Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare Neubau

Neubau, il quartiere di Vienna ricco di classe e vita notturna ( pagine)

Il distretto a nord di Mariahilf è Neubau, una zona movimentata di Vienna, ricca di negozi raffinati, ristoranti di classe e bar alla moda. Per questo Neubau è ritenuto il fulcro della vita notturna di Vienna, particolarmente animata soprattutto nella zona che si estende alle spalle del MuseumsQuartier, tra Neubagasse, la strada principale, e Spittelberg, un minuscolo quartiere di vicoli lastricati di ciottoli dove a Natale si tiene uno dei più popolari mercati della città. Oltre a calamitare la movida notturna, Neubau è un distretto costellato di begli edifici sede di studi di giovani architetti e designer, nonché di piccole aziende di abbigliamento e gioielleria.

A indicare il confine occidentale di Neubau è la Bucherei Wien, la maggiore biblioteca di Vienna. L’edificio, che sorge a cavallo della linea U6 della metropolitana, è preceduto da una scalinata piramidale che conduce all’ingresso monumentale alto più di 7 metri, mentre all’ultimo piano c’è il caffè Canetti, da cui si gode di un suggestivo panorama sulle propaggini meridionali dell’area metropolitana viennese. Uscendo dalla biblioteca vale la pena esplorare le vie da entrambe le parti di Siebensterngasse e della sua prosecuzione, Westbahnstrasse. Splendido è l’edificio residenziale nel vicino Mondscheingasse, con tre teste di leone e un albero di stucco, ma qui si trovano anche due ottimi ritrovi: i bar all’aperto Shultz e Siebenstern, un locale elegantissimo di proprietà del Partito Comunista aperto all’angolo con Kirchengasse. Lungo quest’ultima via, oltre Burggasse, in una splendida piazza che scende verso Neustiftgasse sorge la barocca St. Ulrich, mentre al civico numero 40 si erge uno degli edifici residenziali più belli e austeri di Otto Wagner, del quale si può vedere anche la casa dove l’architetto visse e lavorò fino al giorno della sua morte, sopraggiunta nel 1918.

Il cuore del quartiere è la zona nota come Spittelberg, un’intricata rete di vie acciottolate affiancate da architetture Biedermeier deliziosa per passeggiare. Un tempo questo era il quartiere a luci rosse di Vienna, dove pare che Hitler abbia visto per la prima volta le prostitute che “servivano” la vicina caserma Stiftskaserne, ma negli ultimi decenni si è assistito ad un progressivo imborghesimento dell’isolato, pieno di ristoranti e antiquari, oltre che sede di un rinomato mercatino natalizio. Prima di Natale, infatti, tutto l’isolato si trasforma in un mercatino all’aperto molto amato dai viennesi, che si rilassano passeggiando tra le bancarelle intendi a sorseggiare Gluhwein (vin brulé) per scaldarsi. Sebbene la zona sia movimentata, ricca di negozi raffinati e ristoranti esclusivi, le cose da vedere non sono molte.

Uno dei pochi luoghi d’interesse turistico è l’Hofmobiliendepot (1), l’ex-magazzino dei mobili dismessi dalla famiglia reale fondato da Maria Teresa nel 1747 e successivamente trasformato in un bel museo di sicuro interesse per gli appassionati di arredamento. Al suo interno sono state ricostruite intere stanze, come la camera da letto del palazzo Laxenburg e la sala da oppio del Principe ereditario Rodolfo, ma si possono vedere anche pezzi modernisti di Hoffmann, Wagner e Loos. Gli appassionati di Biedermeier non potranno che rimanere incantati dal secondo piano, dove sono state riallestite 15 stanze perfettamente arredate secondo i canoni tipici di inizio Ottocento, mentre l’ultimo piano è dedicato ai mobili Jugendstil, disegnati da architetti come Loos, Wagner e Hoffmann. Tra i pezzi singoli più pregiati ricordiamo invece la culla del principe ereditario Rodolfo, dalle sponde di legno decorate da una piccola aquila a due teste (simbolo degli Asburgo) e un gruppo di troni imperiali.

(1) Hofmobiliendepot è aperto dalle 10.00 alle 18.00 da martedì a domenica. Per accedervi si pagano 6.90 € (intero), 4.50 € (ridotto), 3.50 € (bambini) e 14.90 € (famiglie) / metro: U3 Zieglergasse / phone: 524 33 570 / web: www.hofmobiliendepot.at

 Pubblicato da il 19/03/2011 - 11.612 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close