Cerca Hotel al miglior prezzo

Alpe Adria, il sentiero che dal Grossglockner arriva al Mare Adriatico

Una buona notizia per gli appassionati di trekking e di montagna: è stato realizzato un nuovo percorso escursionistico denominato Alpe Adria, che accompagna gli amanti delle natura attraverso 680 chilometri di paesaggi alpini, che vengono scoperti passo dopo passo sui sentieri di tre diverse nazioni e culture. Il percorso è stato concepito con una serie di tappe, ciascuna delle quali si snoda lungo regioni dall'interesse turistico, luoghi tutti caratterizzati da una ricca tradizione culturale, naturale e gastronomica. Il tema conduttore del trekking è comunque la ricchezza di acque che si incontra lungo il percorso, un presenza abbondante in ogni regione attraversata: dai ghiacciai, ai fiumi, dalle cascate ai torrenti, dalle sorgenti ai laghi, fino a toccare il mare.

Il sentiero condurrà gli escursionisti partendo dalla montagna più alta dell'Austria, il Grossglockner alto ben 3.798 metri fino alle acque del Mare Adriatico. In tutto 38 tappe, ciascuna mediamente di una lunghezza di circa 17 km (da un minimo di 11,7 ad un massimo di 31,6 km), attraverso sentieri segnati che si muovono lungo i territori della Carinzia, del Friuli Venezia Giulia, della Slovenia, e terminando la sua cavalcata geografica in Italia, e più precisamente a Muggia, sulla costa adriatica, a sud di Trieste. Per chi non se la sente di compiere una escursione così lunga, dopo tutto 38 giorni di ferie non sono facili da ottenere, esiste una versione più corta ad anello, che riesce a toccare tutte e tre le nazioni in un percorso di 7 giorni, con una lunghezza complessiva di 123 km che esplorano i paesaggi tra Villach, Tarvisio e Kranjska Gora.

La prima parte del percorso principale si snoda in Austria, da dove ha inizio il sentiero, sulle pendici del Grossglockner e in particolare dal ghiacciaio di Pasterze. Da qui si svolgono ben sette tappe che vi faranno scoprire le bellezze della valle del Möll. Tra i punti di rilievo del tratto iniziale segnaliamo i paesaggi degli Alti Tauri, i mulini di Apriach, l'architettura medievale di Gmund, e la bellezza cristallina della Millstätter Alpe, con l'omonimo lago, uno dei gioielli balneari della Carinzia. Sono molti i laghi austriaci che verranno ammirati, dall'Ossiacher see al Wörthersee fino al Faaker See, nei pressi del quale si trova il castello di Finkenstein.

Da qui salendo tra i boschi del Wurzenpass si scollina in Slovenia, raggiungendo la zona di Kranjska Gora, da dove si seguirà il percorso della valle del fiume Soča, che a noi italiani dice qualcosa in più se lo chiamiamo con il nostro nome: Isonzo. Questo fiume attraversa i territori del Parco Nazionale Triglav, il solo parco nazionale sloveno, che rivela i magnifici scenari delle Alpi Giulie. L'Isonzo è uno spettacolare fiume carsico, ideale in territorio sloveno per rafting e torrentismo, oltre che eccezionale per la pesca. Il sentiero tocca anche Kobarid, e cioè Caporetto, dove sono ancora visibili le testimonianze della prima guerra mondiale.

Il territorio italiano viene raggiunto nella regione del Collio, la dove si trova Cividale del Friuli, splendida città che ha abbracciato da decenni le culture delle nazioni Alpine con il suo celebre Mittelfest. Sarà l'occasione di vedere i suoi monumenti longobardi, divenuti Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, e magari sorseggiare qualche vino pregiato. Il percorso toccherà la bella Cormons prima di dirigersi sull'altopiano del Carso, toccando la costa nei pressi di Duino, dove si trova un importante castello. Da qui aggirando le aree urbane di Trieste, toccando Lipica e i suoi cavalli in Slovenia, le vostre fatiche termineranno al porto italiano di Muggia, con la sua tipica impronta veneziana.

Sito ufficiale: www.alpe-adria-trail.com
  •  
close