Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Pognana Lario

Pognana Lario (Lombardia): la spiaggia, la sagra e la visita alla cittadina

Pagina 1/2

Pognana Lario trova estensione sulle voluttuose rive del Lago di Como rientrando nell’hinterland lungo i placidi pendii del Monte Preaola all’apice territoriale della provincia comasca in Lombardia. I suoi abitanti, soltanto 741, si distribuiscono nelle cinque frazioni di Canzaga, Rovasco, Riva, Quarzano e Pognana che, nel loro insieme, sono comprese entro la giurisdizione della Comunità Montana Triangolo Lariano.

Storia ed origine del nome

L’origine romana viene indicata dal nome, derivante dal latino Apponius, e da scavi che hanno permesso il ritrovamento di alcuni reperti sepolcrali sparsi. Una storia ch’è poi proseguita nel Medioevo, quando Pognana Lario venne infeudato dai Visconti e successivamente dai Gallio, che beneficiarono della sua cessione nell’epoca dell’occupazione spagnola.

Il lascito del passato si traduce nei patrimoni artistici che con tanta abnegazione silente le frazioni serbano in accordo con un tessuto urbano mantenente inalterata l’atmosfera favolistica che sulla superficie lacustre si specchia fra i riverberi del sole primaverile e la pacifica acquiescenza dell’inverno, mai freddo in questa zona dove proprio il lago permette al clima di scacciare ogni rigidità ed estremismo termico, motivo in più per lasciarsi cullare dal desiderio di una visita da fare quanto prima.

Luogo di mistica attrazione, Pognana Lario è altresì figlia del duro lavoro di muratori e scalpellini considerati i reali plasmatori dell’assetto urbanistico odierno, crogiuolo di strade, vicoletti e costruzioni abitative nonché di sacralità imperitura. I Maestri Comacini detenevano l’uso della pietra moltrasina estratta dalle cave locali, perfetto materiale per l’edificazione di strutture destinate a durare nel tempo.

L’artigianato si connatura in tempi odierni alla lavorazione del ferro ma a contribuire sensibilmente a un regolare ricircolo economico pensa indubbiamente il turismo, una macchina massiva che funziona a meraviglia soprattutto da quando anche i cosiddetti VIP (very important person) hanno scoperto il vantaggio di prendere dimora sulle sponde del lago, suscitando curiosità e flussi di fan alla ricerca dei propri idoli, George Clooney in primis.

Cosa vedere a Pognana Lario

Stiamo però sconfinando in un lido mondano che non si confà all’amenità inclusiva di Pognana Lario, dove a risuonare con voce soave sono edifici molto compassati, teneri nella loro meraviglia, beati nella leggerezza della loro beltà nascosta. Si rivela in frazione Rovasco la Chiesa di San Miro, addirittura antecedente al Duecento e ricettacolo di sommi affreschi di tradizione bizantina che ritraggono San Cristoforo e la Madonna col Bambino, contemplabili dopo aver percorso sentieri alquanto suggestivi per la spiccata vocazione panoramica.

La Chiesa di San Rocco è invece ubicata in frazione Canzaga, timida all’esterno quanto esuberante all’interno, custode di eleganti affreschi dipinti nel corso del Quattrocento da Bartolomeo de Benzi, abbisognanti di un restauro che si è effettivamente concretizzato con i lavori del 1965, mirati a ridefinire i colori della pittura regalandole gli antichi fasti.
... Pagina 2/2 ...
Infine non poteva mancare nelle vicinanze di Pognana anche una bella spiaggia: si tratta quella del Lido di Faggeto posta a circa 1,5 km a sud del centro cittadino.

Eventi, sagre e manifestazioni

Nell’oratorio della chiesa ha luogo ogni 16 di agosto la tanto attesa Sagra degli Gnocchi, che qui sono un’autentica specialità inserita nel caleidoscopio gastronomico annoverante anche ottimi vini comaschi e i prodotti di un’orticoltura preservata e genuina.

A giugno è in festa la frazione di Quarzano grazie all’imperversare eccitato della Sagra delle Alborelle, piccoli pesci d’acqua dolce pescati nel Lago di Como e cucinati in svariate maniere, specialmente in carpione. La domenica successiva alla Pasqua è il turno della Sagra delle Torte, appuntamento dal quale i diabetici devono stare a debita distanza, data la natura ghiottona e zuccherosa di tale sagra.

I prodotti tipici lariani

Abbiamo evocato perle della cucina lariana, che riesce ad alternare sapientemente i sapori della montagna alle squisitezze collinari, entro cui si inseriscono piatti prelibati d’estrazione povera come la polenta taragna, la uncia (con burro, aglio e formaggi) e il toc bellagina, ricetta assai ricercata e alquanto difficile da realizzare. Le alborelle di cui si è dapprima parlato aggiungono al carpione l’apogeo del fritto misto con agoni, bottatrice, filetti di persico e lavarello. Fra i dolci è al turista caldamente consigliato l’assaggio della miascia, torta antichissima composta da pane raffermo, latte, uova, zucchero, mele o pere, uvette, pinoli con implementazione facoltativa di amaretti sbriciolati, cioccolato amaro o scorza di limone. Leggere con moderazione quest’ultimo paragrafo per non incorrere in eccessiva salivazione languida.

Come arrivare a Pognana Lario

A Pognana Lario si giunge in auto percorrendo la sponda orientale del lago lungo la SS 583 che dirama in SP 43 diretta ai vari comuni lariani, tra cui Pognana; in treno sono attive più linee dirette alla grande zona lago e tra queste la regionale Milano-Saronno-Como; sono ben tre gli aeroporti di riferimento, Milano-Malpensa, Milano-Linate e Milano Bergamo-Orio del Serio, tutti serviti da navette bus; battelli del servizio Navigazione Laghi solcano le acque lacustre a tutte le ore del giorno per garantire idonea connessione fra località e comuni.


loading...
26 Giugno 2017 Estate in Corsica: in viaggio alla scoperta ...

Vicina, selvaggia, affascinante. Non è facile definire la Corsica ...

NOVITA' close