Cerca Hotel al miglior prezzo

Durazzo (Albania): spiagge, anfiteatro e vita notturna

Durazzo, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Se Tirana riveste il ruolo di capitale amministrativa dell’Albania, Durazzo trionfa come capitale turistica e porto marittimo con un bacino di quasi 250.000 abitanti. E’ peraltro il più importante centro commerciale dell’area balcanica e la sua economia interna – costruita per operato di una serie di quartieri numerati tra cui spicca Spitalla - non ha rivali entro i confini della nazione, un’economia che ogni anno s’impernia specialmente sul settore fiorente del turismo, la cui misura si rileva da qualcosa come 600.000 visitatori attirati sul territorio ogni anno.

Un così clamoroso successo è da ricondurre in primis al suo essere cittadina bagnata da un mare cristallino, piena di comodità e facile da raggiungere in quanto non lontano dall’Italia e collegata a Tirana, sede aeroportuale, tramite una strada bissabile in auto in una quarantina di minuti.

Anfiteatro romano e storia

Urbis principe dell’Epirus Nova in epoca romana, si fregia della presenza sul suo suolo della vestigia latina più sensazionale in loco, un anfiteatro ch’è per somma fortuna sopravvissuto a una storia turbolenta affrontata nei secoli da Durazzo. Il medioevo rappresentò infatti un era di scontri e passaggi di proprietà, occupazioni che videro alternarsi Bizantini, Normanni, Veneziani e Angioini in questo preciso ordine.

La dominazione turca si fece sentire a partire dal 1501; la morsa ottomana allentò e poi lasciò definitivamente la presa nel 1914, quando l’Albania era già da due anni indipendente, occupata nel corso della Seconda Guerra Mondiale dalle milizie fasciste prima e dai Nazisti poi, che abbandonarono il campo nel 1944.

Situata in una penisola, Durazzo è una città evergreen, vivibile non soltanto d’estate per via di validi punti d’appoggio culturale che stimolano un certo interesse nei visitatori, che da occasionali spesso divengono assidui perché s’affezionano a questa arridente realtà straniera.

Cosa vedere a Durazzo

L’attenzione è dunque rivolta alla storia e alla cultura, con perle fruibili come il teatro Aleksander Moisiu, il Teatro Estrada, l’orchestra filarmonica e il teatro delle marionette. Da visitare il Museo Archeologico, il Museo di Storia e la Villa di Durazzo. Dei 700.000 bunker fatti costruire a ridosso degli anni ’60 per la preparazione a una possibile ma mai concretizzatasi minaccia bellica di stampo sovietico, a Durazzo ve ne sono almeno la metà, specialmente in prossimità delle spiagge e lungo il litorale.

Obiettivamente, la rinomata località albanese non è tale per via del mare, poiché l’acqua cristallina, limpida e azzurrissima si trova più a sud, verso la Riviera albanese, ma questa si pone come città turisticamente viva e alquanto accomodante in termini di servizi, attrezzature e ricettività.

Vita notturna

Straordinario il fermento del lungomare, la sua energia e la capacità di trasformarsi da struscio tranquillo di giorno a decumano affollato di sera, serpentina lineare di locali, bar, ristoranti e discoteche che fomentano anche la vita notturna.

Si ponga l’accento soprattutto sui ristoranti, che propongono gradevoli menù a base di pesce rigorosamente fresco secondo ricette italiane. Sconvolge il rapporto qualità/prezzo, assolutamente eccezionale se si pensa che, in media, si può cenare senza esagerare con 6-7 euro.

Tante anche le pizzerie, molto gettonate, ma le prelibatezze ittiche fanno ovviamente da padrone: le si può gustare facendo i nomi de Le due chitarre (uno dei migliori ristoranti di Durazzo), il Ristorante Vertigo (la vista panoramica non ha eguali) e il Ristorante Antinori (comodo per le famiglie, le quali possono far giocare durante la cena i loro pargoli nell’interno parco giochi).

La spiaggia

Fra le spiagge si consiglia quella di Skembi i Kavajes, sabbiosa, pulita e dai bassi fondali.
Per un’esperienza di soggiorno confortevole, da provare l’accoglienza del Durazzo Resort & Spa, con piscina all’aperto e a 800 metri dal mare.

Come arrivare a Durazzo

In primis, Durazzo si può raggiungere via mare con i traghetti che partono dai principali porti italiani, Trieste, Ancona e Bari; in alternativa c’è l’aereo, che atterra a Tirana, città a soli 40 minuti se non meno da Durazzo, una distanza che bus di linea organizzati provvedono a bissare; consigliata caldamente una vettura a noleggio per girare in tutta tranquillità, senza vincoli di sorta.

  •  

News più lette

close