fra danze, vino, bontà gastronomiche e assaggi di Su pani’ e saba, dolce tipico della festa.

Per il 2020 è attivo anche un concorso fotografico bandito dal comune di Ottana per l’occasione.

Informazioni utili, date e orari della festa

Nome: S’Ogulone de Sant’Antoni
Dove: centro storico di Ottana (Nuoro).
Date: 16 gennaio 2020.
Biglietto: ingresso gratuito.
Tipologia: festa popolare.
Orari e programma:
ore 10 Apertura punto informazioni e iscrizioni al concorso fotografico: “L’Immortale danza di Boes, Merdules e Filonzana – Sa prima essìa”;
ore 11:30 MAT (Museo Arti e Tradizioni) inaugurazione mostra fotografica;
ore 16 Accensione fuoco;
ore 17:30 Processione e benedizione del fuoco, distribuzione del pane votivo a cura del Comitato Sant’Antonio;
ore 18 Sa prima essìa di Boes, Merdules e Ilonzana, a cura delle Ass. culturali “Boes e Merdules” e “Sos Merdules Bezzos de Otzana“;
ore 20 Degustazione piatto tipico;
ore 20:30 Balli in piazza.
Maggiori informazioni sulla pagina Facebook dell’Associazione Sa Ilonzana, e-mail sailonzana@gmail.com, oppure sulla pagina Facebook del Museo e dell'Associazione Boes e Merdules.

Come arrivare: da Nuoro percorrere la SS 131 e poi uscire a Ottana.
Dalla stazione ferroviaria di Nuoro proseguire in autobus.
L'aeroporto di riferimento è quello di Cagliari.

Scopri tutti gli eventi in Sardegna.

Calendario delle aperture
Attenzione: evento terminato!

Gennaio 2020
D L M M G V S
     
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
 
Diniego di responsabilità: la Redazione cerca di mantenere sempre aggiornate le date di apertura, ma consigliamo di visionare i siti ufficiali prima di organizzare una visita.
  •  
31 Luglio 2020 La Sagra degli Gnocchi a Guardea

A Guardea, in provincia di Terni, quest’anno si svolge la XXX Sagra ...

NOVITA' close