Cerca Hotel al miglior prezzo

Balestrino (Liguria): il paese fantasma e il Santuario delle apparizioni

Balestrino, guida alla visita: cosa fare e cosa vedere tra le sue attrazioni. Balestrino dove si trova? Cosa visitare nei dintorni, come arrivare e il meteo.

Quando si parla di Balestrino, si cerca immediatamente il sensazionalismo che ammanta la sua “vecchia anima”, corrispondente in maniera meno aulica al borgo fantasma che ne identifica altresì il lato più romantico e vagamente spettrale. Va tuttavia tenuto da conto l’aspetto ben vivo e attivo di questa località di appena 600 abitanti in provincia di Savona, un borgo che in Liguria intende farsi conoscere per ciò che ancora non è stato piagato dall’abbandono del tempo, il cuore battente in un centro storico ricco di attrattive da esplorare, sentire, vedere, indagare.

L’abitato sorge nel primo entroterra loanese, dista soltanto 7 km dal mare immergendosi soavemente nella verdeggiante Valle di Rio Ponte il cui naturale balcone con splendida vista sul golfo ligure è rappresentato dai prati di Groa. Questi arricchiscono un paesaggio fatto su misura per gli escursionisti e gli appassionati di parapendio, il cui piacere massimo consiste nel librare nell’aria sorvolando enormi filari di vigne, ulivi e orti, oltre ad ammirare in volo la foresta dell’Erexea, incontaminato polmone verde dell’intera area.

Storia

Stradine, sentieri, corridoi ghiaiosi serpeggiano andando a formare un reticolo al centro del quale Balestrino s’erge a dominatore assoluto di un magnifico contesto permeato da bellezza, storia e architettura. Inizialmente un burgus plebis di fondazione romana, il paese divenne in epoca medievale un feudo retto dalle sue stesse risorse agricole, una ricchezza per chiunque volesse appropriarsi di quelle terre, a cominciare dai Bava, che prima ancora dei Del Carretto fecero erigere un castello atto a fortificare i larghi possedimenti. Il Marchesato si guadagnò da subito l’ostilità della popolazione facendo perennemente fatica a imporsi ma al contempo dettando preziose linee guida per una prosperità economica in continua ascesa grazie al supporto di opere come mulini, frantoi e fornaci. In seguito alla cruenta Battaglia di Loano, Balestrino conobbe la pur breve occupazione napoleonica e solo successivamente l’annessione al Regno di Sardegna e al neocostituito Regno d’Italia nel 1861.

È indubbio che l’avvenimento che maggiormente stravolse la vita ai balestrinesi fu il trasferimento dell’abitato in una zona considerata meno rischiosa dal punto di vista dei dissesti idrogeologici: il cambiamento ebbe dell’epocale e nessuno dimentica quell’anno, il 1953. Il borgo antico, però, ancora sopravvive con i suoi 44.000 mc di edifici sostanzialmente integri, uno spazio urbano che l’Amministrazione Comunale vuole fermamente recuperare sottraendolo alla condanna propria di paese fantasma della Liguria a beneficio della completa ricostituzione del centro medievale. Intanto, però, il regista Iain Softley ha fatto in tempo a girare in questo luogo di raro incanto alcune scene del fantasy cinematografico "Inkheart – La leggenda di cuore d’inchiostro", le cui riprese di sono svolte nel 2008: nel film Balestrino diviene “Capricorn Village”.

Cosa vedere a Balestrino

Balestrino vecchia si adagia all’ombra del Castello dei Del Carretto, di imponenza tale da essere letteralmente sovrastante. Del maniero costruito dai Bava rimangono pochi ruderi a causa dell’incendio che lo rase al suolo. Il meglio lo offrono i luoghi di culto, vigenti o ex che siano, prendiamo l’ex Chiesa di Sant’Andrea che dal Seicento giace in località Borgo, in coesistenza con il quattrocentesco Oratorio della Madonna di Marzo.

In frazione Poggio si possono visitare la Parrocchiale di Sant’Andrea, in cui pare evidente lo stile moderno, e la campestre Chiesa di San Giorgio, che suscita interesse per l’impianto trecentesco (è una ricostruzione, perciò i basamenti risultano addirittura antecedenti al XIII secolo), il ciclo di affreschi sacri ascrivibili al XV secolo e l’attiguo campanile del 1100.

Sul luogo nel quale sono state accertate ca. 138 apparizioni mariane è stato edificato il Santuario di Monte Croce, tempio di devozione popolare.

Eventi, sagre e manifestazioni

La terza settimana di agosto a Balestrino va in scena la Sagra dei Cinque Giorni, manifestazione che mescola sapientemente enogastronomia, tradizione, musica, cultura e artigianato.

Come arrivare a Balestrino

Dopo aver percorso l’Autostrada A10 fino all’uscita di Borghetto Santo Spirito, alla seconda rotonda girare a destra per Toirano e procedere dritti fino alle indicazioni per Balestrino; la stazione ferroviaria più vicina si trova ad Albenga: da qui proseguire in autobus; l’aeroporto “Cristoforo Colombo” di Genova è quello di riferimento.

  •  

News più lette