Cerca Hotel al miglior prezzo

Porto Potenza Picena (Marche): il mare e la spiaggia sull'Adriatico

Porto Potenza Picena, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Per essere una frazione di Potenza Picena vanta un bel bacino di residenti, oltre 9.000, e la prossimità al mare costituisce il suo evidente asso nella manica affinché venga ritenuta nel panorama turistico più una cittadina a sé che un’appendice urbana. E’ perciò piacevole illustrare le mille sfaccettature di Porto Potenza Picena, che nelle Marche si spalma come zuccherosa marmellata lungo il tratto di costa adriatica che separa (o unisce, dipende da come la si vede) Porto Recanati da Civitanova Marche, mantenendo una distanza di ca. 25 km da Macerata (il suo capoluogo di provincia) e ca. 40 da Ancona entro la celebrata Riviera del Conero.

Storia

Una storia di lenta affermazione ne individua l’epicentro nativo nell’antica colonia romana di Socrata che, una volta scomparsa agli albori del Medioevo (in parallelo alla colonia di Potentia, poco fuori l’abitato e attualmente testimoniata dalla presenza di un vecchio sito archeologico ove sono stati riesumati il Tempio di Giove, il mercato coperto, una vetusta domus e le terme, rimasti sepolti dopo il violento sisma del 56 a.C.) venne poco a poco sostituita con un nuovo nucleo urbano dalla spiccata natura difensiva, suffragata quest’ultima dalla costruzione premeditata della Torre di Sant'Anna, in realtà una parte sopravvissuta di quella che era nel XVI secolo una vera e propria fortezza sorta per contrastare gli assalti dal mare dei pirati saraceni, una piaga un po’ per tutta la costa dello Stivale.

Oggi è una vestigia tenuta altamente in considerazione dall’Amministrazione Comunale, che nel 1766 la ristrutturò accuratamente arricchendola di merli ghibellini alla sommità. Rischiò l’abbandono totale successivamente all’occupazione napoleonica, ma nuovi interventi di consolidamento si susseguirono dopo l’Unità d’Italia e nel corso dell’Ottocento. La costituzione reale di Porto Potenza Picena siffatta frazione avvenne però molto più tardi, cioè non appena si concluse la Seconda Guerra Mondiale.

Cosa vedere a Porto di Potenza Picena

Un abitato relativamente nuovo, dunque, con un profilo deciso di località balneare dotato a ogni modo di un bagaglio architettonico di assoluto rilievo. Non un mero lido, allora, ma un paese bagnato dal mare e battezzato al contempo dalle evoluzioni storiche dell’immediato entroterra. Si presenta come l’ideale avamposto cittadino per tutti coloro che concepiscono la vacanza quale occasione per un soggiorno scevro di qualunque stress in un clima di tranquillità, pace ma ben lontani dal mortorio rurale che si potrebbe percepire altrove.

Qui si possono fare escursioni, toccare mete molto vicine, portarsi a ridosso di piccoli e grandi monumenti da contemplare, vedesi appunto la Torre ma anche l’annessa Chiesa di Sant’Anna, valido esempio di fusione degli stili romanico e gotico, al cui interno è custodita la seicentesca tela raffigurante La Vergine, il Bambino e i Santi Gioacchino ed Anna, opera del Cavalier Perugino, all’anagrafe Gian Domenico Cerrini. Girando poi per le colline dolci che colmano il paesaggio, ci si imbatte prima o poi in Villa Buonaccorsi, appartenuta agli omonimi conti e in seguito restituita ai fasti da un collaboratore del Vanvitelli, tale Pietro Bernasconi. Le opere di restauro l’hanno resa residenza molto bella, rappresentata da ampi saloni, ambienti curati e decorati, oltre che da un fantastico parco terrazzato realizzato secondo i classici canoni del giardino all’italiana, sfoggiando uno splendido dedalo di giochi d’acqua, fontane, statue mitologiche e obelischi contornati da aiuole e siepi che celano un tesoretto di piante assai rare.

Le spiagge

Sicuramente il fiore all’occhiello di Porto Potenza Picena si traduce nel suo sabbioso litorale, lungo il quale le spiagge sanno ricamare panorami marittimi eccellenti, a tal punto da meritare nell’ordine la Bandiera Blu, la Bandiera Verde e, non pago, anche tre Vele di Legambiente.

Questi riconoscimenti si devono non soltanto alla complessiva bellezza del comprensorio ma soprattutto alla capacità di Porto Potenza Picena di offrire servizi molto apprezzati dai turisti e fondamentali, come ad esempio l’accessibilità ai diversamente abili e un’accoglienza massima. Per vivere appieno l’incontro fra mare e campagna, si consiglia un soggiorno al Nuovo Natural Village, un camping a 4 stelle con cottage per tutti i gusti e adatti a giovani coppie, famiglie e pensionati. In alternativa, gli hotel da scegliere sono tanti e tutti affidabili dati gli alti standard di qualità.

Per chi vuole mangiare del pesce fresco a prezzi ragionevoli, i ristoranti si presentano veramente bene, uno fra gli altri La Terrazza, gestito dalla famiglia Bufalari che dal 1969 propone una cucina variegata con ottima carne, eccellente materia ittica e menù vegetariani deliziosi.

Come arrivare

In automobile si arriva percorrendo l’Autostrada A14, da cui si esce a Loreto/Porto Recanati per immettersi sulla SS 16 Adriatica; la stazione ferroviaria più vicina è quella di Potenza Picena-Montelupone sulla linea Ancona-Pescara, collegata al paese da navette bus; l’aeroporto più vicino è ad Ancona, distante 40 km dalla località.
  •  

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close