Cerca Hotel al miglior prezzo

Port-Cros (Francia): l'isola, le spiagge e il suo Parco Nazionale

Port-Cros, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

L'isola di Port-Cros, con una superficie di 7 km², è il cuore del Parco nazionale di Port-Cros, il più piccolo di Francia per dimensioni. L'oasi naturalistica comprende alcune isole dell'arcipelago delle îles d'Hyères – tra cui, ovviamente, la stessa Port-Cros – e le acque circostanti. Si trova nel Mar Mediterraneo, immediatamente a sud della costa francese, di fronte alla cittadina di Hyères.

Tra tanta bellezza, l'uomo può muoversi solo a piedi (neanche le bici sono ammesse); non a caso l'isola è una meta straordinaria per cerca un po' di tranquillità lontano dal turismo di massa.

Storia

Port-Cros deve il suo nome attuale alla forma cava del porto.
Vi sono tracce di insediamenti romani nella baia di Port-Man e nella baia di La Palud, attestate dalla presenza di tombe e monete d'oro romane.
In epoca relativamente più recente, l'isola divenne meta di saccheggi e razzie da parte dei pirati: per questo vennero costruite diverse fortificazioni, soprattutto a partire dal XVII secolo.

Tra l'Ottocento e la prima metà del Novecento Port-Cros passò ripetutamente di mano fino a quando la signora Henry – la proprietaria – decise di donarla allo Stato.
Nel 1963 venne istituito il Parc national de Port-Cros, che è oggi il secondo più antico di Francia.
I pochissimi abitanti dell'isola vivono ormai di turismo, mentre nei secoli scorsi erano soprattutto le coltivazioni di ulivi e vigneti a sostentare la popolazione locale.

Cosa vedere a Port-Cros: forti, spiagge e sentieri

Ci si reca a Port-Cros soprattutto per brevi escursioni, da compiere sui sentieri segnalati che attraversano l'isola per un totale di circa 30 km di percorsi.
Oltre che per le evidenti bellezze naturali di cui dispone, molti turisti amano concedersi una visita anche ad alcuni punti d'interesse come il Fort de Port Man – un forte costruito tra il 1633 e il 1637 all'estremità orientale dell'isola, proprio di fronte all'Île du Levant, generalmente chiuso al pubblico tranne che in occasione delle Giornate Europee del patrimonio – o al Fort de l'Estissac, costruito tra il 1634 e il 1640.
Quest'ultimo si trova sopra il paesino di Port-Cros e offre dall'alto uno splendido panorama sull'arcipelago. Aperto da maggio a ottobre, ospita anche la mostra Marine Bio Diversity ed è accessibile gratuitamente.

Chi ama compiere escursioni a piedi può decidere di partire dal Fort du Moulin lungo il Sentier des Plantes, che conduce fino alla Plage de la Palud (45 minuti dal villaggio), sulla costa settentrionale di Port-Cros.
Da qui, il Circuit de Port-Man (circa 4 ore di cammino) prosegue fino alla deliziosa Plage de Port-Man, nel nord-est dell'isola.
Diversamente, chi sceglie di esplorare l'immenso patrimonio marino del parco nazionale, può optare per il Sentier Sous-marine: da Plage de la Palud si può compiere un'uscita di snorkeling per circa 30 minuti alla scoperta della flora e della fauna sottomarina di questo tratto del Mediterraneo in una zona protetta dove sono presenti anche alcuni pannelli informativi subacquei segnalati dalle boe.
Per noleggiare maschera e pinne ci si può recare alla scuola di sub Sun Plongée presso il porto, che propone anche escursioni in barca e lezioni.

Tornando sulla terraferma, il Sentier des Crêtes si sviluppa per oltre 7 km nella zona sud-occidentale di Port-Cros e tocca la vetta più alta dell'isola, il Mont Vinaigre (194 meri s.l.m.).
La spiaggia più affollata, infine, è una stretta striscia di sabbia situata a 30 minuti (a piedi) dal paese: Plage du Sud è splendida per l'incontro di colori che offre: le sfumature turchesi dell'acqua, il bianco della sabbie a il verde della vegetazione che la ripara alle spalle.

Consigli per la visita

Come detto, sull'isola non sono ammessi mezzi di locomozione: ci si può spostare solo a piedi. Per questo, e per godervi i sentieri in mezzo alla natura, portate con voi un paio di scarpe comode.
Ricordate che vi trovate all'interno di un parco nazionale: valgono quindi, ancora più che altrove, le regole di rispetto per la natura e l'ambiente. Non sono ammessi fuochi né il campeggio libero.
In caso di giornata ventosa, soprattutto in estate, aumenta il rischio d'incendio, per cui le zone boschive vengono chiuse al pubblico e si autorizza solo il passaggio sulle strade di accesso alle spiagge.

A Port-Cros non esistono distributori automatici di banconote. C'è un ufficio postale, un minimarket, qualche ristorante e qualche bar solo nel villaggio. Se partite per un sentiero o una spiaggia, ricordate quindi di portare con voi una scorta di cibo e acqua.
Per dormire a Port-Cros è necessario prenotare con mesi di anticipo: il numero delle strutture ricettive è limitato e nei mesi estivi le stanze sono sempre occupate. Forniamo alcune indicazioni di posti in cui mangiare e soggiornare a Port-Cros nel nostro articolo sulle isole francesi nel Mediterraneo.

Ricordiamo infine che al porto si trova la Maison du Parc, la quale offre tutte le informazioni utili per la visita.

Come arrivare a Port-Cros

Per raggiungere l'isola di Port Cros i traghetti partono regolarmente dal Port-St.Pierre (a Hyères, circa 90 minuti di traversata, prezzo 28 euro a/r).
Esistono collegamenti anche da/per la vicina Île du Levant.
L'aeroporto internazionale più vicino è quello di Marsiglia (Aéroport Marseille Provence, a circa 110 km da Hyères).
  •  

News più lette