Cerca Hotel al miglior prezzo

Procida, vacanza nella meno turistica delle isole partenopee

Procida, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Posta a metà strada tra l'isola di Ischia e la costa partenopea, Procida appartiene al gruppo delle cosiddette isole Flegree, cioè un gruppo di 4 unità legate in modo stretto all'attività vulcanica che contraddistingue la zona dei campi Flegrei e del vicino golfo di Pozzuoli in genere. Dal punto di vista geologico qui siamo in una delle zone più "calde d'Italia", il territorio qui pullula di vulcani e manifestazioni in qualche modo legate al vulcanesimo, e la stessa isola di Procida ebbe origine da intense eruzioni, che iniziarono poco più di 50.000 anni fa. Grazie all'attività di almeno 4 vulcani, Procida emerse dal mar Tirreno e fu modellata con eruzioni che durarono fino a circa 17.000 anni fa. Lo stesso vale per la piccola isola di Vivara, a forma di mezzaluna, collegata all'estremità occidentale di Procida, da un ponte.

Indubbiamente Procida è la meno conosciuta tra tutte le isole del Golfo di Napoli, ma coloro che la visitano di solito si innamorano di essa, questo perchè l'isola ha una sua vera identità, unica e completa, che non si è piegata al volere del turismo di massa, e mantiene una sua magnifica originalità. Alcuni suoi scenari sono entrati nell'immaginario turistico anche grazie al cinema: indimenticabili molte scene de Il Postino di Massimo Troisi, film che negli ultimi anni ha contribuito non poco a richiamare turisti da ogni parte del mondo.

Per arrivare a Procida bisogna superare l'omonimo canale che la separa da Capo Miseno e Monte di Procida che si trovano sulla terraferma. Il porto di arrivo è la Marina Grande che si trova sulla cost nord-orientale dell'isola. Ci sono collegamenti in partenza da Napoli, sia in traghetto (partenza da Calata di Massa) che aliscafo (partenza da Molo Beverello), oppure da Pozzuoli, con dei traghetti ed una corsa di Aliscafo. Ci sono inoltre collegamenti diretti da Ischia porto e da Ischia Casamicciola. Ricordiamo che da Napoli l'aliscafo impiega circa mezz'ora, mentre il traghetto richiede una navigazione di circa 1 ora. Tempi dimezzati invece da Pozzuoli.

Arrivati a Procida, l'esplorazione di questa affascinante isola inizia dal suo porto, la Marina Grande: qui innanzitutto si trovo la Pro Loco di Procida, che apre tutti i giorni dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19 e dove potete trovar tutte le informazioni più aggiornate sugli eventi in programma e le indicazioni per raggiungere le migliori spiagge.

uno dei luoghi più ambito dai turisti è la splendida Marina Corricella, uno spettacolo di case colorate che s'affacciano in modo disordinato e romantico sul mare. Si tratta del porto dei pescatori, quello più antico di Procida e dove si respira ancora un'atmosfera romantica, oltre che essere un luogo speciale per chi ama fare fotografie. Da non perdere oltre le stradine con le case affastellate l'una sull'altra, le barche dei pescatori, sia quelle tirate a secco che quelle dentro al porticciolo, le loro reti, e la gradinata del Pennino, un particolare e scosceso vicolo.

Dal punto di vista storico ed artistico, il cuore culturale di Procida è determinato dal borgo di Terra Murata, una cittadella che si trova sulla punta nord-orientale dell'Isola. Si trova in posizione sopraelevata, sfiorando i 90 metri d'altezza nel suo punto più alto, e per questo motivo ci si deve arrampicare lungo la ripida salita al Castello, che però premia il visitatore con le magnifiche viste sulle case colorate della Corricella. Il borgo di Terra Murata è un piacere da passeggiare, ci sono vari scorci interessanti, vie strette, case tipiche procidane, un'abbazia (S. Michele Arcangelo), il Castello d'Avalos e un antico carcere.

Le Spiagge di Procida
Pur non essendo troppo grande, appena 3,7 kmq, l'isola non è certo avara di spiagge. Leprima spiagge che si incontrano quando si arriva a Procida si trovano a fianco di Marina Grande: si tratta della spiaggia della Lingua, chiamata così per l'omonimo promontorio, ad est del porto, e la spiaggia della Silurenza che si estende invece ad ovest, e prende il nome di spiaggia del cannone, per la presenza di un cannone inglobato in uno scoglio. Spostandoci verso Procida centro, possiamo dirigerci verso la spiaggia della Chiaia, una delle più lunghe e famose spiagge. Nella parte più occidentale del spiaggia è possibile accedervi da una lunga scalinata di oltre 180 gradini, la si imbocca da via Pizzaco.

Se invece ci rechiamo verso ovest, sulla costa occidentale di Procida, troviamo la spiaggia più estesa di tutta l'isola: è la spiaggia del Ciraccio, che è anche una delle più larghe in assoluto. Le sabbie sono abbastanza scure, come del resto nelle altre spiagge dell'isola, ed il suo orientamento la rende ideale per il pomeriggio, da cui si ammirano splendidi tramonti. L'arenile a sud si collega alla spiaggia della Chiaiolella, ancora più estesa in larghezza, ma spesso anche la spiaggia più frequentata dell'isola; il suo nome deriva dall'attigua Marina di Chiaiolella. Una spiaggia sicuramente particolare è quella del Pozzo Vecchio, che si trova a nord delle due spiagge appena descritte, ed è caratterizzata dalla presenza del...cimitero comunale, la cui estensione lo porta ad appena 15 metri dal mare. Qui furono girate alcune scene de il film il Postino.

Il clima di Procida è splendido, il mare mitiga gli eccessi del caldo, e garantisce temperature gradevoli anche in inverno. le massime raggiungono valori di 29-30 °C in piena estate, con minime intorno ai 18°C. Anche l'acqua del mare, tra metà luglio e inizio settembre raggiunge valore gradevoli di 26-27 °C. In estate le piogge sono rare, mentre dall'autunno alla primavera non mancano le piogge, che cadono più abbondanti in genere a novembre, dicembre e gennaio.

  •  

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close