Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Mogliano

Mogliano (Marche): il borgo della provincia di Macerata

Pagina 1/2

Il territorio delle Marche, regione del centro Italia dalla storia affascinante e dalla bellezza poliedrica, vive da alcuni anni a questa parte un vero e proprio boom turistico, dovuto ai molti turisti stranieri, soprattutto d’oltreoceano, che hanno scoperto in questa regione e nei suoi meravigliosi paesaggi, una nuova frontiera del turismo nello “Stivale”, all’insegna della tranquillità, della natura e del buon vino.

Tra i tanti tesori nascosti in questa splendida regione, scopriamo oggi Mogliano, splendido borgo collinare situato nel cuore delle Marche, in provincia di Macerata. Qui la vita scorre tranquilla, tra i rilassanti paesaggi delle colline marchigiane, la lavorazione del vimini, per cui Mogliano è famosa in tutta Italia, le tradizioni e il folclore di un piccolo borgo dalla storia molto antica.

Il territorio su cui attualmente giace Mogliano, infatti, è abitato sin dal VII secolo a.C., come dimostrato da una stele risalente alla cultura picena, la quale fu successivamente inglobata nel grande impero romano. In epoca medievale poi, il borgo passò alla proprietà dei signori chiamati appunto “da Mogliano” e in seguito, tra altalenanti vicende, fu incluso per molti secoli nel territorio della vicina Fermo.

La situazione cambiò in modo definitivo solo nel 1828, quando il borgo divenne ufficialmente territorio della provincia di Macerata.
Ad oggi, Mogliano è un centro artigianale e turistico, in cui trascorrere piacevoli weekend all’insegna del relax, ma anche dell’enogastronomia e delle attività all’aria aperta. I numerosi agriturismi e tenute della zona, vi accoglieranno con degustazioni di prodotti tipici locali e saranno lieti di consigliarvi suggestivi percorsi per trekking, mountain bike e altre rilassanti attività all’aperto.

Per chi invece ama visitare e andare alla scoperta di arte e architettura, l’offerta turistica non è di certo meno ampia. Sono diverse, infatti, qui a Mogliano, le mete culturali che valgono una visita: dal bellissimo Teatro Apollo, ai musei, alle tante ed affascinanti chiese che sorgono su questo territorio.

Per quanto riguarda gli edifici religiosi, tra i più interessanti si annovera la Chiesa Arcipretale di S. Maria di Mogliano, al cui interno è conservato un famoso dipinto del pittore Lorenzo Lotto, noto esponente del Rinascimento Veneziano le cui opere sono esposte in chiese e musei di tutta Europa. L’opera, intitolata “La Madonna in gloria e i santi Giovanni Battista, Antonio da Padova, Maria Maddalena e Giuseppe”, fu commissionata nel 1547 dal sindaco di Mogliano e fu esposta, insieme alla splendida cornice lignea dorata, nel corso dell’anno successivo.

Altre chiese senza dubbio di nota, sono poi la Chiesa di San Gregorio Magno, recentemente aperta al pubblico dopo un restauro, la Chiesa di Santa Maria in Piazza, la Chiesa dei SS. Grisogono e Benedetto, splendido edificio in stile rococò, e l’annesso Monastero di San Giuseppe, fatto costruire nel 1630 dalle suore Benedettine di Cassino.
... Pagina 2/2 ... Ma le bellezze artistiche e architettoniche di Mogliano, non si limitano agli edifici religiosi. Anche per quanto riguarda l’architettura civile, infatti, l’offerta turistica è ricca e variegata.

C’è l’antico, ad esempio con Palazzo Forti, splendido edificio cinquecentesco oggi adibito a sede del municipio, e con la Rocca Medievale, della quale rimangono solo i bastioni ma che si pone come osservatorio sulle meraviglie del panorama circostante. Ma c’è anche il moderno, con l’Autopalace, suggestivo complesso in stile liberty attualmente adibito a spazio espositivo.

Vi sono poi degli interessanti musei, quali: la Pinacoteca, situata all’interno del già citato Palazzo Forti, il Museo Parrocchiale di S. Maria di Piazza, inaugurato negli anni ’70 e in cui si possono ammirare statue e oggetti sacri appartenuti a diverse chiese della zona, oltre a un bellissimo dipinto di Lorenzo Lotto intitolato “l'Assunta e i Santi Giovanni Battista, Antonio di Padova, Maria Maddalena e Giuseppe”, e, per finire, il museo “Terre Artigiane”, dedicato all’arte e alla maestria degli artigiani locali.

Un cenno, infine, va di dovere al Teatro Apollo, costruito a metà dell’Ottocento, la cui particolarità sta tutta negli splendidi affreschi, dedicati alla mitologia greca e, in particolare, al dio Apollo.

Mogliano si configura, insomma, come un paese piccolo ma dalla storia particolareggiata e suggestiva, osannata non solo dall’arte e dai monumenti che lo decorano, ma anche da una bella tradizione, che, da diversi anni a questa parte, sta diventando oggetto di interesse e di turismo a livello non solo territoriale ma anche regionale. Si tratta di “Mogliano 1744, una suggestiva rievocazione storica dedicata a un particolare momento della storia locale, ovvero il passaggio, proprio nel 1744, delle truppe di Maria Teresa d’Austria, evento al quale seguì un breve periodo di “convivenza” tra moglianesi e soldati, ricordato appunto in questa manifestazione che, ogni luglio, dona un pizzico di magia in più al meraviglioso territorio di Mogliano.

Per arrivare a Mogliano, è necessario percorrere l’autostrada A14 (da nord in direzione di Ancona e da sud in direzione di Napoli), uscire a Macerata/Civitanova Marche, immettersi sulla SS 77 in direzione di Tolentino/Macerata, uscire in direzione Macerata Ovest/Sforzacosta, prendere la SP 78 in direzione di Ascoli Piceno e infine proseguire per Mogliano.

01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close