Cerca Hotel al miglior prezzo

Marciana Marina, vacanza nel mare dell'Elba (Toscana)

Marciana Marina, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Se è vero che il vino buono sta nella botte piccola, e se si considera che Marciana Marina è uno dei comuni più piccoli del nostro paese, non ci dovrebbero essere dubbi sulla bellezza del paesaggio e l’accoglienza unica di questo borgo marinaro. Tuttavia, se ci fossero ancora dei dubbi, basterebbe imbarcarsi su un traghetto diretto all’Isola d’Elba, nell’Arcipelago Toscano, e dirigersi verso il litorale occidentale, nella parte più selvaggia e incontaminata dell’isola: qui, nel regno dei pini marittimi fruscianti al vento e della macchia mediterranea più profumata, Marciana Marina se ne sta incastonata tra mare e montagna.

Davanti a lei il blu intenso di un mare da sogno, dove le barche ricamano le scie lucenti delle loro rotte avventurose; alle spalle del paese, invece, i 1018 metri del Monte Capanne. In mezzo, ospiti ben accetti di una natura travolgente, le casette color pastello che contengono appena 2 mila abitanti. Le prime pietre dell’abitato vennero posante dagli antichi romani, ma le origini dell’attuale borgata risalgono alla fine dell’Ottocento. Da quel momento, sino ai giorni nostri, la cittadella si è arricchita di vivacità e attrazioni turistiche, ma non ha abbandonato lo stile semplice e genuino che contraddistingue i vecchi villaggi di pescatori. Forte di una storia centenaria e di tradizioni ancora più antiche, Marciana Marina non è solo una località ideale per le vacanze balneari: anzi, nel cuore del paese si possono scoprire alcune testimonianze storico-artistiche sorprendenti, che meritano l’attenzione dei visitatori.

Ad accogliere i nuovi arrivati come un maggiordomo d’eccezione, proprio all’ingresso del porto, si staglia impettita contro il cielo la Torre degli Appiani. Innalzata probabilmente dai Pisani nel corso del XII secolo, quando la Repubblica di Pisa controllava l’intero territorio, la torre era una buona postazione difensiva contro gli attacchi provenienti dal mare. Da vedere anche la Chiesa di Santa Chiara, edificata nel 1776 in pieno centro storico, affacciata alla Piazza Vittorio Emanuele. Ma l’angolo più suggestivo e carico di ricordi, custode del passato di Marciana Marina, è il quartiere cosiddetto del Cotone, che significa “grande sasso”. Qui sorse il primissimo nucleo abitativo, e oggi è ancora possibile passeggiare per le viuzze strette e suggestive del borgo antico col suo porticciolo, dove trovavano riparo le barchette di legno dei lupi di mare.

Ci riporta all’epoca moderna la Villa della Valle, nella località Poggio, lungo la strada che collega Marciana Marina a Marciana. Si tratta di un originale esempio di architettura degli anni Cinquanta, casa delle vacanze del famoso sarto parigino Pierre Balmain, che ne affidò la realizzazione all’architetto fiorentino Leonardo Ricci con l’intento di realizzare un edificio il più possibile all’avanguardia. Di tutt’altro genere e epoca è la villa romana sull’isolotto La Paolina, uno scoglio dedicato a Paolina Bonaparte situato lungo il percorso che unisce Marciana Marina alla frazione di Procchio. A dire il vero rimane ben poco della dimora, risalente al I secolo a.C., ormai ridotta a poco più di un rudere ma comunque carica di fascino e immersa in uno scenario splendido di macchia e mare.

Ovunque si posi lo sguardo, in effetti, il paesaggio sembra prendere il sopravvento e dominare i sensi: i profumi di resina, finocchio selvatico e sale fluttuano nella brezza, mentre il cielo si riempie del canto di gabbiani e cicale, chiassosi e allegri sulla base cadenzata dello sciacquio delle onde. Camminare sui sassi caldi, intrisi di sole, e andare alla scoperta delle calette più romantiche è un’avventura indimenticabile, con l’acqua cristallina del mare che accarezza la costa e invita a tuffarsi.

In sintonia con il paesaggio di mare, il clima di Marciana Marina è quello tipico mediterraneo, con estati calde e piene di sole ma non afose, addolcite da un venticello costante, e inverni miti con temperature non troppo rigide. I valori medi di gennaio, il mese più freddo, vanno da una minima di 5°C a una massima di 9°C, mentre in luglio e agosto si va dai 19°C ai 26°C. Neppure le precipitazioni riescono a rovinare la situazione idillica dell’isola: quasi bandite dal periodo estivo, si rifanno vive in autunno e inverno, raggiungendo il picco massimo tra ottobre e novembre, quando cadono in media 90 mm di pioggia.

Questo clima gradevole, oltre a favorire la vita da spiaggia, consente di apprezzare le serate estive in paese, spesso rallegrate da qualche evento tradizionale o da qualche spettacolo. L’occasione più amata è la festa patronale di Santa Chiara, che si tiene il 12 agosto e attira migliaia di turisti, con la santa processione e uno spettacolo pirotecnico suggestivo, accompagnato dalla musica e le chiacchiere dei paesani. Da non perdere anche l’Elba Jazz Festival e l’evento Musica del Mondo, che coinvolge artisti del panorama internazionale.

Per arrivare a Marciana Marina ci si imbarca a Piombino Marittima, con i traghetti della Toremar o della Moby Lines diretti a Portoferraio. Per raggiungere il punto di imbarco in auto, chi viene da Milano deve prendere l’Autostrada A1, a Parma Ovest proseguire sulla A15 poi sulla A12 Genova-Livorno, quindi uscire a Rosignano Marittimo e continuare sulla SS1 Aurelia verso Venturina-Piombino-Isola d’Elba. Chi, invece, viene da Roma, si deve immettere sulla A12 in direzione Civitavecchia, continuare sulla SS1 Aurelia verso Grosseto e continuare in direzione Venturina-Piombino-Isola d’Elba seguendo le indicazioni per Piombino Marittima. Una volta sbarcati sull’isola a Portoferraio bisogna uscire dall’area portuale, proseguire in direzione Procchio sulla SP24, superare Procchio e continuare sulla SP25 fino a Marciana Marina.
  •  

 Pubblicato da - 17 Luglio 2009 - Riproduzione vietata

News più lette

close