Cerca Hotel al miglior prezzo

Courseulles sur Mer, viaggio nella localitā balneare della Normandia

Courseulles-sur-Mer, guida alla visita: cosa fare e vedere tra le sue attrazioni. Dove si trova, i dintorni, come arrivare e il meteo.

Turisti francesi, soprattutto parigini, o viaggiatori provenienti da tutto il mondo costituiscono l’esodo che, ogni estate, porta a 15.000 persone la popolazione del comune di Courseulles sur Mer, cittadina del dipartimento del Calvados nella regione della Bassa Normandia, nella Francia settentrionale. La città, spaccata in due dal corso del fiume Seulles, vanta un pittoresco porto in cui stazionano pescherecci e yachts di ogni tipo, utilizzato nel 1944 dall’esercito Canadese per scaricare tonnellate di materiali nelle due settimane successive al D-Day.

Del villaggio originario, denominato Courtisigny e anticamente collocato nel sito dell’attuale Courseulles, si hanno notizie a partire dal XII secolo ma si tratta probabilmente di una fondazione molto più antica, databile in epoca romana. La sua situazione geografica gli conferì da subito una vocazione marittima e il suo assetto si è stabilito intorno a due principali attività basate sullo “sfruttamento” del mare: la costruzione di navi e la coltura delle ostriche. Questa tradizione si è sviluppata nei secoli, fino a che la città non è diventata nel XIX secolo la principale fornitrice di prelibate ostriche di Parigi. Queste venivano trasportate per mezzo di carrozze trainate da cavalli, chiamate “Comètes” in onore della cometa che nel 1818 solcò il firmamento sopra le teste dei francesi.

Tappa importante e tuttora viva nella storia di Courseulles-sur-Mer è il 14 luglio 1944, quando il generale De Grulle attraversò la Manica a bordo della nave francese La Combattante, sbarcando sulla costa a metà strada tra Courseulles e Graye-sur-Mer. Una croce lorenese è stata eretta lungo il confine tra i due comuni, e una placca commemorativa si trova all’uscita del porto.

Tra i luoghi più famosi della città c’è sicuramente il Centre Juno Beach, che ripercorre la storia del Canada durante la Seconda Guerra Mondiale sino a raccontare il Canada attuale, attraverso esposizioni e mostre per grandi e piccoli. Fanno parte dello stesso centro i “Jardins de la Mer”, che danno la possibilità di percorrere la spiaggia Juno esattamente dove sono sbarcati gli alleati. Oltre a comprendere meglio un avvenimento tanto importante, la passeggiata in mezzo alle dune è perfetta per godere appieno della flora e della fauna del litorale. L’accesso è libero e c’è la possibilità di fare delle visite guidate.

In una località tanto strettamente legata al mare non poteva mancare un centro nautico all’avanguardia, che dal 1997 vanta nuove imbarcazioni, un’architettura moderna con vasti locali, e l’organizzazione di numerose attività nautiche individuali o collettive, proposte durante l’intero arco dell’anno.

Gli amanti della musica apprezzeranno un’iniziativa giovane ma promettente: nel luglio del 2008 si è infatti tenuto a Courseulles sur Mer il primo festival “Musique en Cote de Nacre”, che ha riunito ben 120 musicisti di 12 diverse nazionalità. Da Mozart a Schubert, passando per Beethoven, la performance ha riscosso un grande successo che non mancherà di incantare i turisti anche nelgi anni a venire.

L’influsso benefico del mare fa sì che sia gli inverni che le estate siano miti lungo il litorale, senza picchi di caldo o di freddo eccessivi: in gennaio, il mese più rigido, si va da una temperatura minima media di 2°C a una massima di circa7°C, mentre in estate i due estremi sono di 12°C e 22°C nei mesi di luglio e agosto. Le piogge non sono molto abbondanti: il record di precipitazioni è detenuto dal periodo che va da novembre a gennaio, con 8-9 giorni al mese, in media, di pioggia.

Courseulles sur Mer (Courseulles-sur-Mer) è a sole due ore di macchina da Parigi, pertanto non è difficile raggiungerla una volta atterrati con l’aereo nella capitale. Per chi si trovasse in Inghilterra invece, e avesse voglia di spingersi per una giornata oltre la Manica, sono disponibili corse giornaliere dei traghetti che raggiungono le coste della Normandia. In treno si può scendere alle stazioni di Caen o di Bayeux, per poi fare un tragitto in navetta di circa 30 minuti sino alla destinazione finale. Infine, chi si sposta in macchina, dopo Caen deve imboccare l’uscita 5 e prendere la D7 in direzione Epron. Dopo la circonvallazione di Mathieu si prende la D404 che continua nella D79 fino a Courseulles sur Mer.

Fonte foto, cortesia: wikipedia
Autori: Cevenol, Nitot,
  •  

 Pubblicato da - 15 Gennaio 2009 - Š Riproduzione vietata

News più lette

close