Cerca Hotel al miglior prezzo

Le foto di cosa vedere e visitare a Langeais

Langeais, la torre di Foulques Nerra ed il castello di Luigi XI

Pagina 1/2

I suoi 4 mila abitanti sono artigiani, commercianti e produttori, dediti a trasformare a poco a poco la cittadina in un importante polo economico del dipartimento francese di Indre-et-Loire. Ma la bellezza della località risiede soprattutto nelle sue architetture magiche: Langeais è un paese incantevole della regione del Centro, appollaiato sulle rive della Loira e compreso tra i siti patrimonio mondiale dell’UNESCO.

Tutta la Valle della Loira, nel tratto compreso tra Sully e Chalonnes-sur-Loire, ha ottenuto il prestigioso riconoscimento dell’UNESCO, grazie al paesaggio naturale e culturale magnifico, percorso dall’argentino corso d’acqua e costellato di castelli splendidi, che fanno sognare un mondo dimenticato e lasciano a bocca aperta i visitatori.

Langeais è immersa in un territorio verdeggiante, incastonata tra il fiume, la foresta e gli appezzamenti coltivati, in una zona ricca di borgate affascinanti e famosa in tutta la Francia per la produzione di un vino delizioso, caratterizzata da un ponte elegante teso sul corso d’acqua. Ma l’attrazione più sorprendente è il castello, a sua volta scrigno di tesori inestimabili: edificato nel X secolo da Folco III Nerra detto “il Nero”, il maniero venne ingrandito all’epoca dei plantageneti e fortificato ad opera di Riccardo I d’Inghilterra. Riconquistato da Filippo II di Francia, venne raso al suolo dagli inglesi nel corso della Guerra dei Cent’anni e ricostruito nel 1465 da Luigi XI di Francia. Da allora è per tutti il Castello di Luigi XI.

Oggi si tratta di uno degli esempi più belli e meglio conservati di architettura tardo-medievale, visitabile da parte del pubblico: all’interno si può visitare la sala principale, che fu sede del matrimonio tra Carlo VIII di Francia e Anna di Bretagna. Fu Jacques Siegfried, nel 1886, ad acquistare il castello e ad avviare una grande opera di ristrutturazione.

Altra particolarità di Langeais, aldilà del celebre maniero affacciato alla Loira, è il magnifico ponte sospeso, con le sue torri e i suoi merli che ne fanno uno dei siti più fotografati della cittadina da parte dei visitatori. La decisione di realizzare un ponte risale al 1839, per volere di Louis Philippe, ma la prima pietra venne posata nel 1846 e l’inaugurazione, dal tono grandioso e celebrativo, avvenne nel 1849. Distrutto in parte una decina di anni dopo, venne inaugurato una seconda volta nel 1861.

Da vedere anche la chiesa di Jean-Baptiste, voluta da Saint Martin intorno all’anno 830, progettata insieme al battistero annesso: fu la prima chiesa rurale della Touraine. Nel X secolo divenne la basilica dedicata a Jean Baptiste, che in seguito fu modificata a più riprese: l’abside del XII secolo, la sacrestia e l’orologio sono stati rimessi a nuovo tra i 1914 e il 1933 e sotto l’abside c’è l’antica cripta, tuttora visitabile, risalente all’originaria chiesa del X secolo.
... Pagina 2/2 ...
Infine vale la pena di vedere due edifici civili di grande fascino. Si tratta della residenza cosiddetta “di Rabelais”, una casa situata di fronte al castello risalente al rinascimento, che secondo la tradizione ospitò lo scrittore francese Rabelais, benché non esistano prove a riguardo; il secondo edificio è “la Maison des Trois Rois”, anch’essa a breve distanza dal maniero, una delle più antiche dimore di Langeais, fondata probabilmente nel XV secolo.

Lungi dall’essere ancorata al passato, Langeais valorizza le proprie tradizioni ma con una vitalità contagiosa, che coinvolge i turisti e li fa innamorare di una terra ricca di storia, proiettata al futuro. A tal proposito vengono organizzate in paese diverse manifestazioni nell’arco dell’anno, ad esempio il Festival Bêl’Echo che si svolge alla fine di maggio nel parco dei divertimenti cittadino. Alla fine di giugno, invece, si tiene il festival Jour de Loire, in occasione del quale Langeais prende parte ai festeggiamenti che invadono le rive della Loira, con spettacoli, concerti, stand gastronomici, gite gratuite in battello e concorsi di pittura.

Non è difficile raggiungere questa terra incantata, qualunque mezzo di trasporto si decida di utilizzare. Situata sulla sponda settentrionale della Loira, a 25 km ad ovest di Tours, Langeais è raggiungibile dall’autostrada A10, venendo da Parigi, mediante l’uscita numero 20 Tours Sainte Radegonde, seguendo poi le indicazioni per Samur. Se al contrario si viene da Bordeaux, sempre sull’autostrada A10, bisogna prendere l’uscita 24.
Per chi preferisce il treno, la stazione ferroviaria di Langeais è situata sulla linea Tours-Nantes, mentre l’aeroporto più vicino è quello di Tours, a 30 km circa.

Giunti alla meta vi troverete immersi in un clima generalmente gradevole, con temperature miti e precipitazioni limitate nella stagione calda, più frequenti e abbondanti nel periodo invernale. Le temperature medie di gennaio, il mese più rigido, variano tra un minimo di 2°C e un massimo di 7°C, mentre in luglio e agosto, i mesi più caldi, si va dai 13°C ai 25°C. Le precipitazioni toccano il picco massimo in gennaio, quando piove in media per 12 giorni sul totale.

close