Cerca Hotel al miglior prezzo

Les Baux de Provence: il castello e l'antico villaggio provenzale

La Provenza si mostra in tutta la sua bellezza nel paesaggio magico delle Alpilles, una catena montuosa con orientamento ovest-est dove si trovano incredibili formazioni rocciose che si possono ammirare lungo la strada che proviene da St. Remy in direzione di Arles. Pareti di roccia verticali si alternano a zone ricche di foreste, rendendo affascinante il paesaggio curva dopo curva. La massima suggestione si raggiunge però a Les Baux, dove i resti di un antica fortezza si fondano con il colore chiaro delle rocce in un connubio che vi riporta indietro nel tempo, al tempo del medioevo quando i signori di Baux dominavo su questo angolo di Provenza.

Il nome di "Baux", ha dato il nome ad una roccia, la bauxite, scoperta per la prima volta proprio nelle Alpilles, e il nome proviene dal villaggio di Baux-de-Provence. Si tratta di una roccia molto importante dal punto di vista economico, per la sua ricchezza in alluminio.

Per arrivare a Les Baux si utilizza la A8 che dal confine italiano conduce verso Aix-en-Provence e Marsiglia, per poi immettersi sulla Autostrada A7. Arrivati a Salon de Provence si può decidere se proseguire sulla A7fino a Cavaillon e da qui proseguire per St. Remy e Les Baux, oppure piegare sulla A54 in direzione di Arles-Nimes e uscire in direzione di Mouries e affrontare le Alpilles dal versante sud fino ai magici paesaggi di Les Baux.

Appena dentro l'ingresso del borgo si trovano strette strade ciottolate, bar con terrazza, negozi di souvenir e turisti. Les Baux è un sito turistico molto popolare, vedrete spole di autobus raggiungere il parcheggio durante il giorno, ed è quindi consigliabile visitare il villaggio ed il castello al mattino presto, arrivando già alle 9 di mattino o prima, per gustarsi la magica solitudine delle strade medioevali. Il periodo migliore per visitare il sito è la primavera e l’estate, ma sono anche i momenti di maggiore affollamento. In inverno è più difficile imbattersi nei tour organizzati e le Alpilles hanno un fascino speciale nelle giornate di nebbia in pianura.

Le prime tracce della presenza umana sul pianoro di Les Baux-de-Provence dal punto di vista archeologico è attestata dal periodo neolitico, circa 6000 anni avanti Cristo.

La presenza di un castello è invece attestata da documenti dallaseconsa metà del 10° secolo. Il primo noto membro della famiglia di Les Baux, Pons Le Jeune, è citato in un testo della fine del 9° secolo. La famiglia resse le vicende del sito, con anche fasi cruente, fino all’ultima superstite, la principessa Alix, è che morì al castello nel 1426.

La storia è stata lunga e movimentata durante questo periodo: conflitti (guerre in Les Baux), rivolte, assedi, le guerre di religione, nonostante ciò durante il 16 ° secolo Les Baux divenne un sito prospero, che vide un grande sviluppo architettonico con la costruzione di nuovi appartamenti nel castello e molti palazzi privati. Purtroppo, ci sono poche tracce rimaste di opere d'arte (pittura e arti decorative) risalenti a questo periodo aureo.

Il castello fu infine distrutto nel 1632, durante il periodo del Cardinale Richelieu, a causa di problemi provocati da ribelli che vi avevano preso rifugio. Questa distruzione volontaria spiega molto la condizione un po’ fatiscente degli edifici di oggi.

Il Castello (Château des Baux) si trova a nord-est del pianoro nel punto più alto (241m) e
comprende molti edifici di epoche diverse in diversi stati di conservazione, mostrando i cambiamenti che i signori e gli abitanti di Les Baux hanno applicato attraverso i secoli: tra questi si nota l'estensione del castello stesso e le varie modifiche della Sainte Chapelle – Catherine e la "Ruelle castrale”.
Il fascino intenso che il castello emana è dovuto al fatto che il gruppo di edifici è impostato sulla roccia, sfruttando le sue naturali cavità e pareti. Esso include bastioni, le torri, un mastio, una cappella e varie abitazioni.

Appartenente al castello medievale, la cappella di Santa Caterina è in parte scavata nella roccia e in parte costruita in pietra. Il coro è di fronte ad est e l'ingresso volge ad ovest.
La sua struttura è semplice: rettangolare e composta da una navata con due baie, una sola delle quali ha conservato la sua copertura.
Tracce di archi sulla pareti interne mostrano le modifiche architettoniche successive del complesso. Le parti più antiche potrebbero invece risalire all’11° secolo.

La Ruelle Castrale è una corsia che separa il castello dalla Maison du Four e conduce dalla scalinata di pietra alla Cappella di Santa Caterina.

Il punto di partenza per il tour di Castello è la Tour de Brau che oggi ospita il museo di storia di Les Baux che ha una mostra di modelli di Castello nel 13 ° secolo e durante il Rinascimento.
Il palazzo di Tour de Brau, che apparteneva ad una famiglia dello stesso nome nel corso del 15° e 16° secolo, è stato probabilmente costruito all'inizio del 12 ° secolo. Si tratta di una delle più interessanti residenze del vecchio e nobile paese di Les Baux.

Il villaggio: Grand - Rue è la strada principale del villaggio, fiancheggiata da una parte e per quasi tutta la lunghezza da grandi case di una volta appartenenti ai più ricchi borghesi e alle nobili famiglie. L’Hotel de la Manville, oggi il municipio, è senza dubbio la più grande di queste residenze e uno delle meglio conservate.
Fu costruita nel 1571 da un architetto di Vivarais per Claude de Manville, che proveniva da una famiglia protestante di Tolosa. Claude I de Manville è stato un capitano della flotta Reale e uno dei cavalieri del Santo Sepolcro.
Al primo piano ora nella Camera di Consiglio del Municipio troviamo un monumentale camino (1572) sormontato da un fregio decorato e resti di colonne doriche.

La chiesa di Saint-Vincent è uno dei più antichi monumenti del borgo e si trova a "Place Saint Vincent". Questo monumento ha una pianta quadrata e orientata est-ovest. Tutte le chiese della Valle del Baux sono costruite nello stesso modo, in perfetta conformità con il simbolismo cristiano, che pone la facciata verso il tramonto, da dove viene il buio e l'altare in direzione della luce, che simboleggia Cristo.

La chiesa all’interno possiede tre navate. Quella di sinistra, la chiesa primitiva e la parte più antica, risale al 10° secolo. La sua volta semicircolare è decorata con festoni triangolari caratteristici del periodo carolingio. Questa navata ha tre cappelle intagliatenella roccia.
La navata principale in stile romanico risale al 12 ° secolo. Nel 1550 una galleria venne aggiunta sopra l'entrata. Sopra l'altare maggiore vi è un bel dipinto raffigurante la sentenza di condanna di Saint Vincent che fu fatto martire.
La navata di destra, in stile gotico nel lato nord dell'edificio è composta da 3 cappelle, una delle quali ospita il cenotafio della famiglia Manville, che possiede una fiammeggiante volta gotica.
Sulla facciata sud si trova una torretta circolare sormontata da una cupola decorata con la “lanterna dei morti” dove veniva posta una fiamma accesa ad annunciare la morte di un abitante del villaggio.

La porte Eyguières, permetteva agli abitanti del villaggio di recuperare l'acqua della pianura del Vallon de la Fontaine, dove si trova una sorgente e una lavanderia. Gli abitanti locali la chiamano semplicemente la porta lou Porteau.
Lo stemma della casa di Grimaldi, anche se danneggiato durante la Rivoluzione, è ancora visibile sopra la postierla. Fondata come marchesato nel 1643, Les Baux e le sue torri appartenevano alla famiglia Grimaldi fino al 1790.
Anche se la Rivoluzione francese ha abolito i privilegi, il principe Alberto di Monaco conserva il titolo onorario di Marchese di Les Baux.
  •  
01 Novembre 2017 Halloween a Cinecittà World: programma e ...

Le lunghe giornate estive stanno lasciando il passo alle fresche e più ...

NOVITA' close