Cerca Hotel al miglior prezzo

Cosa vedere nella cittą di Budva in Montenegro

Budva, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Il Montenegro, nazione ancora in gran parte inesplorata dal turismo di massa, può contare su un tratto costiero molto affascinante, dove le colline e i promontori si affacciano sulle acque dell'Adriatico abbracciando le spiagge di sabbia chiara che si susseguono da nord a sud. Tra le varie località della costa, la cittadina di Budva (o Budua, in italiano) è sicuramente una delle più conosciute ed apprezzate.

Si hanno tracce documentate della presenza di insediamenti umani a partire dal X secolo a.C., che si sono avvicendati nel controllo della costa balcanica anche per i successivi secoli; è infatti stata abitata da diverse popolazioni – Greci, Illiri e Romani, tra gli altri – da sempre attirati dalla sua posizione strategica.
In epoca più recente, anche i Veneziani giunsero sulla costa montenegrina, governandola per oltre trecento anni, prima di cedere il passo, con alterne vicende, ai francesi, agli austro-ungarici e agli Asburgo fino alla fine della Prima Guerra Mondiale.
Il XX secolo, con la fine del secondo conflitto mondiale, ha di fatto portato la regione ad integrarsi alla Jugoslavia fino alla Guerra dei Balcani negli anni Novanta. Con il pacificarsi delle tensioni politiche e militari ed il raggiungimento dell'indipendenza nel 2006, il Montenegro ha intrapreso una nuova strada di rinascita, che passa anche dalle sue località turistiche più in vista, tra cui la stessa Budva.

I suoi 38 km di costa, che comprendono spiagge, baie e lagune, hanno trasformato Budva nel cuore del turismo montenegrino. È così che ai circa 15000 abitanti fissi della cittadina, si sommano i vacanzieri durante la lunga stagione di mare, che qui può andare da maggio a novembre. Sono ovviamente le spiagge la vera attrazione, e tra queste la più conosciuta è quella nel vicino abitato di Becici, lunga quasi 2 km ed affiancata da strutture ricettive, discoteche e negozi di moda.
Per fortuna, esistono molte altre spiagge nei dintorni, adatte anche a quanti siano alla ricerca di calma e tranquillità: la lista è davvero lunga, ma tra le molte segnaliamo quelle di Jaz, Mogren, Slovenska, Buljarice, Przno, Kamenovo e Milocer.

Nella provincia di Budva è però anche interessante scoprire ciò il territorio può offrire in termini di patrimonio storico-culturale; vi si possono trovare ancora oggi edifici risalenti addirittura al dodicesimo secolo, ed un esempio è proprio la chiesa di St.Sava Osveseni, mentre la chiesa di Santa Maria della Punta fu voluta dai monaci benedettini nell'anno 840 d.C.
È inoltre possibile visitare la chiesa di St.Ivan, che ospita l'immagine della Madonna di Budva, ma esistono anche diversi monasteri nelle località vicine, come quello di Podlastva, nei pressi della cittadina di Kotor, o il monastero di Podostrog risalente al XV secolo. Non meno interessante è quello di Stanjevic, che sorge a Pobori. Il monastero Praskvica, infine, è situato sulla spiaggia di Milocer e risale all'anno 1050; dopo essere stato distrutto nel XV secolo, è stato restaurato grazie agli aiuti economici della chiesa ortodossa russa.

Tra le località più deliziose da visitare nella provincia di Budva, Sveti Stefan è probabilmente la più caratteristica: si tratta di un paesino di circa duemila abitanti che sorge su un'isoletta collegata alla terraferma da un sottile lembo di sabbia rossa storicamente abitato da pescatori, prima di essere convertito in una località turistica negli anni Sessanta. La sua spiaggia è attualmente una delle più visitate ed apprezzate dai turisti di tutto il mondo.
L'altra località da non perdere durante un viaggio sulla costa del Montenegro è Petrovac, 18 km a sud-est di Budva sulla costa. Il suo antico nome era Lastra e conobbe un forte sviluppo nel periodo dell'Impero Veneziano tra il XV ed il XVIII secolo. Oggi, trasformata in località turistica, si presenta ai visitatori in tutto il suo splendore, arricchito dalla presenza, proprio di fronte al litorale cittadino, nelle calme acque dell'Adriatico, delle due isolette gemelle di Katia e Sveta Nedjelja.

  •  
close