Cerca Hotel al miglior prezzo

Diada de Sant Jordi, il vero San Valentino a Barcellona

Evento concluso!
Attenzione, evento concluso!
Se verrà riproposto aggiorneremo le date!

Pagina 1/2

C'è chi vive il giorno di San Valentino come un incubo, e si sente sollevato di avere ben 11 mesi di margine per non pensare nuovamente al da farsi nel giorno del 14 febbraio. C'è invece che in quel giorno vede amplificate le dolci sensazioni della sua storia d'amore. Qualunque sia il vostro stato d'animo a proposito, dovete a sapere che a breve ci sarà una seconda prova d'appello per tutti gli innamorati: la Diada de Sant Jordi a Barcellona. Il giorno di San Giorgio è considerato a tutti gli effetti il vero San Valentino della capitale della Catalogna.

Il prossimo 23 aprile sarà un grande giorno a Barcellona e anche l'occasione di fare un sorpresa alla persona amata portandola in una bella città, nel suo momento più romantico dell'anno, magari sfruttando il ponte per la Festa della Liberazione. La tradizione vuole che in quel giorno gli uomini regalino alla compagna una rosa, mentre le donne, in risposta offrono un libro, al punto che La Diada de Sant Jordi sia anche considerata come El día de la Rosa e El día del Llibre.

Complice il clima di aprile, decisamente più accogliente rispetto a quello di metà febbraio, questa festa è molto più sentita rispetto al classico San Valentino, c'è più voglia di stare all'aria aperta e il sole primaverile invita alla festa nelle strade.

San Giorgio è il Santo Patrono della Catalogna e, secondo la leggenda, l'uccisione del Drago che voleva divorare una bella principessa avvenne non distante da Barcellona. La leggenda vuole che dal sangue del drago caduto a terra germogliasse un cespuglio di rose, da cui l'eroe colse la più bella e la donò alla principessa.

Questo è il motivo che lega San Giorgio alla festa delle rose, che si celebra a Barcellona fin dal Medioevo, una festa che quindi va ad onorare l'amore cavalleresco e romantico.

Ma perchè il libro?
La tradizione legata ai libri è decisamente più recente, ma ha radici profonde nella cultura letteraria spagnola: il 23 aprile 1616 esattamente 500 anni fa, morì Miguel de Cervantes, il grande scrittore spagnolo, l'autore di Don Chisciotte. Non tutti sanno che lo stesso giorno morì anche William Shakespeare, e pertanto il 23 di aprile è marchiato a fuoco dalla storia come il giorno dei libri.

Proprio per queste ragioni nel 1923 la festa degli innamorati a Barcellona fu unita alla Giornata Internazionale del Libro; pensate che mediamente ogni 23 aprile in tutta la Catalogna vengono vendute poco meno di 5 milioni di rose e oltre mezzo milione di libri.

A Barcellona e in tutta la Catalogna, nel giorno di Sant Jordi gli innamorati sono ovunque in giro per la città, e vedrete migliaia di rose circolare per le strade, in attesa di giungere a destinazione, tra le mani della destinataria. Ovviamente le strade si riempiono di bancarelle che vendono libri, e in genere viene organizzata una 24 ore non stop di lettura del Don Chisciotte e molti autori si trovano presso le bancarelle per firmare i libri.

... Pagina 2/2 ...
Pensate che nella località di Sarrià vengono esposti 45 tipi differenti di rose che rappresentano gli altrettanti diversi tipi di amore, da quelli impossibili, ai platonici, dai non corrisposti, fino all'amore filiale e materno.

E' a Barcellona, comunque, che si svolge la festa più intensa e dove è raro vedere delle donne circolare senza delle rose in mano. Le rose vengono vendute in bancarelle lungo le strade soprattutto vicino alle stazioni della metropolitana. Le rose ovviamente hanno prezzi più alti in quel giorno, ma ci sono volontari che le distribuiscono a chi non può permettersele, specialmente agli anziani.
In teoria ci sarebbe un “codice cromatico” nelle rose: se tutti sanno della “passione” che accompagna una rosa rossa, ricevere in dono una rosa gialla significa amicizia, la rosa bianca è sinonimo di purezza, arancione indica esplicito ardore e desiderio, mentre il colore rosa rappresenta uno stato d'animo di felicità. Per chi vuole invece cercare libri da regalare è consigliabile recarsi al Passeig de Gracia, dove si concentrano parecchi stand.

Il ballo della sardana viene eseguito in Plaça Sant Jaume, mentre Il Palazzo della Generalitat, con il patio pieno di rose, apre le sue porte al pubblico per l'unica volta dell'anno. Gruppi corali cantano canzoni d'amore nei vari angoli del Barrio Gotico, e al contempo la Rambla si riempie all'inverosimile lungo i 3 km del suo percorso.

Calendario delle aperture
Attenzione: evento terminato!

Aprile 2017
D L M M G V S
           
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
           
Diniego di responsabilità: la Redazione cerca di mantenere sempre aggiornate le date di apertura, ma consigliamo di visionare i siti ufficiali prima di organizzare una visita.

 Pubblicato da il 29/03/2017 - - ® Riproduzione vietata

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close