Cerca Hotel al miglior prezzo

Le Giornate FAI d'Autunno

Nel weekend del 13 e 14 ottobre 2018 tornano le attesissime Giornate FAI d’Autunno. Il FAI (Fondo Ambiente Italiano) che da 43 oltre anni si occupa della conservazione e valorizzazione di 61 luoghi speciali in tutta Italia, grazie al lavoro dei volontari dei Gruppi FAI Giovani, permetterà al grande pubblico di conoscere beni storici e tesori artistici di inestimabile valore nelle aperture straordinarie d’autunno che segue l'edizione delle Giornate FAI di Primavera.

Sabato 13 e domenica 14 ottobre 2018 il FAI, in occasione delle Giornate FAI d’Autunno, verranno aperte le porte di ben 660 luoghi, indirizzi e palazzi storici poco conosciuti, spesso interdetti al pubblico, eccezionalmente accessibili in tutta Italia: sarà l’occasione per scoprire posti inediti del patrimonio italiano, grazie ai 150 itinerari tematici e alle aperture speciali proposti dai giovani volontari, che coinvolgono ben 250 città da nord a sud. Ci sono castelli e aree archeologiche, musei, palazzi signorili e terme, ma anche fari, treni e interi quartieri che per l’evento si preparano ad accogliere turisti e curiosi che ogni anno attendono questo momento.

Durante le Giornate FAI d’Autunno all’accesso di ogni bene sarà richiesto un contributo facoltativo (consigliati da 2 a 5 euro), a sostegno dell’attività della Fondazione e per gli iscritti FAI ci saranno visite esclusive, accessi prioritari ed eventi speciali. Ma dove si potrà accedere? Ecco di seguito un elenco con alcune città e gli indirizzi da non perdere.

Luoghi FAI da non perdere nel Nord Italia


Piemonte

A Torino il weekend è dedicato ad un percorso lungo le acque del fiume Po: dai cosiddetti Murazzi, gli argini costruiti dalla seconda metà XIX secolo per preservare la città dalle piene del fiume, alle più antiche società canottieri di Torino, normalmente riservate ai soci.

Liguria

Solo gli iscritti e i nuovi tesserati potranno vivere una gita all’interno del faro di Portofino, in provincia di Genova, riaperto a maggio e tornato a vivere dopo 14 anni di oblio (foto di copertina), mentre a Savona resterà aperto per i curiosi il Carcere Sant’Agostino, sulla collina del Monticello, dove nella seconda metà del Trecento furono eretti la chiesa e il convento.

Lombardia

Per Milano si aprono le porte di due palazzi di fine ottocento, il Palazzo Edison, progettato nel 1892 dall’architetto Enrico Combi e della sede comunale il Palazzo Marino, datato 1861. Inoltre via libera nella torre della Fondazione Prada, moderno spazio espositivo, dalla cui terrazza panoramica si gode una splendida vista.

Veneto

A Venezia i visitatori potranno entrare in Casa Masieri, progettata inizialmente da Frank Lloyd Wright che nel 1955 non ne ebbe l’approvazione poi ridisegnata dall’architetto veneziano Carlo Scarpa.

Emilia-Romagna

Oltre all’apertura del Canale delle Moline, dove è possibile ammirare l’antico sistema dei canali di Bologna, rinchiuso tra le case e per lungo tempo rimasto nascosto alla vista, in provincia si segnala il percorso del Muro Dipinto per le vie di Dozza, borgo medievale, che dal 1960 si è trasformato in una vera e propria galleria a cielo aperto con opere di oltre 200 artisti.

Luoghi FAI consigliati in centro Italia


Toscana

A Livorno torna a ospitare il pubblico uno dei più antichi fari d’Italia: è il fanale di Livorno, o Fanale Maggiore, realizzato tra il 1303 e il 1305 all’epoca della Repubblica marinara di Pisa, distrutto e poi ricostruito, descritto per la sua bellezza persino da Dante Alighieri e Francesco Petrarca. Per gli iscritti la gita a Lucca, si farà all’interno della Premiata Fabbrica Mattonelle A. Tessieri, specializzata nella produzione con disegni di ispirazione Art Nouveau, che per la prima volta apre per le visite i suoi ambienti di lavoro per osservare la produzione artigianale.

Lazio

A Roma gli itinerari sono dedicati alla modernità del Novecento: resteranno aperti il Palazzo dell’Aeronautica, il Treno Presidenziale (riservato agli iscritti e i nuovi iscritti) e il Bunker della Stazione Termini, ovvero la cabina di comando sotterranea costruita nel 1936, dove i ferrovieri potevano trovare rifugio in caso di bombardamenti.

Luoghi FAI suggeriti al sud


Campania

A Napoli si potrà curiosare fra angoli eleganti e segreti, come quelli della collina di Capodimonte, fra spazi verdi e giardini celati fra ville e palazzi storici: tra questi il Real Orto Botanico e il Giardino di Babuk, un angolo misterioso della città, che nasconde un ipogeo.

Puglia

A Bari apertura straordinaria del Teatro Margherita, unico in Europa a sorgere su una struttura di palafitte collegata alla terraferma da un pontile, e in restauro dal 2002, che a breve sarà inaugurato.

Sicilia

A Catania oltre all’apertura delle Terme romane della Rotonda e delle Terme achilliane, costruite nel II secolo d.C. nel sottosuolo di Piazza Duomo accanto alla facciata della Basilica Cattedrale di Sant’Agata, gli iscritti FAI potranno avere accesso alle eleganti sale delle Biblioteche riunite “Civica e A. Ursino Recupero”, nel cuore del Monastero dei Benedettini di San Nicolò l’Arena, dichiarate nel 2002 Patrimonio UNESCO dell’Umanità, con un patrimonio librario e documentario di oltre 270.000 volumi.

La campagna Ricordati di salvare l’Italia
A ottobre torna anche Ricordati di salvare l’Italia, la campagna nazionale di raccolta fondi con cui il FAI invita all’iscrizione per la salvaguardia del patrimonio culturale italiano: fino al 31 ottobre ai nuovi iscritti sarà riservata la speciale quota di iscrizione di 29 euro anziché 39.

Info: www.fondoambiente.it
  •