Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare Upper Midtown

Upper Midtown di New York City: dallo shopping sulla Fifth Avenue al MoMA e la Cattedrale di St.Patrick

Pagina 1/2

L’Upper Midtown è senza dubbio la zona più ricca ed esclusiva di New York City. Il simbolo della sontuosità e del potere di questa parte di città è pienamente simboleggiato dalla mitica Fifth Avenue, sede dei più costosi e raffinati negozi del mondo. Primo fra tutti il lussuosissimo Tiffany & Co., poi l’intera palazzina di Cartier al n.651, per poi passare alle boutique di ogni stilista in voga nel mondo della moda, fino ai grandi spazi occupati dalle colossali catene monomarca (Gap, H&M, Abercrombie&Fitch), e ancora FAO Schwarz, Apple Store, Nike store e molti altri; questi sono solo alcuni esempi di ciò che ci si ritrova ad ammirare facendo una passeggiata nella strada resa celebre da Audrey Hepburn e dalla sua Colazione da Tiffany.

Al n.725 sorge uno dei palazzi più chic dell’intera metropoli, la Trump Tower, che ospita al suo interno appartamenti ed uffici, negozi e caffè, eleganti ed esclusivi. Il trionfo di marmo rosa e specchi nulla è in confronto alla cascata di 24 metri che sgorga all’interno, mentre all’esterno fanno bella mostra di sé dei giardini pensili sul tetto a gradoni dell’edificio. Donald Trump ha voluto e sovvenzionato questo tripudio di lusso sfrenato negli anni Ottanta, periodo di eccessi e di esibizionismo.

Sempre sulla Fifth Avenue sorge la più grande cattedrale cattolica degli Stati Uniti, la Cattedrale di St.Patrick. Questo magnifico esempio di revival gotico, realizzato in marmo bianco e terminato nel 1878, può ospitare fino a 2500 persone. Qui tutto è maestoso ed imponente, a cominciare dalle enormi porte in bronzo, pensanti 9000 kg., il gigantesco rosone di 8 metri di diametro che sovrasta un organo composto da addirittura 7000 canne, le guglie che si elevano a ben 100 metri al di sopra del livello del suolo. In questa apoteosi di ampiezza, altezza e apertura che innalza le anime dei fedeli al credo cattolico, merita fare una visita alla statua della Beata Vergine posizionata nella Lady Chapel, uno spazio molto più ristretto e quindi accogliente, in cui molti trovano la pace interiore e si fermano a recitare una preghiera.

Non troppo distante dal luogo cardine della fede cattolica americana sorge la Central Synagogue, il più vecchio edificio della città da sempre utilizzato come sinagoga. Questa, a sua volta, è considerata il più bel esemplare di revival moresco-islamico di New York, e fu progettata nel 1870 dall’immigrato tedesco Henry Fernbach, che divenne il più famoso architetto ebreo d’America, realizzando anche alcuni tra gli edifici in ghisa più belli di SoHo.

Tornando al più frivolo e very expensive shopping, Bloomingdale’s e Bergdorf Goodman sono una garanzia se si ricerca eleganza e buon gusto, nel vestire come in qualsiasi altro campo della vita, essendo due dei grandi magazzini più forniti della città. Per un diamante di vera qualità e unico splendore conviene fare una passeggiata nel brillantissima Diamond District; sulla 47th street west tra la 5th e la 6th avenue hanno sede più di duemila gioiellieri indipendenti fra i più esperti al mondo.

... Pagina 2/2 ... Il Plaza Hotel, infine, può essere un buona scelta dove soggiornare, se si dispone di denaro sufficiente per permettersi una camera o ancor meglio una sfarzosa suite. L’hotel più lussuoso della città, nonché dichiarato anche, al momento della sua inaugurazione nel 1907, il miglior albergo del mondo, dispone di 800 camere e 500 bagni, una sala da ballo a due piani e vari appartamenti a dir poco spaziosi di proprietà di alcune delle più eminenti famiglie di New York.

Una delle più complete collezioni di arte moderna del mondo è visitabile negli avveniristici locali del Museum of Modern Art (MoMA). Fondato nel 1929, rivisto e riaperto nel 2004, i suoi sei piani espositivi sono una gioia per gli occhi e per il cuore; soddisfano ogni genere di visitatore, sia esso un professore di arte moderna, uno studente in gita scolastica o un’annoiata signora che spende un pomeriggio passeggiando per gli ampi locali. Picasso, Monet, Van Gogh, Gauguin, Pissarro sono solo alcuni dei nomi più famosi e conosciuti fra i molti autori che hanno firmato le circa 15000 opere esposte. E poi mostre temporanee, capolavori di arte fotografica e cinematografica, spazi interattivi e multimediali, oggettistica di design, e ancora stampe, libri illustrati e disegni. Tutto questo e molto di più è il MoMA, uno dei musei più importanti e famosi al mondo di arte datata fine ‘800-2011, e oltre. Tre sono le sedi del Design Store del MoMA, dove oltre ad ogni sorta di souvenir si può trovare mobilio, bigiotteria, articoli casalinghi, borse, ecc.

Subito dietro il museo, per i patiti di scarpe, è caldamente consigliato dare un’occhiata al negozio di Manolo Blahnik, lo stilista adorato dalle ragazze di Sex and the City; stranamente però non ci si ritrova davanti ad una boutique di super lusso, con pensilina raffinata e scarpe esposte in vetrina, ma la sede newyorkese di scarpe più alla moda è segnalata da una semplice e alquanto ridotta targhetta, vicino alla porta di entrata. Per questo ed altri particolari interessanti questo negozio è considerato davvero speciale, assolutamente sobrio e raffinato.

Metropolitana: per la 51st St prendere la linea 6, per la 59th St prendere le linee 4,5 e 6, per la 60th St prendere le linee N,R e W, per la 53rd St-5th Ave o 53rd St-Lexington prendere le linee E e V.
Autobus: servono la zona le linee M1-4, M15, M101-3, M27, M50, M31 e M57.

 Pubblicato da il 26/07/2013 - 4.414 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close