Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Killarney

Killarney, da vedere: Ross Castle, Ring of Kerry, Gap of Dunloe e molto ancora

Pagina 1/2

Killarney, Cill Airne in gaelico irlandese, la cui traduzione letterale è “la chiesa dei suini”, è un’importante cittadina turistica del Kerry, in Irlanda. Da parecchi anni la risorsa più importante del luogo è il turismo, improntato prevalentemente sulla meravigliosa offerta paesaggistica della zona, nei dintorni della quale si trovano i celebri laghi di Killarney, il Killarney National Park, la profonda vallata dei MacGillicuddy Reeks e tutte le bellezze della Valentia Island e delle isole Skelling. Da Killarney, inoltre, inizia e termina il Ring of Kerry, il celebre itinerario stradale segnalato per circa 200 chilometri attorno alla penisola di Iveragh, interamente compresa nella contea di Kerry.

L’attività turistica della zona di Killarney prese avvio addirittura nel 1750, quando il quarto Lord Kenmare fece costruire una strada che cominciasse a migliorare i collegamenti con il resto del paese. Un primo vero boom di presenze si ebbe subito dopo la visita della regina Vittoria, nel 1861, anche se è a partire dalla seconda metà del Novecento che l’area ha consolidato il proprio ruolo di polo turistico a livello nazionale.

Le ragioni che ogni anno attirano migliaia di turisti da ogni parte del paese sono soprattutto le clamorose bellezze naturalistiche del paesaggio montano circostante, la mitezza del clima dovuta alla mite Corrente del Golfo ed il sistema di specchi d’acqua che si dirama ad ovest fino alle pendici delle più elevate vette irlandesi. All’interno del centro urbano non vi sono attrattive particolarmente interessanti, se non la neogotica cattedrale cattolica di St. Mary, concepita nel 1842 da Augustus Welby Pugin; ritenuta il suo miglior lavoro in terra d’Irlanda, la fabbrica fu portata a termine nel 1912. A completare il quadro dell’offerta architettonica della città vecchia vi sono il Ross Castle, l’Abbazia di Muckross, la manor Muckross House e le rovine del monastero di Inisfallen.

Passata in rassegna la città, non resta altro da fare che dedicarsi alle attrattive situate al di fuori dei suoi confini, tra le quali spicca il magnifico Killarney National Park. A sud e ad ovest dell’abitato, l’area protetta si estende per oltre 10.000 ettari costituiti per quasi un quarto dalle incantevoli acque interne del Lough Leane, del Muckross Lake e dell’Upper Lake, in collegamento tra loro. Il parco, particolarmente rinomato per la bellezza dei suoi querceti, per gli animali in libertà, ed in particolare per il consistente branco di cervi che vi pascola, si spinge a sud-est fin quasi alla vetta della Mangerton Mountain; lascia invece poco all’esterno, ad ovest, il gruppo dei Macgillycuddy’s Reeks che include il monte Carrauntoohil, la vetta più alta d’Irlanda. Numerosi sono i sentieri segnalati, poco meno ricca l’offerta di crociere ed escursioni. Presso la sponda nord-orientale del vasto Lough Leane sorge su una roccia il Ross castle, fortilizio degli O’Donoghue Ross, di probabile costruzione quattrocentesca; restaurato e arredato con mobilio d’epoca, è costituito da una casatorre attorniata da mura intervallate da piccole torri angolari cilindriche, solo parzialmente conservate, mentre a sud lo affianca una caserma seicentesca. La più vasta isola del lago, ve ne sono complessivamente una trentina, è Innisfallen, coperta da un magnifico bosco e luogo di costruzione dell’abbazia originariamente fondata da san Finan nel VII secolo.
... Pagina 2/2 ...
Poco lontano dal Muckross Lake sono le rovine di Muckross Abbey, abbazia francescana trecentesca rifondata nel 1448, mausoleo di importanti famiglie del Kerry, distrutta in guerra nel 1652; ne è ben conservato il chiostro, con attorno e al piano superiore gli ambienti monastici. Più a sud sorge la residenza dominicale della tenuta, Muckross House, edificio neoelisabettiano realizzato nel 1843 dall’architetto scozzese William Burn ed oggi quartier generale del parco, oltre che sede di un centro di cultura popolare della contea con arredi d’epoca rappresentativi delle consuetudini ottocentesche locali, esposizione d’artigianato e ristorante. Il centro di cultura è affiancato dalle Muckross Traditional Farms, ricostruzione di case contadine e laboratori artigiani del passato intesa a illustrare al pubblico le tradizioni agricole del Kerry. Circa 3,5 chilometri a sud scende dal monte Torc (535 m) la Torc Waterfall, una splendida cascata con sbalzo di 18 metri immersa tra fitte selve.

Per effetto dell’apporto continuo della Corrente del Golfo, il clima è più mite rispetto a quello di altre località irlandesi, con temperature che, specialmente in inverno, non sono quasi mai troppo rigide. In compenso per buona parte dell’anno il cielo è grigio, coperto da un impenetrabile strato di nubi dal quale cade spesso una debole pioggerella. Un altro fenomeno frequente è la nebbia, comunque quasi mai troppo densa per effetto dei venti provenienti dal mare.

Gli aeroporti di riferimento per raggiungere Killarney sono due: il Kerry Airport, un piccolo scalo che dispone solo di voli nazionali situato a Farranfore tra Tralee e Killarney; ed il Cork International Airport, più distante ma facilmente raggiungibile grazie a frequenti collegamenti tramite autobus e treni. Per quanto riguarda la viabilità, Killarney è raggiunta da strade National Primary e National Secondary, così come da strade locali. Tra le principali ricordiamo la N22, che collega Tralee a Cork, e la N72, che da Killorglin giunge a Waterford.
loading...
close