Cerca Hotel al miglior prezzo

Caen (Bassa Normandia), la cittą sulle rive del fiume Orne

Caen, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

  • Mairie de Caen
  • abbaye aux Dames
  • St. Etienne
Nel cuore della Normandia, appollaiata sulle rive del fiume Orne, si estende la cittadina francese di Caen, con i suoi 110.000 abitanti e il suo centro dal sapore antico, costellato di affascinanti abbazie. Proprio per la sua posizione geografica nella Francia settentrionale, il clima di Caen non è sempre adatto alle vacanze e alle esplorazioni: il periodo migliore per una visita è infatti quello che va da aprile a settembre, quando le giornate si allungano e le temperature si fanno più miti. Al contrario, il resto dell’anno è caratterizzato da correnti d’aria fredde e un tasso di precipitazioni tra i più elevati del paese: le temperature invernali variano tra i 2°C di minima media e i 7°C di massima, mentre dicembre, il mese più piovoso, conta ben 25 giorni di pioggia medi sul totale.

Di antiche origini, Caen visse il suo momento di gloria quando Guglielmo il Conquistatore la scelse come residenza: fu proprio lui, insieme a sua moglie Matilde, che fece costruire le numerose abbazie che ancora oggi caratterizzano la città e ne sono divenute il simbolo distintivo. Un altro momento di prosperità, specialmente economica, ci fu nel XIX secolo, quando centinaia di navi frequentavano assiduamente il porto cittadino per trasportare tonnellate di pietra bionda, di cui erano ricche le cave che si estendevano al di sotto dell’insediamento. La stessa pietra, oggi soppiantata dal cemento, veniva utilizzata dai sovrani normanni per le più imponenti costruzioni d’Inghilterra.

Uno dei momenti più duri e difficili per Caen fu invece la seconda Guerra Mondiale: vicinissima al punto in cui gli alleati sbarcarono, nel celebre D-Day del 1944, la città subì considerevoli danneggiamenti durante il conflitto, oggi fortunatamente sanati grazie a un’efficace opera di ricostruzione e valorizzazione. Il risultato che si incontra una volta varcate le soglie di Caen è un centro storico dall’aspetto curato e gradevole, non privo di piccoli gioielli che meritano l’attenzione di chi è appassionato di arte, storia e architettura.

Si può cominciare un esplorazione del cuore di Caen dall’Abbazia degli Uomini, una massiccia costruzione millenaria che comprende al suo interno la splendida Chiesa di St.Etienne, in stile tipicamente romanico: quest’ultima è, attualmente, la sede esclusiva del Municipio. A fare da contro canto alla versione maschile non poteva mancare l’Abbazia delle Donne o delle Dame, che si trova nella zona orientale della città: il bell’edificio fu edificato per volere della regina Matilde e custodisce la Chiesa della Trinità, oggi adibita a Consiglio Regionale della Bassa Normandia.

A partire dall’Abbazia degli Uomini si può proseguire a piedi verso il cuore della città, imbattendosi in un’altra interessante costruzione religiosa: la Chiesa di St.Pierre, risultato di un lungo lavoro portato avanti a più riprese, da sempre storico punto di riferimento per la vita spirituale dei fedeli cittadini. Intorno ad essa si dirama poi la parte più bella e meritevole di Caen, con il vecchio Castello, dimora prediletta dal sovrano, in posizione dominante sugli altri edifici del luogo e oggi utilizzato per le esposizioni del Museo di Normandia e del Museo delle Belle Arti. Non lontano si incontrano i residui delle vecchie mura che difendevano la residenza reale.

Le Chiese degne di nota che costellano Caen sono in tutto circa quaranta, tra cui la Chiesa di San Pietro, realizzata tra il XII e il XVI secolo, o la Chiesa di St. Jean, edificata proprio sopra le antiche paludi e per questo motivo oggi leggermente inclinata da un lato. Di alcune chiese rimangono oggi soltanto le mura perimetrali: è un peccato aver perduto pezzi di testimonianze storiche così preziose, ma le “mutilazioni” che il tempo ha inferto a questi edifici non fanno altro che conferir loro un’aura di magia e decadenza romantica.

Da vedere sono anche l’Università, creata da Enrico VI nel 1432; la Maison des Quatrans, dimora caratteristica del XIV secolo; il Museo della Posta, situato all’interno di una suggestiva casa in legno risalente al XV secolo e ristrutturata di recente. Non lontano da Caen ci si imbatte nel rinomato e frequentatissimo Mémorial pour la Paix, il museo situato a nord della cittadina e che contiene interessanti testimonianze riguardo alla Seconda Guerra Mondiale, immerso nello scenario costiero in cui gli alleati sbarcarono per cancellare dall’Europa la piaga del Regime Nazista.

Chi ama la buona tavola rimarrà gradevolmente sorpreso dalle tante pietanze gustose e caratteristiche che si possono assaggiare a Caen, a partire dalla trippa sino al tipico teurgoule, il riso condito con latte caramellato. Gli amanti del divertimento e dello svago potranno invece assistere alle corse ippiche oppure, se hanno la fortuna di trovarsi in città nel periodo giusto, partecipare a una delle numerose manifestazioni ludiche e culturali che vi si svolgono durante l’interno corso dell’anno.

In Aprile le strade vengono invase dal tradizionale mercatino Pasquale, mentre in giugno il Festival de la Paix regala ore e ore di danze, musica e spettacoli vari nelle diverse strade e piazze cittadine. Lo scopo è quello di avvicinare le persone e far condividere alla cittadinanza un momento di festa, in cui ricordarsi della solidarietà e delle somiglianze che accomunano tutti gli uomini. In settembre l’evento più importante è il Marina Festival, che celebra la vocazione marittima di Caen tramite l’organizzazione di gite in barca, mostre, mercatini e molto altro ancora, il tutto condito ovviamente, ancora una volta, da musica e danze.

Per raggiungere la città in aereo si atterrerà all’Aeroporto di Caen, a circa 5 km dalla città, in località Carpiquet. In macchina, venendo da Parigi, ci si potrà servire dell’autostrada a pedaggio che collega la capitale a Caen, a 240 km, passando per Rouen. Sempre da Parigi, partendo dalla stazione Saint-Lazare o Montparnasse, ci sono linee dirette verso Caen che consentono di raggiungerla in un paio d’ore.

Fonte foto, cortesia: wikipedia
Autori: Urban, Pascal Radigue,

  •  

 Pubblicato da - 17 Gennaio 2009 - © Riproduzione vietata

News più lette

27 Novembre 2017 Valtellina: tour tra gastronomia, vino e ...

Si scrive Valtellina, si legge (anche) eccellenza a tavola. Sì, ...

NOVITA' close