Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere e cosa visitare Willis Tower

Willis Tower e Skydeck: visita al grattacielo pił alto di Chicago

Pagina 1/2

La Willis Tower, per molti ancora nota col nome precedente di Sears Tower, è un grattacielo di 108 piani alto 442 metri, eretto a Chicago, negli Stati Uniti. È una delle maggiori attrazioni turistiche della città sul lago Michigan e accoglie più di un milione di visitatori all'anno sulla sua piattaforma di osservazione. Completata nel 1973, superò in altezza le torri gemelle del World Trade Center di New York diventando l'edificio più alto del mondo, titolo che detenne per quasi un quarto di secolo, prima che la gara al grattacielo più alto vedesse la prepotente ascesa delle economie asiatiche e mediorientali. Nel momento in cui scriviamo è classificato come quindicesimo edificio più alto (una classifica che cambia con un'insospettabile frequenza), superato anche all'interno del proprio paese dall'One World Trade Center di New York.

Nel 1969, la “Sears, Roebuck & Co.”, più nota semplicemente come Sears, era la maggiore catena di grande distribuzione del mondo, con qualcosa come 350.000 dipendenti, sparsi in vari uffici per la città. Si decise di riunire, per evidenti motivi logistici, tutte le maestranze in un solo edificio, affidando la ricerca del sito adatto a uno studio legale. Lo studio consultò le autorità cittadine e federali e presentò due possibilità: un'area detta Goose Island e un'altra, pari a due isolati, attraversata da Quincy Street. Quando fu scelta la seconda, cominciò il lavoro capillare per acquisire le varie proprietà private esistenti: vennero acquistati 15 edifici da 100 diversi proprietari e venne pure pagato il Municipio di Chicago, la bellezza di 2,7 milioni di dollari, per la porzione di Quincy Street sulla quale si sarebbe costruito.

Acquisito il terreno, si cominciò a ragionare sulle dimensioni dell'edficio da costruire, e le previsioni di Sears, che contava di espandersi ulteriormente, misero l'asticella dei metri quadrati richiesti a 280.000. Il progetto venne affidato all'architetto Bruce Graham e all'ingegnere strutturale Fazlur Rahman Khan che concepirono l'edificio come l'unione di nove singoli edifici a base quadrata (23 x 23 metri), eretti uno a fianco dell'altro, ma sviluppati a diverse altezze: 50 piani per i due più bassi, 66 piani per altri due, 90 piani per altri tre e gli ultimi due, quello centrale e quello occidentale, da 108 piani. In pratica, un gigantesco Tetris tridimensionale!

Questa innovativa struttura, detta dei “tubi raggruppati di Khan”, fu usata per la prima volta proprio nella costruzione di questo grattacielo. Visti gli ottimi risultati in termini di stabilità e contenimento dei costi, divenne presto la tecnica di riferimento nella costruzione degli edifici cosiddetti “supertall”: non a caso è la stessa utilizzata per il Burj Khalifa, attualmente l'edificio più alto del mondo e probabilmente destinato a rimanerlo per parecchio tempo ancora. In onore alla geniale intuizione dell'ingegnere di origine bengalese, è stata eretta una sua statua in uno degli ingressi dell'edificio.

Gli ottimisti dirigenti della Sears avrebbero voluto costruire un edificio ancora più alto, ma furono costretti ad adeguarsi ai limiti imposti dall'Autorità dell'Aviazione Federale. L'idea era di costruire un edificio ben superiore alle necessità del momento e di affittare gli spazi in eccesso, in attesa dell'avvenuta espansione e dell'aumento dei dipendenti. L'edificio, interamente finanziato dalla Sears, fu completato nel maggio del 1973. Il costo totale della costruzione fu di circa 150 milioni di dollari. Durante i lavori, i costruttori del grattacielo dovettero far fronte a un paio di cause intentate contro di loro da gruppi di cittadini che volevano limitare l'altezza a massimo 67 piani, nel timore che il gigantesco edificio avrebbe impedito o danneggiato la ricezione dei canali televisivi alle abitazioni circostanti, causando un crollo dei prezzi degli immobili. La corte stabilì che non c'era nessuna legge che garantiva il diritto agli spettatori televisivi di ricevere un segnale senza interferenze, e la costruzione proseguì come previsto.

Le previsioni di espansione della Sears si rivelarono sovrastimate già verso la fine degli anni '70, quando i maggiori competitori cominciarono a erodere le loro quote di mercato. Inoltre, non erano stati reperiti sufficienti affittuari interessati e negli anni '80 metà della Sears Tower era di fatto inutilizzata. Nel 1994, la stessa Sears cominciò a spostare progressivamente i suoi uffici fuori dalla torre, uscendone definitivamente l'anno seguente. Nel 1997 il grattacielo fu acquistato dalla canadese Trizechahn Corp., che nel 2003 lo lasciò al finanziatore MetLife, il quale lo vendette l'anno successivo a un gruppo di investitori newyorkesi. Nel 2006 la FBI arrestò un gruppo di sette uomini, di cui 5 in seguito condannati, che progettava la distruzione dell'edificio. Nel 2007 si era pensato di costruire un albergo all'interno ma il progetto non proseguì perché si prevedeva anche la costruzione di una torre di parcheggi che non venne autorizzata.

... Pagina 2/2 ... Nel 2009 la compagnia inglese d'assicurazioni Willis era in cerca di circa 13.000 mq di uffici e negoziò per avere tre interi piani del palazzo, ottenendo anche il diritto di dare il proprio nome al grattacielo, che si chiamava ancora Sears Tower nonostante i diritti fossero scaduti nel 2003, per 15 anni. Il cambiamento di nome non piacque ai chicagoani, che ironizzarono rifacendosi alla frase tormentone del personaggio principale della sitcom, popolare anche in Italia, “Il mio amico Arnold” che recitava: “Che cavolo stai dicendo, Willis?”. Time Magazine definì il cambiamento di nome come una delle 10 peggiori scelte di nuovo nome della storia, scrivendo di come la gente continuasse a usare il vecchio nome e della nascita di petizioni online per tornare all'antico. Nel 2009 venne annunciata l'intenzione di riverniciare in color argento l'intero edificio, cosa che avrebbe portato a un significativo risparmio energetico, ma il piano venne poi abbandonato. A partire da dicembre 2013, la compagnia aerea United Airlines è quella che occupa il maggior spazio all'interno del grattacielo, circa 20 piani. Nel 2015 il grattacielo ha di nuovo cambiato proprietario: il fondo d'investimenti Blackston Group di New York l'ha acquistato per 1,3 miliardi di dollari, il prezzo più alto mai pagato per una proprietà immobiliare fuori da New York.

Da un punto di vista turistico, il luogo più importante dell'edificio è lo Skydeck, una piattaforma di osservazione, costruita nel 1974, in corrispondenza del 103mo piano, a 412 metri d'altezza, visitata da circa 1,3 millioni di turisti all'anno. Da quassù, nelle giornate con buona visibilità, oltre ad ammirare la città e il lago dall'alto, lo sguardo può spaziare per oltre 70 kilometri e giungere fino agli stati del Michigan, del Wisconsin e dell'Indiana. Da brividi la salita in ascensore che compie il tragitto in un minuto a circa 30 km/h, così come non è meno palpitante salire in cima all'edificio durante le giornate più ventose di quella che è, non a caso chiamata, “Wind City”: benché perfettamente sicuro, fa uno strano effetto sentire questo colosso di vetro e acciaio dondolare sotto le forti raffiche. In caso di inagibilità, ce un'altra piattadorma d'osservazione al 99mo piano. Nel 2009 i proprietari hanno rinnovato lo Skydeck, aggiungendo dei balconi completamente in vetro, detti “The Ledge” (pianerottlo), che si proiettano nel vuoto per oltre un metro e che possono reggere il peso di oltre 4 tonnellate. Ciò nonostante, nel 2014, uno dei vetri si è crepato sotto i piedi di una famiglia di visitatori, ma non ci sono stati infortunati.

Una volta le classifiche di altezza degli edifici erano più semplici, si guardava solo all'altezza finale ma fu proprio nel caso del superamento della Sears Tower da parte delle Petronas Towers di Kuala Lumpur in Malaysia che cominciarono quelle distinzioni che hanno portato alle attuali classifiche differenziate che tengono conto, rispettivamente, dell'altezza del punto strutturale o architettonico, del piano occupato più alto, del tetto e di una qualunque parte dell'edificio (di solito antenne). Le Petronas Towers vennero considerate l'edificio più alto per gli elementi architettonici (guglie) ma la Sears Tower era più alta se si considerava la cima del tetto, il piano abitato più alto e la punta delle antenne. Nel 2004 la Taipei 101 primeggiò in tre calssifiche, lasciando solo quello delle antenne alla Sears Tower. Nel 2007 il Burj Khalifa di Dubai si prese tutti i record e nel 2012 l'erezione del One World Center di New York, superò la Willis Tower per punto strutturale. Il record dell'altezza delle antenne non fu subito appannaggio della Sears Tower, che per decenni le ebbe più basse di quelle del John Hancock Center di Chicago e del World Trade Center di New York: nel 1982 eresse due nuove antenne che la fecero diventare la primatista cittadina e nel 2000 raggiunse i 530 metri, utili a primeggiare sullo One World Center. Tutte queste antenne non servono solo a battere dei record: da qui partono le trasmissioni di diverse decine di emittenti radiofoniche e televisive.

Questi edifici iconici finiscono inevitabilmente con l'attirare l'attenzione di chi cerca visibilità, un destino al quale non è sfuggita nemmeno la Sears Tower. Nel 1981, Dan Goodwin, vestito da Spider-Man e usando delle ventose e dei ganci, riuscì per primo a scalare l'edificio, nonostante i numerosi tentativi dei Vigili del Fuoco di Chicago di fermarlo. Alla fine della sua scalata, durata sette ore, è stato arrestato ma poi non è stato condannato. Nel 1999, il francese Alain Robert, detto Spider-Man (anche se lui non indossava il costume del supereroe della Marvel Comics), stava scalando l'edificio a mani nude e senza l'ausilio di attrezzature quando, negli ultimi 20 piani, calò una fitta nebbia che rese il vetro e il metallo particolarmente scivolosi. Robert completò ugualmente l'impresa, superando quello che è stato considerato il più difficile ostacolo nella sua carriera di arrampicatore che ha scalato 100 fra le strutture più alte del mondo, compreso il Burj Khalifa. La torre è apparsa in numerosi film e serie televisive, i più famosi dei quali sono “I, Robot” e “Transformer 3”.

Accesso
L'accesso allo Skydeck è aperto 365 giorni all'anno. Da marzo a settembre dalle 9:00 alle 22:00, da ottobre a febbraio dalle 10:00 alle 20:00. Il prezzo per gli adulti è di 22 $, 14 $ per i bambini da 3 a 11 anni, gratuito per i più piccoli. Il problema sono le file, piuttosto lunghe, si consiglia di presentarsi la mattina presto, specie nelle belle giornate. È possibile acquistare degli ingressi agevolati ma costano piuttosto cari: 49 $ per la Fastpass Admission (che evita le mostra interattive e porta direttamente agli ascensori) e 65 $ per la Early Bird Admission (che porta al Ledge prima dell'apertura al pubblico, disponibile solo sabato e domenica). Chi dispone della Chicago CityPass o della Go Chicago Card ha degli sconti.

 Pubblicato da il 16/08/2016 - 2.320 letture - ® Riproduzione vietata

loading...
close