Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Ploumanac'h

Ploumanac'h: la cittą, la costa di granito rosa, il faro e il sentiero dei doganieri

Pagina 1/2

Della Bretagna sono famosi i cieli mutevoli e pieni di luce, le coste frastagliate e il caratteraccio del mare, che spesso schiaffeggia con impeto le scogliere scoscese. È lo stesso paesaggio che contraddistingue Ploumanac’h, piccolo centro portuale francese, ex borgo di pescatori divenuto nel tempo una famosa località balneare della cosiddetta Costa di Granito Rosa (Côte de Granit Rose). Siamo nella fascia di litorale che si tuffa verso il Canale della Manica, nella Francia nord-occidentale, e Ploumanac’h è un distretto di Perros-Guirec, cittadina dell’arrondissement di Lannion, nel dipartimento della Côtes-d'Armor.

Per secoli i venti e le onde del mare hanno modellato la costa con una maestria da grandi scultori, dando vita alla scogliera detta della Pointe de Squewel, dove le formazioni rocciose di granito rosato compongono uno scenario fiabesco, in cui ogni sasso ricorda un animale, un personaggio misterioso o un oggetto magico. Per questo gli scogli e i faraglioni hanno assunto nomi bizzarri, che fanno riferimento alle loro forme: ci sono il “Cappello di Napoleone”, il “Castello del Diavolo” e “Il Coniglio”. Tra questi colossi fantasiosi si taglia una vera costruzione, il faro, chiamato in lingua bretone Mean Ruz, ovvero “pietra rossa”. Da non perdere, a pochi metri dalla spiaggia di Ploumanac'h l'Oratorio di San Guirec, una cappella cristiana, che si erge su di una roccia: durante la bassa marea è facimente raggiungibile, mentre con l'alta marea acquista un fascino particolare, rimanendo completamente circondato dalle acque, diventando una cappella-isola.

Da Perros-Guirec si può raggiungere Ploumanac’h mediante un sentiero suggestivo, percorribile soltanto a piedi, che si chiama “Sentier des Douaniers”. Si trattava infatti, nei primi anni dell’Ottocento, di un sentiero creato appositamente dai doganieri per tenere sotto controllo i pirati e i contrabbandieri, sempre in agguato al largo della Bretagna. Inaugurato per i turisti nel 1907, il passaggio pittoresco a due passi dal mare è una passerella eccezionale per scoprire le bellezze naturalistiche della zona: camminare tra le sculture di granito è un’emozione impagabile, specialmente se ci si concede il tempo di chiudere gli occhi, inspirare a fondo l’aria salata e ascoltare in silenzio il sussurro del mare.

La passeggiata costiera richiede una mezza giornata di cammino, ma lungo il Sentiero dei Doganieri vi accorgerete che gli orari e le scadenze passano in secondo piano. Tra lo splendore di alcuni siti paesaggistici, come Cap Fréhel e la Pointe du Raz, e il fascino dei paesini portuali, ogni ora del giorno concede uno spettacolo diverso e sempre appassionante, dal rosa dei tramonti ai bagliori argentei dei pomeriggi autunnali. Ciuffi di ginestre e di erica danzano nel vento, mentre i gabbiani cantano per i visitatori di Ploumanac’h.

Ma la roccia non è l’unica componente del paesaggio costiero. A tratti ci si immerge nella prateria e si scopre l’ondeggiare suadente dell’erba alta: qui si nascondono piccoli abitanti dallo sguardo vispo, come le volpi, ma soprattutto oltre 40 specie di farfalle differenti, tutte leggiadre ed elegantissime nelle loro vesti colorate.
... Pagina 2/2 ...
Da vedere la Maison du Littoral, situata proprio di fronte al faro di Ploumanac’h, lungo il Sentier des Douaniers. Idealmente incastonata nel cuore della Costa di Granito Rosa, la casa offre una veduta panoramica magnifica ed è pronta tutto l’anno ad accogliere i visitatori, proponendo mostre tematiche, animazioni, visite guidate, uno spazio museografico e una bottega di prodotti naturali.

Per raggiungere Perros-Guirec, e da lì la bella Ploumanac’h, si possono valutare diverse possibilità. Chi viaggia in auto può servirsi dell’autostrada A11 Parigi-Rennes, quindi della N12 da Rennes a Perros-Guirec. La stazione ferroviaria più vicina è quella di Lannion, a una decina di chilometri, mentre l’aeroporto di Lannion si trova a 6 km circa.

Il clima della zona è piuttosto mite, con inverni dolci e estati fresche. Le temperature medie di gennaio, il mese più freddo, vanno da una minima di 4°C a una massima di 9°C, mentre in luglio e agosto passano da una minima di 13°C a una massima di 20°C. Le precipitazioni, diffuse nell’interno arco dell’anno, sono più limitate in estate e toccano il picco massimo nel mese di gennaio, quando piove mediamente per 15-20 giorni.

loading...
01 Giugno 2017 In moto con Suzuki: itinerario dal Cilento ...

In viaggio con Suzuki, giorno 3: il Cilento si unisce alla Costiera Amalfitana! E ...

NOVITA' close