Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Kourion

Kourion (Cipro), visita al sito archeologico sulla baia di Episkopi

Pagina 1/2

Non bisogna essere topi di biblioteca o patiti dell’antichità per innamorarsi di Kourion, uno dei siti archeologici più magici di Cipro. Adagiata tra la macchia mediterranea e la roccia aspra, riarsa dal sole, l’imponente città greca che sopravvisse fino all’inizio del medioevo si trova a ovest di Limassol, lungo la costa meridionale dell’isola, a ovest del fiume Kouris.

Quando il cielo è limpido gli edifici antichi sono abbaglianti sotto il sole, immobili nel frinire delle cicale, mentre i nuvoloni scuri e il mare agitato trasformano Kourion in una città misteriosa, cupa e sublime allo stesso tempo. Ma sono forse i tramonti a regalarle il fascino maggiore, quando la luce si scioglie e come oro liquido inonda il paesaggio, insinuandosi tra le pietre dei templi, tra le scanalature delle colonne e gli intagli dei capitelli: ecco allora che i palazzi di un tempo, stanchi ma grandiosi, proiettano sul terreno le stesse ombre di secoli fa.

L’antico insediamento è a breve distanza dal villaggio omonimo, moderno e dotato di ogni comfort per potersi assicurare una fantastica vacanza cipriota. Ma la Kourion antica riesce ad attirare più del mare, più della vita da spiaggia, più dei ristoranti tipici e dei divertimenti serali: solo qui, in posizione panoramica sulla cima della falesia, si respira il profumo della storia e della leggenda. Solo qui si gode una vista così spettacolare sopra la baia di Episkopi.

Poco dopo l’ingresso agli scavi si riconosce la casa di Eustollo, sul cui pavimento a mosaico, nel vestibolo, si legge: “Entra, e buona fortuna alla casa”. Riportata all’antico splendore all’inizio del V secolo, la residenza custodisce splendidi mosaici che raffigurano divinità o scene di vita quotidiana del tempo. Emblematici i mosaici della zona dei bagni, che ricordano il momento dell’edificazione del palazzo e rappresentano diversi animali. La struttura è in blocchi di calcare, con tante colonne marmoree culminanti in raffinati capitelli corinzi.

A pochi passi dalla casa di Eustollo c’è il teatro, un vero e proprio gioiello del II secolo a.C., ampliato dai romani nei secoli successivi e tuttora utilizzato per eventi, concerti e manifestazioni di impatto altamente scenografico. Situato all’estremità della collina su cui sorge la città, il teatro di Kourion è composto da un’orchestra semicircolare, incorniciata dai posti della cavea, e sulla parte meridionale si scorgono ancora i resti della scena fronte, che doveva raggiungere l’altezza della cavea. Ai lati della scena c’erano invece i “parodi”, corridoi attraverso i quali il pubblico prendeva posto… un pubblico di ben 3.500 spettatori che si stupivano, proprio come accade ai giorni nostri, di fronte alla magnificenza del teatro ma soprattutto del paesaggio circostante. Chi oggi assiste a uno spettacolo serale viene trasportato in una dimensione parallela: sedersi in questo teatro all’aperto nell’ora del tramonto, quando il sole saluta il giorno all’orizzonte, è un’esperienza ancora più bella se si pensa a quante storie siano state contenute nello stesso palco, secolo dopo secolo.

Tra gli eventi che si segnalano il Kourion Jazz Festival che richiama ogni anno centinaia di appassionati e lo Shakespeare Festival, a Giugno – come ogni anno Koriuon è la location che ospita lo Shakespeare Festival organizzato dal Perfoming Arts for Cyprus Charities.

... Pagina 2/2 ... Ma l’edificio più interessante del complesso archeologico è forse la basilica paleocristiana, che si erge lungo i bordi della falesia. Rinvenuta per la prima volta nel 1993, la basilica portuale di Kourion è un’imponente costruzione a tre navate, che ad est si chiudono in absidi circolari, poligonali nella parte esterna. A separare la navata principale da quelle laterali c’erano dei colonnati a sei fusti, coronati da capitelli corinzi e probabilmente da eleganti arcate.

Poco oltre la basilica si scopre una vasta area costellata di vari reperti, tra cui il celebre tempio di Apollo, una grande galleria porticata, l’agorà romana e una vecchia cisterna. Da vedere la casa dei Gladiatori e la casa di Achille, che prendono il nome dai soggetti dei rispettivi mosaici. Risulta particolarmente interessante il mosaico dedicato ad Achille, in cui l’eroe è travestito da donna: era stata sua madre a volere il travestimento perché non venisse convocato per la guerra di Troia, e qui è rappresentato il momento in cui Ulisse sta per svelare l’imbroglio.

Situata a poca distanza dal villaggio di Episkopi e a due passi da Limassol, la città di Kourion è raggiungibile comodamente dall’aeroporto di Paphos, mediante mezzi pubblici o con un taxi. Si tratta di uno degli aeroporti di Cipro, insieme a quelli di di Ercan e di Larnaca, e tutti sono collegati a varie località della Grecia, dell’Inghilterra e dell’Italia (Venezia, Milano e Roma).
Affacciato sul mare da una scogliera, questo antico sito fu rivendicato dai Micenei. Le rovine dello stadio, teatro e bagni pubblici sono la prova della conquista romana, mentre i santuari di Afrodite e Apollo illustrare le profonde radici della città ellenica. Kourion fu distrutta da un terremoto nel 365 dC. Kourion è raggiungibile percorrendo la strada costiera dal villaggio di Episkopi, a ovest di Lemesos, a breve distanza, fino ad incontrare il mare.



Fonte: ENTE NAZIONALE per il TURISMO di CIPRO
Ufficio Stampa Thema Nuovi Mondi srl
Visita Turismocipro.it - Email
 

loading...
01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittą World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close