Cerca Hotel al miglior prezzo

Estavayer-le-Lac in Svizzera sulla riva del Lago di Neuchâte

Estavayer-le-Lac è una piccola e meravigliosa cittadina medievale situata sulla riva sud-est del Lago di Neuchâtel nell'occidentale Canton Friburgo svizzero, famoso perché ospita la regione della Gruyère in cui si produce l'omonimo formaggio conosciuto in tutto il mondo. Circa 6.300 abitanti distribuiti su un territorio che si estende per poco più di 8 km2 per uno dei siti naturalistici più suggestivi della Svizzera ed uno dei più ricercati paradisi per gli sport nautici.

Il sito ha origini molto antiche, risalenti quasi sicuramente al periodo preistorico del Mesolitico, circa 8000 a.C; ne sono testimonianza i pochi ma importantissimi scavi archeologici che sono stati riportati alla luce. Conquistata in seguito dai Romani e rasa al suolo dai Barbari, Estavayer-le-Lac ha raggiunto il suo periodo di maggior splendore durante il Medioevo ed è alla famiglia, una delle più potenti di questa zona, che ha dato il nome al piccolo borgo che si deve il suo splendore. Non sono molte le informazioni giunte fino a noi su quale sia stata l'origine del borgo e quale fosse la sua planimetria originaria, ma certamente la Collégiale Saint Laurent ed il Château de Chenaux, i due monumenti più significativi ancor oggi, erano già presenti nel XIV secolo ed esistono fonti certe che attestano la presenza fin dai tempi più remoti di un vivace centro cittadino e di un quartiere al di fuori delle mura a vocazione agricola, come i resti dei mulini, dei granai sulla riva del lago ancora testimoniano, popolato da pescatori che abitavano nelle piccole case allineate lungo la costa di cui esiste ancora qualche traccia nel villaggio lacustre di Gletterens, situato poco più a nord dell'attuale agglomerato urbano.

Si fa in fretta a percorrere le piccole ed affascinanti strade lastricate del piccolo centro storico che in pochi passi portano lungo un percorso circolare il visitatore alla Collégiale Saint Laurent, la chiesa gotica perfettamente conservata che è stata ricostruita tra il XIV ed il XVI secolo sui resti di un precedente edificio romanico e che con le sue quattro torri conferisce un aspetto caratteristico a tutto il villaggio. Poco lontano si incontra l'imponente Château de Chenaux che è arrivato alla conformazione attuale grazie ad una serie di ristrutturazioni, ampliamenti e ricostruzioni. Intorno al 1285 il castello venne fondato da Peter e William de Estavayer e vedeva la presenza di tre torrette a due piani ed una torre più grande d'ingresso; a metà del 1400 venne aggiunta un'ulteriore torre di guardia ed un ponte lavatoio all'ingresso principale, al fine di difendere meglio l'edifico; in ultimo venne ricostruito nel 1503 dopo essere stato bruciato durante la Guerra di Borgogna.

Quando si arriva in cima nella piazza di Moudon si può godere di una panoramica e suggestiva vista sul Massiccio del Giura, la catena montuosa situata a nord del lago sottostante, perfettamente attrezzato con due spiagge di sabbia, un porto turistico e strutture per sportive e per la ricezione turistica: vela, windsurf, pedalò, sci nautico, campeggi e aree per l'accoglienza di roulotte e camper animano allegramente la costa lacustre. Estavayer-le-Lac è molto rinomata per gli sport acquatici, tant'è che nei mesi di giugno e luglio diventa teatro dell'International Wakeboard Contest, il raduno di appassionati che si esibiscono in acrobazie sull'acqua con jet-ski e wakeboard.
Tuttavia anche l'entroterra offre possibilità di escursioni a piedi o in bicicletta lungo i sentieri che si inerpicano sulle dolci colline e lungo i quali si possono trovare ristoranti rustici in cui gustare i piatti tipici della regione a base principalmente di pesce.

Poco più a sud, sempre lungo le sponde del Lago di Neuchâtel si trova la Palude di Cariçaie, la più grande della Svizzera, dove è possibile ammirare una grande e suggestiva Riserva Naturale in cui sono ospitate più di 800 specie vegetali e più di 10.000 specie animali, tra cui uccelli rari e preziosi. Sentieri didattici si sviluppano all'interno dei 40 km di paesaggio tutelato, addentrandosi nella palude e nei boschi e portando il visitatore a scoprire a luoghi meravigliosi.
Nelle vicinanze, a soli 30 km, si trova Friburgo, la capitale del Cantone, una delle poche città bilingue della Svizzera dove si possono ammirare le imponenti architetture medievali ancora magnificamente conservate.

Come arrivare
In auto. Percorrere l'autostrada A1 e prendere l'uscita 26 di Estavayer-le-Lac.
In treno. Estavayer-le-Lac ha una stazione servita dai treni delle Ferrovie Federali Svizzere.
In autobus. La compagnia di autotrasporti AutoPostale assicura i collegamenti nella regione.
In aereo. L'aeroporto di Berna si trova a 75 km, quello di Ginevra-Cointrin è a 105 km e quello di Basilea-Mulhouse-Friburgo a circa 150 km.
  •  

 Pubblicato da - 03 Febbraio 2017 - © Riproduzione vietata

close