Cerca Hotel al miglior prezzo

Quinto di Treviso (Veneto): visita alla cittadina sul fiume Sile

Quinto di Treviso, guida alla visita: cosa fare e cosa vedere tra le sue attrazioni. Quinto di Treviso dove si trova? Cosa visitare nei dintorni, come arrivare e il meteo.

Quinto di Treviso fomenta una certa curiosità in relazione al proprio nome, atto a indicare in epoca romana una stazione di posta allocata a cinque miglia da Treviso lungo il percorso del fiume Sile.

Storia

Successivamente il paese si sviluppò sulla base di un’economia fondata sull’attività molitoria possibile grazie al vicino scorrere del fiume Sile. Ancor dopo divenne sotto l’egida della Serenissima territorio fertile per l’operato di molti agricoltori possidenti che fecero dell’hinterland un coacervo di ville sparse il cui numero si è però notevolmente ridotto.

Facevano parte del novero Palazzo Lollin, Villa Giordani, Villa Ciardi e Villa Borghesan, in cui nacque l’ex bassista dei Pooh Red Canzian. L’elevazione a comune si concretizzò nel 1806 e come tale dovette affrontare le asperità sociali delle due guerre mondiali, delle quali si conserva triste memoria attraverso il Monumento ai Caduti scolpito da Attilio Selva e inaugurato nel 1925.

Cosa vedere a Quinto di Treviso

Attuale cittadina di quasi 10.000 abitanti, ha il proprio punto di riferimento nella Parrocchiale di San Giorgio Martire, ma quella che si può ammirare è frutto di una ricostruzione eseguita su progetto di Antonio Beni, risalente al secondo dopoguerra. Del vecchio impianto trecentesco non rimane più nulla a livello architettonico, mentre di quel tempo si conservano alcuni affreschi, compreso un dittico di dipinti realizzato da Ludovico Pozzoserrato durante il secolo successivo, il quindicesimo.

Molto antica si rivela invece la Chiesa di San Cassiano, che nel Medioevo fungeva da pieve, dunque nobilitata in primis dal suo campanile a tre campane nonché da opere d’arte come l’altare ligneo e il bel polittico rinascimentale di autore veneziano, il soffitto ordito da Jacopo Guarana nel 1758 oltre alle tele firmate da Lattanzio Querena e Ascanio Spineda. Impossibile resistere al fascino storico del fonte battesimale creato nel 1317 completamente in pietra d’Istria, sigillo alla bellezza ecclesiale in coabitazione con l’organo fonocromico assemblato nell’Ottocento da Giovan Battista De Lorenzi.

Eventi, sagre e manifestazioni

Quinto si anima particolarmente in occasione di manifestazioni a larga partecipazione popolare, si menzionino il Carnevale, l’estiva Festa sul Sile e l’attesissima Colori e Sapori di Primavera che saluta l’inverno per abbracciare la variopinta stagione delle fioriture.

Come arrivare a Quinto di Treviso

Dall’Autostrada A28 Venezia – Belluno uscire a Treviso Sud e seguire le indicazioni per Padova fino a Quinto di Treviso; dalla stazione ferroviaria di Treviso si prosegue verso il paese con le linee extraurbane MOM 101, 102 e 103 che fermano proprio nel centro storico; l’aeroporto di riferimento è l’”Antonio Canova” di Treviso.

  •  
24 Febbraio 2020 La Mostra di Marina Abramovic a Modena, ...

Prosegue il viaggio di un evento tra i più pop del 2020 che vede ...

NOVITA' close