Cerca Hotel al miglior prezzo

Procchio e la sua spiaggia: un approdo sulla storia, l'arte e la natura dell'Elba

Procchio, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Chi pensa a Procchio sogna il mare ed una lunghissima spiaggia di sabbia dorata baciata dal sole. Ma Procchio non è sole questo.

Piccolo borgo antico, Procchio ha origini che si perdono nella notte dei tempi, tanto che ripercorrendo con lo sguardo gli spazi è possibile riconoscere le diverse epoche, e le molteplici civiltà che l'hanno abitato: dalla fortezza fortificata di origine etrusca che si intravede sul monte Castello che sovrasta la cittadina, sino ai resti archeologici che ricordano il passaggio romano sull'isola.

Cosa vedere a Procchio

Il borgo è chiuso all'orizzonte dalla Guardiola, edificio d'avvistamento costruito fra la fine del '700 e i primi anni dell'800, che compare per la prima volta negli atti storici dell'isola nel 1822.

L'insenatura stessa, ad appena due metri di profondità al largo della cosiddetta Spiaggiola, è stata teatro di un importante ritrovamento: la Nave di Tacco, dal nome del suo presunto proprietario risalente al 190 d.C., ha fatto riaffiorare un enorme numero di reperti romani, primo fra tutti un tappo crifelefantino raffigurante le divinità Dioniso e Pan tuttora perfettamente riconoscibili. Tale ritrovamento ha fatto sì che prendesse forma un settore dedicato a tutti i reperti ritrovati in mare, all'interno del Museo archeologico di Marciana.

Se a Procchio è possibile respirare frammenti di storia dovunque si guardi, non si può scordare la ragione primaria per cui sicuramente è rinomata questa spiaggia: la sabbia dorata, raggiungibile a piedi dal centro del paese, e ben servita dai mezzi pubblici, è costituita da baie in cui la parola d'ordine è discrezione. Una delle più rinomate è certamente la spiaggia Paolina, che abbraccia il mare mescolando alla sabbia fine, tipica della zona, piccoli ciottoli.

Ma le meraviglie della natura fanno capolino anche quando ci si sposta un po' più al largo, e si raggiunge la grotta blu e la secca del Picco Giallo. La grotta, il cui nome fa riferimento all'azzurro del mare che predomina indiscusso, è situata a circa 300 metri da Punta Penisola, al confine con la baia di Procchio.
Per raggiungerla è necessario arrivare nei pressi di Punta Penisola ed avere buona esperienza di immersione, e per ottenere una buona visibilità non smuovere la sabbia. La secca del Picco Giallo invece, si trova a quasi 3 miglia dalla spiaggia ed è situata ad una profondità di circa 50 metri: raggiunta la secca ci si troverà dinanzi ad uno spettacolo incredibile fatto di margherite e gorgonie rosse.

Da non perdere a Procchio

Se la spiaggia ed i servizi offerti a Procchio sono degni della Costa del Sole, anche il borgo è capace di regalare bellissimi momenti di pace, relax ed arte. In particolare, uno dei luoghi che proprio non ci si può perdere il cenacolo artistico dei "Pittori delle Dune", che prende forma all'interno del ristorante Da Renzo, le cui pareti sono affrescate da artisti come De Chirico, Baraldi e Gonni. Per chi non ha mai visitato Procchio potrà individuare immediatamente il ristorante e non solo dall'insegna: sulla parete che affianca l'ingresso è riportata la scritta Qui Napoleone il Grande non ha mangiato. Mai!

Quando andare a Procchio

Procchio può essere raggiunto in ogni periodo dell'anno, è sempre splendido approdare in questo borgo incantato. La migliore stagione in cui recarsi sull'isola sarà quindi dettata dallo spirito e dalle motivazioni che spingono il viaggiatore a sceglierla come meta ideale: se si cerca il relax e la solitudine meglio optare per la primavera e l'autunno, se al contrario si cerca il sole ed il mare cristallino allora indubbiamente si dovrà prenotare la propria vacanza d'estate. L'inverno è riservato ai malinconici ed ai solitari, che vogliono avere il borgo per sé davanti ad un ottimo bicchiere di vino rosso.

Come raggiungere Procchio

Si può atterrare a Procchio via aereo, scegliendo una delle tre compagnie che fanno scalo sull'isola, ovvero Skyworld, Intersky e SilverAir, partendo da uno dei principali aeroporti italiani quali Milano Malpensa, Firenze o anche Pisa, oppure partendo dalle principali capitali europee, come ad esempio Londra, Lugano, Amsterdam, Barcellona o Berlino.
In realtà questa scelta è perfetta per chi ritiene superfluo il trasporto della propria autovettura, in caso contrario si può optare per il viaggio via mare con uno dei tanti traghetti che attraccano sull'isola. Le compagnie che servono la tratta Portoferraio o Piombino in direzione di Rio Marina, Cavo e Marina di Campo sono diverse: Blu Navy, Toremar, Moby Lines e Corsica Sardegna Elba Service.
In entrambe i casi, sia che si scelga l'aereo sia che si opti per il traghetto, durante il periodo estivo i collegamenti sono molto numerosi mentre durante il resto dell'anno si dovrà verificare i giorni di partenza.
  •  

News più lette

11 Dicembre 2017 I mercatini di Natale a Toro

Anche Toro, in Molise, ha i suoi mercatini di Natale: giunti ormai alla ...

NOVITA' close