Cerca Hotel al miglior prezzo

Lo Stabilimento termale delle Terme Preistoriche a Montegrotto

Le Terme Preistoriche di Montegrotto Terme sono uno degli innumerevoli stabilimenti termali dei Colli Euganei in Veneto: con le sue acque ipertermale a 85C offrono terapie, trattamenti termali, wellness e benessere a 360 gradi.

Le Terme Preistoriche sono uno delle oltre cento strutture termali del complesso delle Terme Euganee che si estende principalmente sul territorio comunale di Abano e Montegrotto ma comprende anche altri comuni come Teolo, Battaglia e Galzignano. Terme Preistoriche in particolare è una delle strutture di benessere con acqua minerale più famose di tutta Montegrotto ed esprime col suo nome particolarmente significativo, la lunghissima tradizione termale della zona che risale appunto alle popolazioni pre-romane che abitavano la zona.

Come la maggior parte degli impianti curativi e wellness della zona, anche questo stabilimento si caratterizza per la presenza di piscine e trattamenti termali annessi ad una struttura ricettiva in questo caso a quattro stelle, con la possibilità dunque di poter accedere al reparto Spa e Wellness direttamente in ciabatte e accappatoio dalla propria stanza, senza dover uscire all’esterno, servizio particolarmente gradevole nel periodo invernale.

Storia dello stabilimento termale

Il nome dell’attuale località, Montegrotto, risale al periodo medioevale, in cui risulta nella zona un villaggio di nome Mons Aegrotorum, cioè Monte degli Ammalati, con chiarissimo riferimento ai tantissimi pellegrini che continuavano ad affluire, nonostante un lungo periodo di decadenza che proseguiva dalla caduta dell’Impero Romano d’Occidente, alle miracolose acque curative dei Colli Euganei.

In effetti il significativo nome di uno degli stabilimenti più prestigiosi di Montegrotto rimanda ad un’origine ben più risalente, oggi identificata fra l’VIII e il VII secolo a.C. in cui esisteva, nella zona abitata allora dall’antica popolazione pre-romanica dei Veneti, un laghetto termale di circa due kilometri quadrati in cui zampillavano calde acque sulfuree venerate come miracolose per opera del dio Aponus. L’antico laghetto termale viene individuato, sulla base dei ritrovamenti archeologici, nell’area posta fra il colle Castello e quello di San Pietro Montagnon, nell’attuale comune di Montegrotto, ed il rinvenimento di numerose offerte votive rappresentate da coppe, tazze, vasi, ed ex voto in bronzo che riproducono parti del corpo, mostra con chiarezza come molti risultassero già all’epoca risanati grazie all’impiego delle acque termali dei Colli Euganei.

Molto apprezzate dagli antichi Romani, soprattutto in epoca imperiale, le acque dei colli Euganei, conosciute allora come aquae patavinae, divennero motivo di vere e proprie villeggiature da parte dei più abbienti cittadini dell’Urbe. La loro fama venne perpetuata grazie a importanti scrittori latini come Svetonio, che racconta di un giovane Tiberio, non ancora imperatore, che venne a trarre auspici tramite il lancio di dadi nelle acque salutifere presso il santuario di Aponus, in vista di un imminente campagna bellica contro i Pannoni; mentre Claudio Claudiano, scrittore di epoca alessandrina, scrive attorno alla fine del IV secolo d.C. che queste acque “senza danno fanno recuperare il perduto vigore e si placa per il sofferente, che ritorna alla salute, la malattia” e dedica loro anche un apposito poemetto dal titolo appunto di Aponus. Addirittura Teodorico, re degli Ostrogoti, ebbe ad apprezzarle e le definì in una sua lettera “ornamento del mio regno, famoso in tutto il mondo”.

Acque e trattamenti termali

Terme Preistoriche presenta sia la sezione curativa termale, specializzata nella fango-balneoterapia che viene effettuata contro molteplici malattie anche in convenzione con Servizio Sanitario Nazionale, che reparti dedicati ai trattamenti estetici, Spa e wellness.

Lo stabilimento termale sfrutta per i proprie percorsi terapeutici tre diversi fattori curativi, cioè l’acqua salso-bromo-iodica che sgorga in superficie alla temperatura di 85 gradi ed alimenta le piscine a temperature comprese fra 33 e 36 gradi, il fango termale, la cui componente argillosa viene estratta dai laghi termali di Arquà e Lispida per essere poi lasciata maturare nell’acqua ipertermale e il vapore termale che deriva dall’azione di frammentazione e nebulizzazione dell’acqua salso-bromo-iodica per il suo uso nell’ambito delle terapie inalatorie quali aerosol, humage e docce nasali.

La sezione wellness dello stabilimento comprende in primo luogo il Centro Benessere Angelica Rosa dedicato ai percorsi benessere, alla Thalasso Spa, ai trattamenti estetici e relax viso e corpo ed ai massaggi sia tradizionali che orientali. Si prosegue con l’area dedicata ai percorsi termali ayurvedici che comprendono i trattamenti di bellezza, i trattamenti di salute e benessere e i programmi termali per dolori articolari, sinusite e vie respiratorie, per la purificazione del corpo e per la rigenerazione fisico metabolica.

Completa l’offerta di Terme Preistoriche la sezione Spa Med dedicata agli interventi fisio-riabilitativi con acqua termale pensati per la cura di patologie del rachide, patologie post-traumatiche o post-chirurgiche del ginocchio e della spalla.

Informazioni utili per visitare le terme

Indirizzo, telefono, sito ufficiale
Via Castello, 5, 35036 Montegrotto Terme PD

tel. 049 793477
www.termepreistoriche.it


Come arrivare
In auto basta prendere lo svincolo “Terme Euganee” della A13 per immettersi sulla statale 16 Adriatica e quindi sulla Statale 250 delle Terme Euganee che conduce nelle immediate vicinanze dello stabilimento termale.
Chi viaggi invece coi mezzi pubblici può sfruttare il comodissimo treno che, partendo da Padova, porta in 25 minuti alla stazione Terme Euganee-Abano-Montegrotto che dista appena un quarto d’ora a piedi dallo stabilimento Terme Preistoriche.